Esplora i 500 anni di storia dell'iconica torre di Belém di Lisbona in Portogallo, attraverso il progetto di collaborazione di Google e dell'Unesco.

Cosa fare del punto di vista di Google sui siti del patrimonio mondiale dell'Unesco?

Di recente, Google e l'UNESCO hanno unito le forze e offrono tour virtuali dei siti del patrimonio mondiale. Attraverso l'app Google Arts & Culture, i visitatori possono ora esplorare luoghi come il Taj Mahal, Stonehenge e la Torre di Belém, in un modo "Google". Il gigante tecnologico americano spera le persone possono "godersi un tour virtuale del giro del mondo di monumenti culturali e luoghi eccezionali di bellezza naturale".

Non è raro visitare e sperimentare digitalmente il patrimonio culturale. Anche prima dell'inizio della pandemia COVID-19, i visitatori del Google Arts & Culture l'app potrebbe già scegliere di visualizzare una varietà di singole opere d'arte, manufatti o intere gallerie. Tuttavia, il nuovo file siti del patrimonio mondiale i tour si concentrano maggiormente sui luoghi e sugli edifici, anziché sull'arte. Un'ottima alternativa per chi non ha voglia di girovagare per città, chiese o parchi. Ma resta da vedere se dovremmo essere soddisfatti del coinvolgimento dei giganti della tecnologia nel patrimonio in generale.

Storie di presentazioni

La piattaforma Arts & Culture, lanciata nel 2011, si concentra sul portare arte e cultura ai visitatori. Dopo la pandemia, più mostre e opere d'arte sono state digitalizzate. A volte le presentazioni possono essere paragonate a racconti brevi. Navighi attraverso una serie di diapositive composte da immagini con brevi testi. A prima vista, niente di nuovo per molti utenti di Internet, ma la natura dettagliata e immersiva di queste mostre rende un'esperienza interessante.

Per un momento, credi davvero di essere solo con la tomba di Inês, studiando ogni dettaglio delle imponenti sculture gotiche.

Un ottimo esempio è la mostra virtuale dei portoghesi monastero di Alcobaça. La proiezione di diapositive racconta la storia d'amore di Re Pietro I e Inês de Castro in quanto mostra luoghi e sculture gotiche all'interno del monastero. Poiché il racconto non contiene pubblicità, navigazioni complicate o proposte che competono per la tua attenzione, puoi concentrarti sui brevi paragrafi di testi e immagini presentati.

L'immagine a schermo intero consente di ingrandire i dettagli più piccoli. In altre diapositive, puoi girovagare in un'area con Google Street View a 360 °. La navigazione richiede un pensiero minimo e quindi offre un'esperienza immersiva. Per un momento, credi davvero di essere solo con la tomba di Inês, studiando ogni dettaglio delle imponenti sculture gotiche.

L'esperienza di Google

Sebbene molti musei o istituzioni abbiano creato mostre online, l'esperienza di Google Arts & Culture sembra distinguersi dalle altre visite virtuali. Ad esempio, Art Camera di Google può creare immagini di dipinti ad altissima risoluzione consentendo ai visitatori di ingrandire ogni dettaglio. I musei partner possono anche digitalizzare le loro gallerie tramite le tecnologie Museum View o Tabletop Scanner.

Un fattore importante da considerare è la capacità di Google di offrire i migliori e più recenti sviluppi tecnologici per portare arte e gallerie ai clienti. A causa delle enormi riserve finanziarie del gigante della tecnologia, Google può continuare a investire per anni senza alcun ritorno finanziario.

Invece di annoiare a morte un visitatore con grandi pezzi di testo e piccole immagini, la piattaforma si concentra sul coinvolgimento dei visitatori.

Una seconda ragione del suo successo è l'attenzione di Google sull'esperienza del cliente. Il più delle volte, la prima preoccupazione dei musei quando si tratta di tour online è quella di mostrare la propria collezione e mostrarsi come un'organizzazione. L'esperienza dei visitatori arriva spesso all'ultimo posto.

Invece di annoiare a morte un visitatore con grandi pezzi di testo e piccole immagini, la piattaforma Arts & Culture si concentra completamente sul coinvolgimento dei visitatori. Le mostre ti danno la libertà di girovagare dove vuoi. La piattaforma si concentra anche molto di più sugli strumenti educativi e ti consente di creare le tue collezioni dei tuoi edifici, luoghi e manufatti preferiti.

Google Arts & Culture offre molti strumenti con cui i visitatori possono interagire. Immagine: screenshot Google Arts & Culture

Monopolio del patrimonio

La collaborazione di Google e Unesco sembra un progetto di successo. Entrambe le parti si attengono ai propri punti di forza. L'Unesco fornisce il patrimonio, mentre Google la tecnologia. Dopo aver vagato virtualmente per il Taj Mahal, le rotte dei pellegrini spagnoli e i templi indonesiani, puoi chiudere il browser con la sensazione di aver visto e imparato a conoscere alcuni luoghi speciali della terra.

Tuttavia, non tutti sono entusiasti della digitalizzazione del patrimonio da parte di giganti della tecnologia come Google. Poiché l'azienda americana dispone di una quantità quasi illimitata di risorse finanziarie, la monopolizzazione del patrimonio culturale (digitale) comincia a sembrare una seria possibilità. Quali sono le conseguenze di questi sviluppi per la nostra privacy e i nostri diritti d'autore in futuro? Va bene lasciare il nostro patrimonio digitalizzato nelle mani di supercompany di proprietà privata come Google?

Fateci sapere le vostre opinioni in merito inviando la vostra reazione a [email protected]

[yop_poll id = "1 ″]

Fonte: Google Arts & Culture, Google La parola chiave Monastero di Alcobaça

Per saperne di più patrimonio digitale o controlla uno dei tag di seguito:

X