Spiegazione: come si diventa un patrimonio mondiale dell'UNESCO?

Selezioni dei siti del patrimonio mondiale spiegate in sei domande

Un iconico sito del patrimonio mondiale, il Mont-Saint-Michel in Francia ha avuto un problema turistico per diversi anni. Immagine: grandriver e Prolineserver (Canva/Wikimedia) CC BY-SA 2.5

Le Piramidi di Giza, la Grande Barriera Corallina, il palazzo di Versailles e altri 1151 siti costituiscono la "lista del patrimonio mondiale". Il vasto elenco comprende non solo siti culturali e storici, ma anche patrimonio naturale; le Isole Galápagos sono in realtà la prima iscrizione. Ma come funziona il processo per acquisire l'etichetta e un posto nella prestigiosa lista? EHT ha deciso di scoprire e ha scoperto che il prestigioso programma ha suscitato più polemiche nel corso degli anni di quanto si possa pensare all'inizio.

Dove è iniziato tutto?

L'atteggiamento nei confronti della protezione del patrimonio è cambiato drasticamente negli anni '1950 e '1960, quando l'Egitto ha annunciato il progetto della diga di Assuan, che avrebbe sommerso e distrutto molti siti storici. Ciò ha attirato risposte da tutto il mondo e ha inserito il concetto di conservazione del patrimonio nell'agenda internazionale.

Ciò è culminato nella "Convenzione sulla protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale" dell'UNESCO del 1972, che ha istituito sia il Comitato del patrimonio mondiale che la Lista del patrimonio mondiale. La convenzione è stata ora ratificata da 194 stati.

La statua di Ramses il Grande al Grande Tempio di Abu Simbel viene rimontata dopo essere stata spostata nel 1967 per salvarla dall'allagamento del progetto della diga di Assuan. Immagine: Per-Olow Anderson tramite Wikimedia (dominio pubblico)

Chi decide cosa va sulla lista?

Non è solo il Comitato del Patrimonio Mondiale. In effetti, spesso inizia a livello locale.

Il primo passo è quello di presentare una "Elenco provvisorio" al Comitato. Questo elenco è creato dallo stato e contiene tutti i possibili siti all'interno di un paese. Gli attivisti e gli attivisti dovranno convincere il loro governo a includere i loro siti locali in questo elenco prima di essere presi in considerazione dal Comitato.

Gli stessi paesi spesso hanno un'enfasi specifica su quali dovrebbero essere i siti o le pratiche del patrimonio appena arruolati. In Germania, ad esempio, c'è un focus in più sulle tradizioni della Germania dell'Est, poiché quella parte del paese è ora sottorappresentata. La Finlandia spera di prestare maggiore attenzione al patrimonio indigeno, mentre la Francia mira a includere come patrimonio sia i siti storici culturali che quelli storici sociali.

Con la Tentative List, i governi o gli stati parti possono quindi presentare un dettagliato "File di nomina". È qui che inizia il vero lavoro, poiché il Comitato richiede una relazione esauriente, insieme a mappe e documenti pertinenti.

Tale relazione sarà quindi verificata e valutata da organizzazioni di esperti. L'International Council on Monuments and Sites (ICOMOS) valuta i siti del patrimonio culturale e l'International Union for Conservation of Nature (IUCN) valuta i siti naturali.

Infine, spetta all'attuale Comitato del Patrimonio Mondiale prendere una decisione, che si tiene in una conferenza ogni due anni in estate. Possono anche andare contro i suggerimenti di ICOMOS o IUCN.

Quali sono i criteri?

Ryūgen-ji mabu (tunnel della miniera) presso la miniera d'argento di Iwami Ginzan. Immagine: Yama 1009 tramite Wikimedia (CC BY-SA 3.0)

Ci sono 10 punti di criteri, ma un sito non deve necessariamente soddisfarli tutti. Solo uno dei criteri deve essere soddisfatto affinché un sito sia idoneo e i punti sono notoriamente vaghi. Ecco alcuni esempi di ciò che un sito potrebbe mostrare:

i) rappresentare un capolavoro del genio creativo umano

iv) essere un esempio eccezionale di un tipo di edificio, insieme architettonico o tecnologico o paesaggio che illustri (a) fasi significative nella storia umana

vii) contenere fenomeni naturali superlativi o aree di eccezionale bellezza naturale e importanza estetica

Il fatto che un sito soddisfi i criteri dipende dal Comitato e può essere vulnerabile alle lobby. Ad esempio, la miniera d'argento di Iwami Ginzan in Giappone è stata iscritta nel 2007, nonostante i dubbi dell'ICOMOS sul fatto che soddisfacesse uno qualsiasi dei criteri.

Quali sono i vantaggi?

Ci sono vantaggi forniti dall'UNESCO per proteggere e conservare i siti e l'UNESCO spesso indica i vari modi in cui la consapevolezza della cultura unisce le persone. Maggiore consapevolezza significa anche maggiore protezione, ma i siti elencati possono anche ricevere assistenza finanziaria e la guida di esperti dal Comitato per contribuire a proteggere i siti.

Per molti, però, la vera attrazione è il turismo. L'etichetta consente ai siti di ritagliarsi un'identità globale e attirare turisti globali. Gli elenchi aiutano davvero a mettere un posto sulla mappa e questo può portare enormi entrate: i templi di Angkor in Cambogia hanno attratto meno di 10,000 visitatori nel 1993 quando fu iscritto; ora milioni di persone li visitano ogni anno.

Qualcosa è mai stato tolto dalla lista?

Sì – tre volte.

Nel 2007, il santuario di Oryx arabo dell'Oman è stato cancellato dopo che il governo ha ridotto le dimensioni del santuario del 90%: al momento della rimozione, il bracconaggio e il degrado dell'habitat avevano lasciato solo 4 coppie riproduttive di Oryx.

Nel 2009, la Valle dell'Elba a Dresda è stata rimossa dalla lista. Il ponte Waldschlösschen era in costruzione da un paio d'anni, il che ha causato preoccupazioni sull'identità della valle. Dopo un'intensa discussione, i piani per costruire il ponte sono proseguiti e, in cambio, l'etichetta del Patrimonio Mondiale è stata rimossa dall'area.

Nel 2021, la città mercantile marittima di Liverpool è stata eliminata dall'elenco a causa della moderna costruzione del sito. Secondo il World Heritage Committee, la riqualificazione nell'area, incluso uno stadio di calcio da 500 milioni di sterline, ha portato a un calo percepito dell'autenticità e alla perdita di "attributi storici".

Il ponte Waldschlösschen in costruzione vicino a Dresda nel 2011. Immagine: Brücke-Osteuropa CC0

Tutti d'accordo?

Sicuramente no. Ci sono molte critiche sia al Comitato del Patrimonio Mondiale che alla Lista.

Mentre i comuni e gli enti turistici spingono per il numero di visitatori, l'impatto del turismo può essere incredibilmente dannoso sia per il sito che per la comunità locale. Gli elenchi del patrimonio mondiale possono spesso avere l'effetto opposto del previsto, poiché la mercificazione spinge i governi a cercare profitto nel patrimonio, piuttosto che nella conservazione. Pensa ai problemi del turismo di massa a Venezia o al Mont-Saint-Michel per esempio.

In secondo luogo, la struttura del Comitato del Patrimonio Mondiale è molto aperta alla politicizzazione e alla burocrazia. La vaghezza dei criteri per l'inserimento nell'elenco offre opportunità di lobbying e potenziali abusi da parte del Comitato.

Il principale punto di forza dell'UNESCO è il suo "soft power". Può guidare e suggerire, ma a parte tagliare i fondi e cancellare le iscrizioni, ha poca manodopera. La responsabilità di preservare il patrimonio resta dei governi. I paesi possono aver ratificato la convenzione, ma è difficile da applicare.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X