Blog ESACH | Come progettare un piano di preparazione ai rischi secondo il secondo protocollo della Convenzione dell'Aia del 1954

Nonostante le lezioni che possono essere ampiamente tratte dall'esperienza storica, il patrimonio culturale non è generalmente pensato in termini di protezione dagli eventi di guerra. I piani di gestione urbana di contesti culturalmente rilevanti, infatti, raramente includono misure preventive per minimizzare i danni di un conflitto armato; misure che dovrebbero ovviamente essere preparate e attuate durante il periodo di pace. Tuttavia, il patrimonio culturale ha un grande impatto sull'immagine di un Paese e sulla sua economia e come tale è una pietra angolare notevole del suo sviluppo futuro.

Scritto da: Allesandra De Masi

Nel complesso, però, non siamo disarmati contro la distruzione della guerra: un buon Piano di Preparazione al Rischio per il Patrimonio Culturale può davvero fare la differenza, e il Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) inizialmente ha fornito gli strumenti di base per svilupparlo. In questo articolo troverete alcune informazioni sul quadro di questa Convenzione e alcuni insegnamenti tratti dalla partecipazione diretta all'elaborazione di un Piano di preparazione ai rischi.

La Convenzione dell'Aia del 1954 e il suo secondo protocollo

Dopo la distruzione della seconda guerra mondiale, che ha causato una grande perdita di patrimonio culturale, l'UNESCO ha sviluppato il "Convenzione per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato", essendo questo il primo trattato internazionale dedicato esclusivamente alla protezione dei Beni Culturali dai danni di guerra.

La Convenzione e i suoi Primo protocollo affermare che tutti i danni ai beni culturali di qualsiasi stato e popolo costituiscono una perdita per l'intera umanità, superando per la prima volta nella storia la legge nazionale sulla protezione del patrimonio culturale. La Convenzione, in particolare, distingue due gradi di protezione: generale e speciale. Le merci che sono soggette a ciò che viene definito come protezione speciale devono essere iscritti in un'apposita anagrafe e si consiglia di essere segnalati dal segno distintivo dello Scudo Blu. Lo scudo blu è un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro che mira a promuovere la ratifica, il rispetto e l'attuazione della Convenzione e di sensibilizzare sull'importanza della salvaguardia del patrimonio culturale attraverso l'attività del suo consiglio internazionale e l'organizzazione di corsi di formazione specializzati in tutto il mondo.

Inoltre, la Convenzione fornisce un elenco di misure di salvaguardia che devono essere adottate in tempo di pace e dovrebbero essere rispettate durante il conflitto da tutte le parti. Tuttavia, il numero crescente di atti criminali contro il patrimonio culturale alla fine del XX secolo ha reso chiaro che la Convenzione da sola non era in grado di affrontare il problema se attuata nella sua forma attuale.

Figura 1: l'emblema distintivo, lo scudo blu. Fonte: Lo scudo blu

Di conseguenza, a Secondo protocollo alla Convenzione dell'Aia è stata adottata nel 1999. Il Secondo Protocollo elabora e rafforza le disposizioni della Convenzione relative alla salvaguardia dei beni culturali in tempo di pace, intensificando così una protezione maggiore rispetto a prima. Di conseguenza, crea la nuova categoria di Protezione rafforzata per i beni che possiedono caratteristiche particolari come: essere particolarmente importanti per l'umanità, godere di un'adeguata protezione legale a livello nazionale e non essere utilizzati per scopi militari.

Le linee guida per ottenere il Protezione avanzata sono estremamente pratici, implicano lo sviluppo di piani relativi alla valutazione e alla gestione dell'emergenza e richiedono misure di mitigazione da adottare in tempo di pace. Dopo il rilascio del Secondo Protocollo, sono iniziati alcuni progetti pilota, con l'obiettivo di attuare pienamente le nuove disposizioni e correggerle in base ai risultati.

Il piano di preparazione al rischio

Un esempio dell'applicazione del Secondo Protocollo è stato il Progetto Cooperazione nel Dialogo e Sviluppo Urbano (CIUDAD) "War Free World Heritage Listed Cities" (WFWHLC): gli obiettivi del progetto erano di sviluppare un efficiente piano di valutazione e gestione dei rischi per i siti del patrimonio mondiale delle città di Jbeil-Byblos, in Libano, e Mtshketa, in Georgia, e quindi di concedere loro lo status di protezione avanzata.

Figura 2: L'area archeologica di Byblos. Fonte: documentazione del progetto WFWHLC

Analizzando i due casi studio e mettendo in relazione gli output gestionali con le linee guida del Secondo Protocollo, siamo stati in grado di progettare un efficiente modello di Risk Preparedness Plan basato su 3 sezioni essenziali.

La prima sezione riguarda tutte le azioni preventive che dovrebbero essere fatte in tempo di pace per mitigare i rischi. Alcuni esempi di questi sono la pianificazione di azioni come:

  • Pianificare un sistema di sicurezza;
  • Formare uno staff specializzato, pronto a intervenire non appena si verifica l'emergenza;
  • Sensibilizzare i cittadini ad essere attivi nella protezione del patrimonio culturale quando necessario;
  • Identificare aree sicure da utilizzare come rifugi e magazzini, se il patrimonio mobile deve essere ricollocato.

Inoltre, il piano necessita anche di azioni preventive che implichino una comprensione dettagliata delle caratteristiche del patrimonio, e questo perché solo attraverso una profonda conoscenza del relativo bene culturale si possono scegliere le azioni migliori per tutelarlo. In questa vista, le azioni significative includono:

  • Pianificare un sistema di monitoraggio dello stato di conservazione e delle modifiche del patrimonio
  • Catalogare gli oggetti culturali, utilizzando, se possibile, strumenti digitali.

La seconda sezione riguarda la gestione dell'emergenza. Durante la crisi dovremo:

  • Attuare le misure preventive già predisposte;
  • Allertare i supervisori, che organizzeranno l'intervento di personale specializzato e volontari;
  • Proteggere il patrimonio immobiliare;
  • Se necessario, evacuare il patrimonio mobile.

Alla fine, la terza sezione descrive le priorità delle azioni post-emergenza:

  • Controllare i cataloghi per identificare dove si trovano gli oggetti e quali sono le loro condizioni;
  • Verificare la stabilità delle strutture;
  • Proteggere il patrimonio danneggiato;
  • Realizzare il ripristino preliminare del patrimonio danneggiato;
  • Riportare il patrimonio mobile nella sua posizione originale, ove possibile.

Consigli utili che abbiamo imparato dal progetto WFWHLC

Analizzando due casi così diversi eppure così simili, abbiamo imparato che per progettare un piano che possa potenzialmente affrontare la situazione più critica, dobbiamo tenere a mente tre fondamentali.

In primo luogo, l'approccio a ciascun rischio e oggetto dovrebbe essere multidisciplinare. Ciò porta a una migliore comprensione dei problemi e a un uso più efficiente delle risorse. In secondo luogo, il sito culturale dovrebbe essere concepito come un sistema complesso, con un elemento di incertezza imprevedibile sempre presente. Infine, ogni sito dovrebbe essere studiato a fondo, da più punti di vista: bisognerebbe infatti studiarne la storia, gli atti della sua conservazione e l'elenco delle emergenze che ha dovuto affrontare nel corso dei secoli per meglio affrontare i locali per la sua preservazione. Questi dati potrebbero essere utili non solo per proteggere quel patrimonio, ma anche per pianificare una corretta valorizzazione e fruizione, e una corretta valorizzazione e fruizione è riconosciuta come il primo passo per preservare correttamente il patrimonio.

Figura 3: Vista del sito Patrimonio dell'Umanità di Mtskheta. Fonte: documentazione del progetto WFWHLC

Seguendo queste linee guida, il Progetto WFWHLC ha potuto presentare il dossier Mtskheta e nel 2016 il sito Patrimonio dell'Umanità "Historical Monuments of Mtskheta" ha ottenuto il Protezione avanzata!

Circa l'autore

Alessandra De Masi è dottoranda presso l'Università di Bologna; la sua ricerca si concentra sulla protezione e conservazione del patrimonio a rischio. Nel 2013 ha partecipato al progetto “War Free - World Heritage Listed Cities”. Lavora anche con il Centro Maniscalco - Rete di ricerca e documentazione sui Beni a rischio, che mira ad attirare l'interesse del pubblico per quanto riguarda la prevenzione dei rischi.

Referenze

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X