Blog ESACH | Patrimonio e turismo per soluzioni sostenibili: coinvolgimento delle parti interessate nel turismo del patrimonio

La sostenibilità è diventata una parola d'ordine; tutti si sforzano di essere sostenibili in un modo o nell'altro al giorno d'oggi. Le Nazioni Unite si sono prefissate l'obiettivo principale di portare il mondo alla sostenibilità in tutti gli aspetti della vita. Questo, ovviamente, include quegli aspetti della vita legati alla gestione del patrimonio e, in ultima analisi, l'industria del turismo. Tra le questioni relative alla gestione del patrimonio e al turismo sostenibili, forse la più saliente è il fatto che le comunità adiacenti, indigene e vulnerabili sono spesso escluse da sviluppo turistico e perché dello sviluppo turistico.

Scritto da: Ella Békési e Rebecca Friedel.

A livello globale, le persone formano legami speciali con i siti archeologici e gli spazi del patrimonio. In particolare, le comunità indigene e adiacenti desiderano accedere a questi siti, condividere e rivivere i loro ricordi, come parte del mantenimento della loro cultura. Cioè, mantenendo la cultura immateriale attraverso la loro cultura tangibile.

Quando i progetti di sviluppo turistico non riescono a incorporare questi gruppi di stakeholder adiacenti, si forma una disconnessione tra gli spazi del patrimonio e le popolazioni locali. Ciò può comportare la perdita di identità culturali e un senso di comunità. Quando le persone non sono autorizzate a interagire con un sito del patrimonio in modo significativo, ad esempio guadagnandosi da vivere mettendo in mostra abilità artigiane o pratiche indigene, gradualmente vedono meno valore sociale in questi modi di vita. Le persone perdono tradizioni, se ne vanno e vanno avanti per trovare un altro lavoro. 

Ciò può lasciare i siti del patrimonio vulnerabili alla distruzione, al vandalismo e al saccheggio a causa di una generale perdita di spazio o del rispetto per una particolare cultura. In molte aree del mondo, le persone che vivono adiacenti a siti e spazi del patrimonio vivono con pochi dollari al giorno. Queste popolazioni spesso si sostengono vendendo prodotti artigianali, cibo, fornendo visite guidate o coltivando colture, allevando bestiame, cacciando e pescando all'interno di siti storici e riserve naturali. Queste attività, sebbene fondate sul significato del patrimonio del luogo, possono essere distruttive se non gestite adeguatamente o considerate all'interno di piani di sviluppo turistico.

Il risultato è un dilemma tra garantire la conservazione fisica di siti e manufatti, da un lato, o mantenere i mezzi di sussistenza delle comunità locali e indigene che li circondano, dall'altro. Separatamente, queste opzioni non forniscono un mezzo per impegnarsi con la cultura e il patrimonio in modo sostenibile dal punto di vista economico, ambientale e culturale. Tuttavia, attraverso il coinvolgimento delle parti interessate e delle comunità adiacenti nei processi decisionali e nella pianificazione, emerge l'unica strada veramente sostenibile per la gestione del patrimonio e il turismo.

Non possiamo mangiare le nostre danze; non possiamo mangiare la nostra arte!

Figura 1: Sig.ra Felicita Cantun, attivista Maya yucateca e fondatrice di Kanan Miatsil Guardians of Culture del Belize. Fonte: Kanan Miatsil Guardiani della Cultura

Non intendiamo suggerire il turismo come soluzione per ogni problema relativo alla gestione del patrimonio. Certamente non può risolvere dibattiti importanti su questioni di proprietà culturale o diritti sulla terra. Tuttavia, è chiaro che esclusione delle comunità locali dal turismo e dalle opportunità economiche associate è una minaccia urgente per il nostro patrimonio comune, che le strutture di turismo inclusivo possono aiutare a mitigare. Come ha detto la Sig.ra Felicita Cantun, un'attivista Maya yucateca del Belize; 

“Non possiamo mangiare i nostri balli; non possiamo mangiare la nostra arte! Dobbiamo essere pagati per sopravvivere e per continuare a salvaguardare la nostra cultura! " - Felicita Cantun, attivista Maya yucateca del Belize.

La sostenibilità deriva dal consentire al patrimonio e alle comunità locali di informare e guidare le attività turistiche. D'altra parte, il potenziale economico del turismo può supportare progetti culturali sostenibili e incentrati sulla ricerca e aspirazioni imprenditoriali che emergono vicino a spazi del patrimonio e in aree remote.

Progetti interdisciplinari e multivocali

Figura 2: Riserva archeologica di Cerros, distretto di Corozal, Belize

Un'ampia percentuale di turisti viaggia per sperimentare la diversità dei modi di vita umani, qualcosa che è inerente quando il patrimonio culturale viene accolto e promosso come una risorsa nella sfera locale. Evidenziando e rafforzando questi fili tra diversità culturale e turismo, possiamo fornire alle comunità le opportunità e gli spazi di cui hanno bisogno per svilupparsi in modo sostenibile.

Le organizzazioni e le associazioni delle parti interessate del turismo locale possono fungere da gruppi di riferimento, fornire capacità di sviluppo per i professionisti della cultura e sviluppare esperienze culturali settembre con stakeholder del patrimonio. Nel frattempo, questi professionisti della cultura insieme ai gestori del patrimonio, agli specialisti della conservazione e alle organizzazioni nazionali o internazionali del patrimonio dovrebbero avere un posto al tavolo del turismo, lavorando insieme per prevenire il turismo di massa che è disconnesso dalle comunità locali e mette in pericolo l'autenticità culturale.

Alcuni esempi di progetti collaborativi includono il voluntourismo, in cui i progetti sul patrimonio incorporano l'elemento turistico, consentendo ai visitatori di viaggiare mentre si istruiscono lavorando e sostenendo una causa sociale o culturale. Un altro approccio è l'apertura e il sostegno di iniziative museali comunitarie e la cura di mostre focalizzate a livello locale. Le iniziative turistiche possono creare orti comunitari o parchi ecologici utilizzando metodi tradizionali, lavorando settembre con e per popolazioni autoctone con impareggiabile conoscenza del territorio. 

Anche i siti guidati dalla comunità ei programmi di riabilitazione della comunità o laboratori di narrazione e storia orale sono modi eccellenti per consentire alle persone di assumere un ruolo guida nella salvaguardia del loro patrimonio. Questi spazi possono favorire lo sviluppo locale o le opportunità di ricerca mentre creano contenuti e raccolgono informazioni che possono alimentare la raccolta di fondi per garantire la sostenibilità dei futuri progetti sul patrimonio.

Questi tipi di iniziative turistiche coinvolgono le parti interessate locali e si basano su conoscenze culturali pratiche e accessibili, consentendo alle persone di impegnarsi continuamente con la loro cultura e il loro patrimonio.

Collaborazione per il cambiamento

Figura 3: The Heritage Education Network Belize Team nel 2020. Attraverso progetti socialmente e digitalmente innovativi, olistici e collaborativi, miriamo a responsabilizzare le comunità locali e le parti interessate a creare e mantenere modi di vita sostenibili attraverso la cultura.

Innanzitutto, sia la gestione del patrimonio che il turismo devono essere rivolti alle comunità all'interno delle quali lavorano per promuovere lo sviluppo sostenibile, ovvero la percezione iniziative. Nel realizzare il ruolo del patrimonio e il suo potenziale socio-economico nella nostra società, è evidente che l'obiettivo principale di sostenibilità, gestione del patrimonio, turismo e i loro campi correlati si intersecano per fornire soluzioni pratiche al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. 

Sebbene ci siano molte controversie che le discipline legate al patrimonio come l'archeologia devono affrontare per quanto riguarda il turismo del patrimonio e il suo sviluppo, una collaborazione consapevole e responsabile tra le parti interessate del patrimonio e l'industria del turismo può servire come uno strumento eccellente per mitigare le difficoltà ambientali, sociali ed economiche. Infine, portare il patrimonio e il turismo in prima linea nell'Agenda di Sostenibilità 2030.  

Tuttavia, per fare questo, dobbiamo aumentare la consapevolezza dell'intersezione tra gestione del patrimonio e turismo, il tutto reinventando fondamentalmente - se non ricreando - le strutture del progetto turistico e del patrimonio come collaborative e guidate dalla comunità. In definitiva, il ruolo che il patrimonio e il turismo svolgono nella costruzione di comunità, nella creazione di partenariati e nel miglioramento della stabilità economica è fondamentale per raggiungere i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Dando alle comunità locali una voce e uno spazio in questi progetti, diamo loro il potere di adempiere ai loro legittimi ruoli di stakeholder influenti e resilienti.

Circa gli autori

Ella è nata e cresciuta a Budapest, in Ungheria. Ha studiato archeologia e patrimonio culturale all'University College di Londra nel Regno Unito e ha lavorato come assistente in archeologia pubblica e commerciale, nonché nei settori del patrimonio nel Regno Unito e in America centrale. Ella ha partecipato al Progetto Archeologico Lamanai (LAP) in Belize e ho assistito filiali dell'Istituto nazionale di cultura e storia del Belize in numerosi progetti. 

Nel corso degli anni, Ella ha assistito agli effetti delle questioni socio-economiche legate alla conservazione archeologica e alla salvaguardia del patrimonio e della cultura. Ha sviluppato un interesse interdisciplinare nella gestione inclusiva e sostenibile del patrimonio archeologico e culturale attraverso l'educazione al patrimonio e il turismo in America centrale.

Rebecca è nata e cresciuta a Woodstock, Illinois, USA. Ha conseguito la laurea in Antropologia con una specializzazione in Geografia presso l'Università dell'Illinois a Chicago nel 2010. Nel 2012 ha iniziato il corso di laurea in Antropologia presso l'Università del Texas a San Antonio (UTSA) dove ha conseguito il Master of Arts nel 2017 e si appresta a completare il suo dottorato in filosofia nel 2021. È appassionata di lavoro interdisciplinare, ma è un'antropologa e archeologa di formazione specializzata nello studio delle antiche relazioni uomo-pianta, o paleoetnobotanica.

Rebecca ha condotto ricerche per il Archeologia della valle di Mopan e progetti preclassici a Cayo, Belize dal 2013. Ha anche co-fondato Fajina Archeology Outreach nel 2015. Sotto a Premio Fulbright Scholar, Rebecca insegna anche all'Università del Belize per il semestre primaverile del 2021.

Rete di educazione al patrimonio Belize

Ella e Rebecca hanno recentemente co-fondato Rete di educazione al patrimonio Belize (HENB), insieme a Sylvia Batty e April Martinez. HENB è un'organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla salvaguardia del patrimonio culturale e naturale attraverso l'istruzione, il rafforzamento delle capacità e la difesa. L'obiettivo di HENB è aiutare lo sviluppo sostenibile delle comunità di stakeholder, delle imprese culturali, creative e del turismo poiché riteniamo che siano parti interessate chiave per il raggiungimento della nostra missione.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X