Blog ESACH | Paesaggi culturali: riflettere la cultura attraverso l'obiettivo della fotografia

Tegli European Heritage Tribune e ESACH credo che sia importante condividere le prospettive dei giovani sul patrimonio culturale. Pertanto, il blog ESACH presenta post di blog scritti da membri dell'associazione impegnati in colloqui ESACH. Questo post sul blog è stato scritto da Mina Hanna, una delle relatrici del Talk on New Technologies in Cultural Heritage di novembre 2020.

Nell'esprimere piccoli frammenti del mondo e della cultura attraverso le sue piccole cornici, la fotografia ha il potere sia di documentare la cultura sia di esserne un prodotto. Riflettendo e producendo cultura, infatti, le fotografie diventano piccoli paesaggi culturali e ritratti: oggetti e soggetti contemporaneamente. Sebbene lo strumento della macchina fornisca alle foto un'apparenza di oggettività, ciò può essere fuorviante in quanto la prospettiva personale e artistica riflette la soggettività del fotografo. Da qui il nome di questo articolo, paesaggi culturali.

Lo scopo è quello di illustrare la duplice importanza della fotografia essendo, da un lato, uno strumento per documentare ed evidenziare vari fenomeni come l'architettura, la cultura, il patrimonio, l'espansione urbana e molti altri. Pur offrendo una testimonianza storica del mondo che scompare e del suo presente, dall'altro lato e arricchendo la visione altrui di questi fenomeni attraverso la ri-presentazione dell'autore, propone prospettive sul futuro.

La fotografia come strumento di documentazione

"Il più grande servizio che può essere reso all'architettura oggi è l'attenta rappresentazione dei suoi dettagli dall'inizio del XII secolo alla fine del XIV secolo con l'aiuto della fotografia." - John Ruskin, 1869.

Nei primi anni dell'invenzione della fotografia, si sognava di trovare nuovi modi per enfatizzare ciò che l'occhio umano non può percepire sfruttando al meglio la fotografia come strumento di rappresentazione. Ha reso facile per i singoli, in particolare gli architetti, esprimere caratteristiche specifiche nelle loro opere. In effetti, hanno mostrato un enorme interesse per come i loro edifici erano rappresentati nelle fotografie e, dall'invenzione della fotografia, l'architettura e il paesaggio sono stati i soggetti più fotografati. Inoltre, con il tempo, la fotografia e altri mezzi meccanici hanno cominciato a prendere il sopravvento sui metodi convenzionali di rappresentazione visiva come il disegno, la pittura e la scultura. La fotografia è riuscita a mostrarsi come un potente strumento per l'architettura poiché, insieme alla stampa, le fotografie che ritraggono edifici sono diventate accessibili a tutto il mondo. 

Nel XIX secolo, la necessità di una documentazione precisa dell'architettura era ricercata per la sua onestà e accuratezza. Questo è stato fondamentale per le considerazioni di storici e restauratori su funzionalità, restauro e stile, poiché i disegni a mano erano tutti soggettivi e, a seconda del talento o del giudizio dell'artigiano, la fotografia rispondeva a questa esigenza. Di conseguenza, ha prevalso la fotografia come strumento per documentare l'architettura; ha offerto agli storici e agli architetti una rappresentazione accurata e una documentazione dettagliata, limitando i pregiudizi e la soggettività più di quanto qualsiasi disegno a mano possa mai fare.

Inoltre, le fotografie architettoniche sono servite da ispirazione per progetti e disegni. Ad esempio, la fotografia è stata utilizzata per applicare le caratteristiche storiche ai nuovi edifici, come nel rinascente movimento architettonico. Inoltre, la fotografia ha offerto agli occidentali l'opportunità di scoprire stili e tradizioni poco familiari alla loro posizione geografica e di difficile accesso, come l'Egitto e il Medio Oriente. Il numero di studi fotografici sul Medio Oriente e sui paesi extraeuropei in generale è aumentato vertiginosamente, soprattutto dopo la conquista napoleonica dell'Egitto, data la ricchezza di monumenti antichi del paese. Di conseguenza, è stato il turismo che ha aumentato le richieste sulla fotografia di architettura e questo ha portato, viceversa, a una forte crescita dei quadri culturali legati al settore del turismo emergente. 

Figura 1: Il Cairo. Fonte: Francis Frith, ca. 1856

Parallelamente, la fotografia di architettura è stata considerata una delle fonti essenziali per la conservazione e il restauro degli edifici storici. Un vivido esempio di ciò sono i restauri di Notre Dame a Parigi del 1847 da parte di Viollet le Duc; infatti, quando è stato incaricato di eseguire il progetto di restauro, ha richiesto la realizzazione di diverse campagne fotografiche per la sua precisione nel documentare minuziosamente il lavoro di restauro e quindi valutarne il miglioramento.

Nel XX secolo, la fotografia ha continuato a svolgere la sua funzione di riproduzione realistica di oggetti architettonici reali. È stato un aspetto significativo del modernismo quando gli architetti hanno iniziato a utilizzare la fotografia non solo per documentare, ma anche per presentare il proprio lavoro al fine di esprimere idee concettuali. Ad esempio, il centro istituzionale Salk di Louis Kahn è stato reso ampiamente disponibile in pubblico riconoscimento dalle famose fotografie di Ezra Stoller, che lo rendono immediatamente riconoscibile alla maggior parte di noi. Grazie a lui l'architettura moderna viene ricordata attraverso le sue fotografie.

Figura 2. Fonte: Ezra Stoller, per gentile concessione della Yossi Milo Gallery, New York

La fotografia come strumento di espressione personale

''Vedi quello che pensi, vedi quello che senti, sei quello che vedi se con la fotocamera puoi farlo vedere agli altri - questa è la fotografia.'' - Ernst Hass.

Credo che il potere della narrazione visiva ci offra una prospettiva nuova e diversa, liberata da certi vincoli. Ci fornisce una nuova comprensione di diversi aspetti della vita che potrebbero cambiarci profondamente. Le fotografie possono documentare e comunicare efficacemente a un livello diverso da quello della scrittura. Ecco perché mi interessano le fotografie che rappresentano le città e le loro culture. In effetti, come architetto, mi sono reso conto che la maggior parte della mia comprensione architettonica è stata realizzata attraverso immagini fotografiche. Questa esperienza, guidata dalla passione per la fotografia, ha portato al mio coinvolgimento con l'architettura e la fotografia di paesaggio. Come fotografo, ho sempre trovato i miei occhi catturati dai fenomeni sociali urbani creati dalle interazioni tra persone, architettura e natura.

Foto di architettura urbana (UAP)

Urban Architecture Photos (UAP) è uno studio di architettura e fotografia urbana presente al Cairo, Hyderabad e Milano, che si occupa di architettura, interni e paesaggio urbano.

Vediamo, Rahul e io, che la nostra pratica è il risultato di un ricco background culturale dell'Egitto e dell'India. Avendo entrambi la passione per documentare il patrimonio, le tradizioni sociali e culturali attraverso l'architettura, questo percorso ci ha collegati in un'altra nazione ricca di patrimonio architettonico, l'Italia, segnando la nascita di UAP.

In UAP, non stiamo solo documentando l'architettura e l'ambiente costruito, ma miriamo anche a mostrare il patrimonio che ospita, intendendo qui le città come spazi urbani che comprendono architettura, tradizione e cultura. L'uso del mezzo fotografico è supportato dalla nostra convinzione nella condivisione della conoscenza non solo riguardante la ricerca, gli articoli o l'analisi dei dati, ma anche attraverso una semplice immagine fotografica con una piccola didascalia delicata. A nostro avviso, questo processo trasmette e consegna persone (non architetti, non progettisti o ricercatori) in molte e diverse professioni più velocemente e più facilmente della lettura di un articolo. Abbiamo un esempio di successo di coloro che utilizzano la fotografia come strumento per il proprio lavoro. Belle destinazioni, ad esempio, è un'agenzia creativa e multimediale globale che si concentra sul marketing di destinazioni di viaggio e città; aspirano a viaggiare e vedere altre culture e nazioni, quindi perché non rendiamo le cose facili per le persone?

Caso di studio 01 - Il gesto bello

'The Handsome Gesture' (Italia) indaga la situazione urbana e illustra l'impatto del Covid-19 sulla città di Mantova come insediamento caratterizzato in modo prominente dal suo spazio pubblico.

Il progetto è una narrazione visiva sul paesaggio urbano / sociale di Mantova, che si concentra sull'esplorazione di una diversa relazione tra i suoi edifici, il mio punto di vista su un regno urbano storicamente situato nel presente e un'illustrazione di come Covid-19 non impatta solo le persone ma anche sulle nostre città come spazio pubblico di primo piano.

Case study 02 - Minareti che vedi camminando in Al-Muizz Street

Al-Muizz Street, la strada più famosa del vecchio Cairo, è dove vedrai diversi tipi e stili di architettura. Fa parte del Cairo storico, noto anche come Cairo islamico, che è iscritto come patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 1979 per il suo valore culturale.

"Minarets you see walking Al-Muizz Street" mira a mostrare la diversità di questi stili architettonici in questa strada. Questi sono tre diversi minareti in tre stili diversi di tre epoche diverse.

  • 01. Minareto della moschea Al-Aqmar, architettura fatimide, 1125-26.
  • 02. Cupola e minareto della Madrasa e Khanqah dell'architettura Al-Sultan Al-Zahir Barqouq, Bourji Mamluk, 1384-86.
  • 03. Minareto della Moschea Al-Selehdar, architettura ottomana, 1839.

Concepisco la città come un intero organismo e, quindi, mi interessano fotografie che indagano e rappresentano gli aspetti culturali, sociali e urbani della città. Penso che ogni città abbia il suo spirito riassunto da queste interazioni e, secondo me, queste interazioni riflettono la sua identità.

Circa l'autore

Il mio nome è Mina Hanna; Sono un architetto egiziano, creatore di immagini e neolaureato in Design e Storia dell'Architettura al Politecnico di Milano.

X