Blog ESACH | Una visione sostenibile per la gestione del patrimonio

Negli ultimi decenni, il concetto di sostenibilità è stato oggetto di un crescente interesse data la sua concezione come risposta progressiva alle difficoltà ambientali e sociali affrontate dalle nostre società. Tuttavia, l'attenzione generale è stata apparentemente concentrata principalmente su soluzioni verdi, innovative e ad alta tecnologia nel tentativo di affrontare il problema. Di conseguenza, nuove morfologie globalizzate derivate dai progressi tecnologici tendono a sostituire le forme locali delle nostre città e, in quest'ottica, l'impressione generale è che sostenibilità significhi l'opposto del patrimonio e che dobbiamo mettere da parte il nostro passato per muoverci verso l'innovazione e crescita economica. Detto questo, c'è un'altra concezione di sostenibilità da proporre? Possiamo unire innovazione e alta tecnologia con le nostre tradizioni e il nostro patrimonio? Possiamo applicarli al rinnovamento del nostro ambiente costruito senza perdere i suoi valori peculiari o congelarli attraverso progetti convenzionali di riconversione museale? È in questo contesto che i progressi nella modellazione delle città intelligenti possono offrire alcune preziose intuizioni.

Scritto da: Federico Varela Mazzantini.

In particolare, il termine viene utilizzato quando le ultime innovazioni tecnologiche vengono utilizzate nelle infrastrutture urbane per supportare le esigenze di istituzioni pubbliche, imprese e cittadini di lavorare insieme come un organismo funzionale comune. L'idea centrale di un modello di Smart City è quella di utilizzare i progressi tecnologici per implementare attraverso sistemi informativi processi che ottimizzano le componenti del sistema urbano e stringono il contatto tra cittadini e istituzioni pubbliche. Per svilupparsi in modo efficiente, questa organizzazione deve quindi operare in diversi ambiti della vita cittadina, come le aree operative delle infrastrutture di trasporto, ma anche in ambito economico, culturale e ambientale.

Figura 1: Asset strategico della città intelligente. Autore: Federico Varela

Progetti greenfield

Gli schemi delle Smart Cities possono essere nel complesso suddivisi in due categorie principali: progetti “Greenfield”, ovvero nuove città, e “Retrofitting” di tessuti già costruiti.

Greenfields comprende progetti di Smart City in cui gli schemi urbani sono progettati da zero su aree vuote. Progetti simili permettono alla visione progettuale innovativa di una Smart City di diventare una realtà, e si presentano con alcune caratteristiche comuni. In primo luogo, enfatizzano la sostenibilità ambientale attraverso l'installazione di sistemi infrastrutturali in rete in modo intelligente, l'uso di fonti di energia rinnovabile e architetture efficienti dal punto di vista energetico. In secondo luogo, una caratteristica predominante è la loro posizione strategica in prossimità di aeroporti o aree metropolitane esistenti, che è un approccio tipico di alcuni paesi arabi e asiatici a causa del recente sviluppo economico delle regioni. Gli esempi più illustri di città simili sono Neom City in Arabia Saudita e New Songdo City in Corea del Sud.

Retrofitting

Al contrario, la maggior parte delle città europee condivide la caratteristica di avere un livello di istruzione economico e sociale stabile e sufficientemente alto da consentire riflessioni su come migliorare la qualità della vita di tutti i loro abitanti. L'idea di intervenire sugli insediamenti esistenti è quindi un obiettivo comune nella maggior parte dell'Europa e questa strategia viene definita “retrofitting”. In contrasto con la concezione generale di una città intelligente come una proposta urbana su larga scala informata da progressi high-tech, strategie parallele per l'ammodernamento di interi quartieri o persino di singoli edifici sono state avanzate su micro scala e queste possono infatti essere concepite come un primo passo verso un modello di città intelligente disparato ma altrettanto innovativo.

I distretti dell'innovazione in particolare, essendo questi la fusione tra distretti industriali e parchi della ricerca, sembrano affrontare il tema della trasformazione di una città in una città intelligente in modo progressivo. A causa del rinnovamento e dello sviluppo delle città, le aree in cui si trovavano gli ex distretti industriali sono rimaste nella maggior parte dei casi come spazi residuali con flussi a basso reddito sempre più distaccati dal tessuto urbano generale. Le società di ricerca che cercano di delocalizzarsi in queste aree residue per comodità cambiano sicuramente il loro aspetto, ma ampliano anche la possibilità di intrecciare società di ricerca high-tech con start-up e nuovi investimenti che non erano stati considerati in precedenza.

Figura 2: confronto incrociato, raccomandazione. Fonte: Piacenza Potenzial, Boosting innovation in heritage context. Autore: Federico Varela

I distretti dell'innovazione consentono collegamenti profondi e omogenei tra aree residenziali, commerciali, tecnologiche e culturali. La ragione principale di ciò è che i distretti dell'innovazione tendono sempre a svilupparsi da piccoli e concentrati punti che è ciò che consente loro di stabilire connessioni con il tessuto urbano consolidato nelle aree circostanti.

Casi di successo come il Distretto Tecnologico di Buenos Aires, il Distretto South Waterfront di Boston e MID City North of Melbourne dimostrano che i distretti dell'innovazione potrebbero essere una risposta sostenibile alla trasformazione urbana delle aree urbane contemporanee trascurate. Questi esempi hanno contribuito ad omogeneizzare la distribuzione della popolazione di queste città, incoraggiando l'uso del trasporto di massa al posto dei veicoli privati, aumentando il valore del suolo includendo le aree verdi e le più cruciali, fomentando l'innovazione per sviluppare nuove tecnologie che aiutassero a ottenere un migliore e più modo di vivere sostenibile. Tuttavia, un aspetto chiave non considerato in molti casi è l'interesse dei residenti locali a mantenere l'essenza del loro ambiente urbano tradizionale. Mettere in relazione i rappresentanti della comunità con gli stakeholder legati al progetto può infatti portare a una comprensione più alta e condivisa delle caratteristiche del luogo, determinando un processo a lungo termine che può sostenersi attraverso schemi di partecipazione definiti nella dimensione del progetto, ma rinnovati prospetticamente attraverso il coinvolgimento della comunità .

Inoltre, c'è un modo per aumentare gli investimenti nel patrimonio e incorporare i valori dei siti storici che si stanno trasformando nella nuova visione della vita urbana proposta da Retrofitting Smart Cities? E se ci allontanassimo dalla riconversione del museo a cui assistiamo in modo ricorrente e iniziamo a pensare di applicare diversi modelli di business come i distretti dell'innovazione o anche attività di base come un ristorante?

Interventi edilizi

A questo proposito, nello storico quartiere di Mayfair a Londra, una chiesa sconsacrata è rimasta per decenni trascurata e nascosta alla vista del pubblico e il suo recente riutilizzo ne offre un prezioso esempio. Nel 2016, il gruppo Mercato Metropolitano ha investito 5 milioni di £ per restaurare e riutilizzare questo bellissimo edificio storico come sala del cibo di strada e riaprire il sito alla comunità locale. Questo intervento non solo ha rivitalizzato un edificio sottovalutato ma meritevole, ma è proseguito il suo programma proponendo spazi comunitari completamente aperti ai residenti e club dedicati agli eventi locali.

Figura 3: Mercato Mayfair. Autore: Federico Varela

Un altro esempio riuscito e insolito di riconversione di una chiesa sconsacrata è San Paolo Converso a Milano. Originariamente costruita nel 1631 e acquistata dallo studio di architettura Locatelli Partners per ospitare il suo studio, la chiesa è composta da due corpi principali. La parte retrostante l'altare, originariamente adibita all'isolamento delle monache, ospita oggi un'imponente struttura in vetro e ferro che contiene gli uffici dello studio e trasforma la cripta in un “tavolo delle idee”. Dall'altro lato, la parte antistante l'altare è uno spazio interamente dedicato all'arte, dove l'associazione culturale Converso organizza mostre, eventi e performance. Nel 2017, ad esempio, l'artista Asad Raza ha trasformato questo interno in un campo da tennis con l'intenzione di esplorare il modo in cui le persone utilizzano gli spazi attraverso pratiche sociali.

Figura 4: Asad Raza, Senza titolo (trama per dialoghi), 2017, CONVERSO, Milano, 2017. Fonte: Asad Raza. Cortesia: l'artista. Foto: Andrea Rossetti

Un approccio diverso

Questi esempi di successo di programmi di riutilizzo dirompenti mostrano che potrebbero esserci altri modi per preservare i nostri edifici storici. Modi che di fatto significherebbero una riduzione della spesa per la conservazione dei governi, deviando il loro ruolo di supervisore o co-gestore al fianco di investitori del settore privato che ripristinerebbero e rinnoverebbero il nostro patrimonio in cambio di opportunità di business. Di conseguenza, un'economia diversificata potrebbe prosperare, portando un aumento degli affari e dei profitti sia per i residenti che per le piccole, medie e grandi imprese, con conseguente aumento complessivo delle entrate governative senza un'azione diretta delle istituzioni pubbliche.

Al posto delle soluzioni green, innovative e high-tech che hanno cambiato l'aspetto autoctono delle città trasformandole in morfologie globalizzate, la sostenibilità trova la sua strada in diversi schemi che consentono di fondere innovazione ad alta tecnologia e crescita economica, con le tradizioni delle città e patrimonio: città intelligenti, distretti dell'innovazione o riuso del patrimonio. Il riutilizzo fantasioso dei siti storici non deve quindi essere considerato eretico ma benefico poiché è un modo per preservare e mantenere il passato di una società. In questi casi, applicando modelli di business innovativi nei siti del patrimonio, sostenibilità significa anche preservare gli edifici storici estendendone l'aspettativa di vita e portando avanti il ​​loro significato.

Circa l'autore

Federico Varela Mazzantini è un architetto italo-argentino che attualmente vive a Oslo, Norvegia. È specializzato nella gestione del patrimonio culturale che potrebbe rivitalizzare le comunità attraverso interventi in architettura trascurata. Per questo fa parte dell'organizzazione International Center for the Conservation of Patrimony (CICOP). Ha avuto l'opportunità di diventare professore presso l'Università di Buenos Aires (FADU) nelle materie Storia dell'architettura e del design. Allo stesso tempo ha lavorato come Project Manager e Facilities Manager per istituzioni pubbliche e aziende come CBRE e S&P Global. Ha studiato architettura all'Università di Buenos Aires. Ha poi approfondito le sue conoscenze con una borsa di studio completa presso il Politecnico di Milano nel Master in Progettazione e Storia dell'Architettura. È appassionato di schizzi, crede che questo sia il modo migliore per trasmettere i suoi pensieri. Per questo motivo ha diretto Urban Sketching Workshops a Milano, e ora sta iniziando questi workshop a Oslo, completando la sua carriera di architetto.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X