COP27: Patrimonio immateriale non protetto dai cambiamenti climatici

Per quanto tempo le persone indigene e la loro eredità come i Sami possono sopravvivere al cambiamento climatico?

C'è poca attenzione alle minacce che i cambiamenti climatici rappresentano per il patrimonio immateriale. Questa conclusione, tratta dall'an IPCC rapporto, dovrebbe essere ampiamente discusso al vertice COP27 sul clima questa settimana in Egitto. Con pochissimi piani in atto per proteggere rituali e costumi secolari basati sui cambiamenti stagionali della natura, molte pratiche del patrimonio immateriale sono destinate a essere disturbate e scomparire a causa del cambiamento climatico.

Notevole è la mancanza di piani di tutela del patrimonio immateriale, in quanto vi è poca attenzione e gli strumenti di misurazione per valutare cosa significherebbero danni o estinzione non sono adeguati. Ma in che modo il patrimonio immateriale può essere influenzato in primo luogo dai cambiamenti climatici? E chi ne è colpito?

Spesso le comunità indigene e locali sono le prime a notare i cambiamenti nell'ambiente. La loro conoscenza delle specie locali e del clima è stata costruita nel corso di molte generazioni di osservazione e interazione culturale, rendendoli esperti del proprio ambiente.

Prendiamo ad esempio feste o usanze indigene, legate ad eventi stagionali o naturali. Negli Stati Uniti d'America, il popolo Siletz usa l'emergere delle cosiddette "formiche anguille" o termiti volanti e altri segnali ambientali per iniziare la raccolta della lampreda del Pacifico e la tradizionale danza dell'anguilla. Con i cambiamenti del clima, arrivano i cambiamenti nelle stagioni e nell'ambiente. Alla fine porterà a cambiamenti nelle tradizioni culturali, scrive Adam Markham, vicedirettore del programma Climate & Energy presso l'Union of Concerned Scientists.

Una termite volante gioca un ruolo cruciale nelle usanze del popolo Siletz.

Questa è già una realtà per il nativo dell'Alaska Iñupiat. La loro caccia alle balene a prua e il festival della caccia alle balene primaverili sono stati parte integrante dell'identità della comunità per migliaia di anni. Ma i cambiamenti climatici alla fauna marina e all'ambiente stanno minacciando queste usanze.

Sebbene siano le prime persone a notare gli effetti del cambiamento climatico, le popolazioni indigene sono troppo spesso trascurate e sottorappresentate nella ricerca e nella politica. Non hanno avuto accesso al processo decisionale e alla pianificazione dell'azione per il clima. E per questo motivo, i piani di adattamento sono più poveri, mancano conoscenze chiave, intuizioni e strumenti.

Il popolo Siletz esegue una danza delle piume al Museo Nazionale degli indiani d'America. Immagine: CC Chapman/Flickr (CC BY-NC-ND 2.0)

Accanto alla sottorappresentazione politica e accademica, il loro modo di vivere è minacciato o diventa semplicemente impossibile. Pensa al popolo Sami nelle parti settentrionali della Norvegia, della Svezia e della Finlandia. A causa del cambiamento dell'ambiente, l'allevamento delle renne, uno dei loro costumi culturali e delle principali fonti di reddito, sta diventando più difficile. Pertanto devono abbandonare le loro usanze culturali e trasferirsi nelle città per guadagnarsi da vivere.

Mancanza di conoscenza

Per ora, molte organizzazioni stanno spingendo duramente affinché il patrimonio diventi parte della strategia globale sul cambiamento climatico, ad esempio con il Manifesto del patrimonio climatico rilasciato per COP27. Tuttavia, secondo il rapporto dell'IPCC, il patrimonio costruito dà il tono. Molte politiche e valutazioni del rischio climatico si concentrano principalmente su come preparare e proteggere edifici, monumenti o siti archeologici. Dai un'occhiata al rapporto UE 'Rafforzare la resilienza del patrimonio culturale per il cambiamento climatico', che presenta 83 esempi di buone pratiche su come adattare il patrimonio ai cambiamenti climatici. Solo una manciata di questi non riguarda il patrimonio costruito.

Ad essere onesti, gli autori stessi non hanno certamente dimenticato il lato immateriale del patrimonio. Ma la loro conclusione che la maggior parte dei partecipanti, per lo più professionisti del patrimonio, non aveva idea di come il cambiamento climatico influisca sul patrimonio immateriale, non è affatto promettente. Ha “mostrato chiaramente una significativa mancanza di conoscenza degli aspetti immateriali del patrimonio a rischio”.

Strumento di misurazione

Cercare di raccogliere informazioni su come i cambiamenti climatici possono danneggiare il patrimonio immateriale si rivela piuttosto difficile, almeno con gli attuali strumenti di misurazione. Questo approccio di perdita e danno, uno degli argomenti più importanti discussi alla COP27, è principalmente incentrato sulla valutazione economica degli effetti del cambiamento climatico, il rapporto dell'UE 'Tempi tempestosi' menziona.

Senza entrare troppo nella dinamica politica della COP27, è chiaro che il denaro gioca un ruolo chiave nel decidere come proteggere gli edifici e altri siti del patrimonio. Investire nel rafforzamento delle strutture, nella ricerca o nell'attuazione di politiche sostenibili ha un costo. Tuttavia, fare una valutazione economica del danno arrecato a un edificio è molto più facile che fare una valutazione del danno arrecato cancellando il già citato festival delle balene in Alaska. Per il patrimonio immateriale, la valutazione economica dei costi del cambiamento climatico è insufficiente.

Tuttavia, il patrimonio immateriale aggiunge sicuramente qualcosa alla lotta contro il cambiamento climatico. Ad esempio, i sistemi pastorali utilizzati dai nomadi in Africa sono stati usati come risposta al fatto che il loro ambiente diventava arido migliaia di anni fa. L'accesso all'acqua e le pratiche di gestione del passato potrebbero contribuire molto alla società moderna.

Ma inviare semplicemente un esercito di ricercatori in aree aride per mappare questo tipo di soluzioni non è sufficiente. Richiede conoscenze specifiche che centrano la conoscenza indigena e locale e le strategie di resilienza basate su pratiche e costumi tradizionali. È giunto il momento di sviluppare un nuovo strumento di misurazione, che includa il patrimonio immateriale e coloro che ne hanno una conoscenza adeguata.