La Chiesa d'Inghilterra vuole intervenire sull'eredità coloniale contestata

La cattedrale di Bristol ha già rimosso una dedica al mercante di schiavi del XVII secolo Edward Colston. Immagine: David Iliff / Flickr (CC BY-NC-SA 17)

La Chiesa d'Inghilterra ha annunciato di indagare su migliaia di monumenti in chiese e cattedrali in tutta l'Inghilterra. Poiché diversi monumenti si riferiscono alla schiavitù inglese e alla storia coloniale, la chiesa ritiene che dovrebbero essere rimossi o contestualizzati. Le comunità locali decideranno se tali azioni sono necessarie nelle loro chiese o cattedrali.

Per aiutare i funzionari della chiesa locale a decidere, la Chiesa d'Inghilterra ha rilasciato un file Documento di orientamento sull'indagine sul patrimonio contestato, Il guardiano segnalato. L'arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, ha chiesto tali indagini dopo le proteste di Black Lives Matter nel 2020. "Alcune statue e monumenti dovranno venire giù", ha detto in quel momento.

Controverso argomento

L'indagine sul patrimonio contestato intende "includere, accogliere e fornire spazi sicuri per tutti", ha spiegato il direttore delle chiese e delle cattedrali della chiesa, Becky Clark, al Osservatore. Ma la Guida "non insiste su alcun risultato particolare o linea di condotta particolare", ha aggiunto.

La copertina del documento di orientamento. Immagine: Chiesa d'Inghilterra

Nonostante le intenzioni positive, è probabile che la Guida sia controversa. Il Guardian si aspetta che coloro che chiedono la rimozione di tutto il patrimonio contestato potrebbero pensare che la Guida in sé non sia sufficiente per rimuovere i monumenti. D'altra parte, coloro che affermano che tale eredità è parte integrante della storia dell'Inghilterra temono che parti del passato della nazione vengano cancellate.

Lo scorso febbraio, un rapporto storico dell'Inghilterra su villaggi, edifici e monumenti è diventato un argomento acceso. Il ministro conservatore Oliver Dowden è diventato frustrato con l'audit e ha accusato Historic England di voler cancellare parti della storia britannica.

La storia del razzismo e della schiavitù è innegabile, così come il fatto che il razzismo e l'eredità della schiavitù fanno ancora parte della vita di molte persone oggi

Becky Clark

Clark ha assicurato che la Guida non intende farlo poiché non fa dichiarazioni politiche. "La storia del razzismo e della schiavitù è innegabile, così come il fatto che il razzismo e l'eredità della schiavitù fanno ancora parte della vita di molte persone oggi". Credeva che non fare nulla non fosse un'opzione per la chiesa. "Ci deve essere impegno con questo."

recenti azioni

Alcune chiese e parrocchie sono già intervenute. La cattedrale di Bristol ha rimosso una dedica della finestra al mercante di schiavi Edward Colston, mentre la chiesa di St Margaret a Rottingdean, nel Sussex, ha rimosso due lapidi nel suo cimitero che contenevano insulti razzisti. 

La statua di Edward Colston è stata rimossa dal suo piedistallo durante una protesta di Black Lives Matter a Bristol. Ora scomparirà anche il suo monumento nella Cattedrale di Bristol. Immagine: Caitlin Hobbs / Wikimedia (CC BY 3.0)

La chiesa di San Pietro in Vincoli a Dorchester ha coperto una targa che commemora il ruolo del proprietario della piantagione John Gordon nel reprimere una ribellione di schiavi, provocando centinaia di morti. La chiesa ha posto un avviso sulla targa che dice che il memoriale "commemora le azioni e usa un linguaggio che è totalmente inaccettabile per noi oggi". La chiesa offrirà la controversa targa a un museo.

Fonte: Chiesa d'Inghilterra, Osservatore ed Il guardiano

Per saperne di più, leggi eredità coloniale o controlla uno dei tag di seguito:

Donare