La famosa Cisterna Basilica di Istanbul riapre dopo cinque anni di restauro: più arte, meno terremoti

Illuminazione migliorata nello yerebatan sarnıcı. Immagine: MasterLu (Canva)

La Cisterna Basilica è stata riaperta ai visitatori dopo il completamento dei lavori di restauro. Il famoso serbatoio d'acqua sotterraneo situato vicino alla Basilica di Santa Sofia a Istanbul è stato chiuso nel 2017 poiché le autorità temevano che potesse essere danneggiato dai terremoti. Dopo cinque lunghi anni di restauro, l'edificio storico sarà aperto al pubblico tutti i giorni della settimana.

La ristrutturazione della cisterna, nota anche come yerebatan sarnıcı, includeva una passerella più bassa sopra l'acqua, portando i turisti a mezzo metro dalla sua superficie, sito web di notizie turche Notizie quotidiane di Hürriyet segnalato. E con una migliore illuminazione, il pavimento è ora visibile per la prima volta dalla sua costruzione nel 4° secolo. Ora che l'edificio è al sicuro dai terremoti, il bacino sotterraneo sarà caratterizzato da spettacoli di luci e installazioni di opere d'arte.

Sforzi di ristrutturazione

Aysen Kaya, vice capo del dipartimento del patrimonio del comune, ha inviato i suoi lavoratori per rafforzare e ripulire il palazzo dell'acqua di 138 metri per 65 negli ultimi cinque anni. Le pareti in mattoni rosa sono state ripulite dalle tracce del passato, sforzi di ristrutturazione meno eleganti. "Raschiando via gli strati di cemento aggiunti, abbiamo aggiornato i mattoni", ha detto Kaya Notizie quotidiane di Hürriyet.

Cisterna Basilica poteva immagazzinare quasi 80,000 litri d'acqua, che veniva trasportata con acquedotti dalle montagne a 19 chilometri a nord. Il serbatoio d'acqua ha contribuito a proteggere i bizantini dalla siccità estiva. Kaya ha menzionato come esempio di aver esposto due tubi durante gli ultimi lavori di ristrutturazione: uno ha portato l'acqua alla Basilica di Santa Sofia e un altro a un palazzo che si trovava prima che i sultani costruissero l'harem di Topkapı accanto.

Lavori di ristrutturazione della cisterna. Immagine: screenshot Hispanatolia TV

Alla fine, il bacino cadde in disuso ma fu riscoperto dal francese Petrus Gyllius nel 1545. Trovò gente del posto che vendeva pesce freschissimo nelle strade vicine. Poiché le loro case si trovavano sopra la cisterna, vi avevano sprofondato dei pozzi e talvolta vi pescavano dei pesci.

L'ambientazione suggestiva ha attratto scrittori di thriller nel corso dei secoli. La Basilica Cistern è apparsa nel famoso film di James Bond From Russia With Love nel 1963, mentre anche Robert Langdon di Dan Brown's Inferno (2013) ha avuto luogo nel bacino idrico sotterraneo.

Medusa e meduse

Meglio prevenire che curare, devono aver pensato i costruttori della cisterna. Immagine: Dosseman tramite Wikimedia (CC BY-SA 4.0)

A parte l'imponente cisterna stessa, c'è molto da vedere sottoterra. Ad esempio, due teste di Medusa sono state riproposte come basi di due colonne nell'angolo nord-ovest. L'origine delle due teste è sconosciuta, anche se si pensa siano state trasportate alla cisterna dopo essere state prelevate da un edificio romano. I blocchi dovrebbero essere posizionati lateralmente o capovolti, secondo leggenda, assicurati che le persone che fissano lo sguardo con loro non siano trasformate in pietra.

Il restauro ha consentito anche di fare spazio nella cisterna ad altre opere d'arte. Al centro della struttura sono state inserite opere moderne per un effetto extra, come una mano che afferra emerge dall'acqua. E figure ombrose ora stanno tra le colonne della cisterna, aggiungendo alla sua aria cupa. "Volevamo un'installazione luminosa che non togliesse nulla all'atmosfera mistica del luogo", ha detto Kaya.

Fonte: Notizie quotidiane di Hürriyet

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X