Rapporto: La proprietà culturale nel contesto della crisi

Un reportage di Anna de Wit sul documentario 'The Treasures of Crimea'

Tavola rotonda da sinistra a destra: Moderatore Jelle Baars, Dr. Jos van Beurden, Prof. Dr. Nico Schrijver e Dr. Evelien Campfens. Immagine: Centro per il patrimonio e lo sviluppo globali

Il 10 aprile 2022, il documentario 'The Treasures of Crimea' (Zonnebloemen in zwaar weer: De Schatten van de Krim) diretto da Oeke Hoogendijk è stato proiettato al De Balie di Amsterdam. La giornalista studentesca Anna de Wit del Center for Global Heritage and Development esprime i suoi pensieri sull'evento. Questo articolo è stato originariamente pubblicato dal Centro per il patrimonio mondiale e lo sviluppo ed è pubblicato dall'European Heritage Tribune con il loro permesso.

Dall'annessione della Crimea nel 2014, gli oggetti della mostra itinerante "De Krim - L'oro e i segreti del Mar Nero" sono nascosti nei sotterranei dell'Allard Pierson Museum di Amsterdam. La questione della proprietà è diventata fondamentale nel film poiché sia ​​il governo ucraino che i musei della Crimea hanno rivendicato i diritti legali sull'opera oggetti. Sia i musei della Crimea, che operano sotto il governo russo dall'annessione della Crimea nel 2014, sia il governo ucraino hanno rivendicato la proprietà di questi manufatti, sostenendo che gli oggetti sono la "loro" eredità. Nel documentario, la storia dietro le rivendicazioni legali dei beni culturali è emotiva, politica e, purtroppo, molto rilevante. Viene raccontato principalmente attraverso le voci di due donne, l'archeologa e curatrice dei musei della Crimea, Valentina Mordvintseva, che ha convinto i suoi colleghi a prestare gli oggetti all'Allard Pierson Museum, e Ludmila Strokova, direttrice del Museo storico di Kiev.

Dopo la proiezione del documentario, si è svolta un'avvincente conversazione sul diritto dei beni culturali e sull'idea di proprietà. La Dott.ssa Evelien Campfens (Università di Leiden), il Prof. Dott. Nico Schrijver (Università emerita di Leiden) e il Dott. Jos van Beurden (Vrije Universiteit Amsterdam) hanno discusso questi problemi dalle loro diverse prospettive utilizzando esempi moderni, come il tema del saccheggio coloniale arte.

La proprietà non è così binaria come potremmo percepirla poiché le comunità possono anche essere proprietarie di beni culturali

Il caso della collezione di Crimea non è apparentemente unico. Come ha sottolineato Campfens, ci sono state situazioni simili nella storia, inclusi alcuni episodi durante la dissoluzione dell'Unione Sovietica, poiché, in quest'area, durante questo periodo, sono sorti nuovi stati. Van Beurden ha anche discusso ulteriormente la questione dell'arte coloniale saccheggiata poiché ci sono somiglianze con il caso della Crimea. Si è chiesto se le procedure legali – come nel caso dei tesori della Crimea – siano sempre il modo migliore per avvicinarsi al concetto di proprietà, sostenendo che le finanze possono essere decisive in questi casi e un dialogo può offrire soluzioni alternative.

Durante la discussione, ciò ha portato alla domanda sul significato di proprietà e quali entità possono essere proprietari. Campfens ha affermato che la proprietà non è così binaria come potremmo percepirla, poiché oggigiorno, ad esempio, le comunità possono anche essere proprietarie di beni culturali, come spesso accade con oggetti di importanza religiosa ad esempio percepiti come di proprietà comune dalle comunità di origine. In tal modo, il patrimonio può essere "posseduto" da vari attori. Oltre ai governi nazionali, i beni culturali possono essere posseduti anche da comunità locali e istituzioni transnazionali e sovranazionali. Inoltre, in campo giuridico, i diritti culturali svolgono un ruolo essenziale. Schrijver ha affermato che i diritti culturali hanno recentemente acquisito maggiore importanza e sono un concetto dinamico poiché incorporano tutti i tipi di norme e valori sociali. A questo proposito, l'approccio legale alla proprietà può essere modificato e potrebbe essere combinato con le soluzioni alternative menzionate da Beurden.

Infine, questo documentario è uscito nel 2021 ma ha recentemente ricevuto una rinnovata attenzione alla luce della recente invasione russa dell'Ucraina. La discussione sulla proprietà di questi oggetti culturali ha acquisito una connotazione più cruciale. L'eredità normalmente sembra riguardare la proprietà del passato, ma questo film chiarisce che riguarda anche la proprietà del presente, specialmente in tempi di crisi.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.