Alla ricerca di Faro Blog | Questa è la mia eredità

Nel suo video dell'Agenzia per il patrimonio culturale sulla Convenzione di Faro, Michaëla Hanssen afferma che "l'idea è restituire il patrimonio al cittadino".

Grande! Lasciami all'Het Loo Palace e sceglierò la camera da letto che preferisco. Ma sono abbastanza sicuro che un pigiama party reale non fosse quello a cui voleva arrivare. Il palazzo probabilmente non ha una camera da letto per ogni cittadino olandese, e non ho intenzione di condividere il mio sontuoso baldacchino con nessuno.

Il patrimonio come "mezzo per un fine"

Allora, a cosa sta puntando esattamente Michaëla? Come restituire il patrimonio al cittadino? È una domanda che mi ricorda le notizie recenti con folle arrabbiate che si aggirano intorno a statue con connessioni coloniali. Statue del "grande e buono" a cui nessuno ha dato una seconda occhiata un anno fa. Eppure improvvisamente sono diventati parte integrante dell'identità di una persona, mentre qualcun altro è determinato a vederli abbattuti. Questa battaglia riguarda davvero le statue? O su qualcosa di molto più grande? Le statue di epoca coloniale – insieme a Zwarte Piet, dipinti di nudi e raffigurazioni di schiavi sulla carrozza cerimoniale del monarca olandese – sembrano essere diventate simboli in una battaglia per l'identità olandese. È patrimonio come mezzo per un fine, mezzo per raggiungere obiettivi sociali… che ci riporta dritti alla Convenzione di Faro!

Edifici che contano

Ma che dire di un patrimonio più robusto e duraturo? Come restituire il patrimonio costruito ai nostri cittadini? Ho trovato ispirazione in un'idea espressa da Gertjan de Boer, responsabile politico per la storia culturale nel comune di De Ronde Venen.

Quando l'Agenzia per i Beni Culturali mi ha chiesto di fare dodici interviste, lui è stata la prima persona che ho chiamato. Gertjan crede che, spesso senza esserne consapevoli, abbiamo tutti un qualche legame con il patrimonio costruito. Perché altrimenti dovremmo andare in città storiche quando andiamo in vacanza? Eppure è qualcosa con cui ci impegniamo senza rendercene conto completamente. In parte per aumentare la nostra consapevolezza, Gertjan ha lanciato un progetto in cui chiede ai residenti di designare edifici classificati per il comune.

Anche qui l'identità sembra giocare un ruolo importante: le persone spesso optano per un edificio in cui vivono o lavorano o per edifici del proprio villaggio. Wiesje, un esperto non professionale del patrimonio per il progetto, crede che i residenti siano perfettamente in grado di identificare gli edifici che contano: "Sentiamo una connessione, hanno un effetto su di noi".

Devo ammettere che questo mi ha messo un po' a disagio: come storico dell'architettura del futuro, cosa mi lascia? Per fortuna, Gertjan ha alcune parole rassicuranti nella manica: "Ci vuole un professionista per sapere cosa apprezzeranno le persone tra anni". Wow, grazie a Dio per questo! Dopotutto, la vita da storico dell'architettura ha uno scopo.

Abbiamo davvero bisogno di restituire il patrimonio al cittadino? Ognuno ha già il proprio prezioso edificio, villaggio o città o la propria tradizione di cui essere orgogliosi. Il patrimonio è già nostro, se solo ci fermassimo a pensare a cosa significhi.

Alla prossima
Alma

Donare