Alla ricerca di Faro Blog | Archeologia: dal leccare i cocci alla terapia degli scavi

Ultimamente sto scavando nel mondo dell'archeologia. Questo è ancora un territorio praticamente inesplorato per me. Come molti bambini, sognavo di diventare un archeologo quando ero più giovane. Comunque per un po'. Mi sono immaginato, abbronzato dal sole, vanga in mano, dissotterrare una magnifica città romana dopo l'altra. Ma poi è arrivata la nostra gita scolastica al Museo Het Valkhof di Nijmegen. Dovevo avere tredici anni all'epoca. Una vera archeologa ci ha mostrato e spiegato il suo lavoro. Diciamo solo che non era proprio quello che mi aspettavo. Fondamentalmente, trascorreva le sue giornate in un laboratorio ad accarezzare, annusare e leccare frammenti di ceramica per capire quanti anni avessero. Quando un frammento leccato da uno dei miei compagni di classe si è rivelato essere di un antico water, le mie fantasie archeologiche erano davvero finite.

Ora, attraverso il mio lavoro per Erfgoedstem (Heritage Voice), sto riscoprendo l'archeologia attraverso il giornalismo e ho notato che il mio cuore batte un po' più velocemente ogni volta che viene fatta una nuova scoperta entusiasmante. Forse è questo il potere dell'archeologia: il brivido, il mistero, il romanticismo... Il mio capo Herbert-Jan lo vede in termini di scheletri, passaggi segreti e tesori nascosti.

Archeologia di comunità
Ma durante la mia ricerca personale per la terra di Faro, dopo aver razziato tombe e combattuto contro le mummie, mi sono imbattuto in una forma di archeologia ancora più emozionante: l'archeologia di comunità. Originario del Regno Unito, ha attraversato il Mare del Nord e ha messo radici sul suolo olandese. L'idea è che gli archeologi svolgano ricerche in collaborazione con i residenti locali, rafforzando nel processo il tessuto della comunità locale. Alcuni sostengono addirittura che l'archeologia comunitaria possa
essere una chiave per risolvere i problemi sociali... Davvero?

È ora di saperne di più. Sul quotidiano olandese NRC, ho letto un articolo di Theo Toebosch del 2015. Ha descritto un progetto in cui veterani di guerra traumatizzati hanno aiutato a scavare un sito archeologico vicino a Waterloo. L'uomo dietro lo scavo aveva due obiettivi in ​​mente: "Aumentare la nostra comprensione della battaglia di Waterloo attraverso l'archeologia e aiutare i veterani di guerra britannici con disabilità o disturbi da stress post-traumatico a ritrovare fiducia in se stessi partecipando". L'articolo chiarisce che la conoscenza dei veterani ha spianato la strada a nuove scoperte. Ciò che gli stessi veterani ottengono da questo "scavo terapeutico" rimane un po' vago. Se non altro li fa uscire di casa, ho anche fatto alcune indagini con l'archeologo Evert van Ginkel. «L'archeologia comunitaria è un'idea simpatica. Dato che la ricerca archeologica è finanziata con fondi pubblici, gli archeologi hanno un dovere nei confronti della società: dovrebbero essere responsabili del lavoro che svolgono. Espandi questa idea e potresti sostenere che dovrebbero concentrarsi su aree che la società vuole conoscere e che dovrebbero farlo lavorando con la società.' Ma la vita reale è un po' più complicata, rivela Evert. 'Come membro del pubblico, non puoi semplicemente presentarti e iniziare a scavare. C'è molto che devi imparare prima. C'è una buona ragione per cui le persone trascorrono anni a studiare archeologia. A molte persone piacciono gli scavi, ma pochi lo trasformano in un hobby serio. Quindi stai parlando di un piccolo gruppo target.' Riservazioni a parte, Evert vede un valore aggiunto nell'archeologia di comunità, anche perché il non esperto guarda all'archeologia in un modo completamente diverso. 'Il non esperto è affascinato da cose che spesso a noi archeologi sembrano del tutto irrilevanti. E credo che questo offra opportunità per l'archeologia comunitaria. Oltre alla ricerca scientifica, incoraggia gli archeologi a considerare l'impatto emotivo che il loro lavoro può avere.'

Più che pentole e padelle
Emozione… quindi torniamo al brivido dei tesori nascosti e degli scheletri. O il nuovissimo remake del blockbuster hollywoodiano Cleopatra. Lasciamo agli archeologi decidere quanto Cleopatra fosse occidentale o nordafricana. Quindi possiamo porre fine a questo secolare dibattito una volta per tutte.

Quello che ho scoperto scavando nel mondo dell'archeologia è che si tratta di persone molto più di quanto pensassi. L'archeologia è molto più che pentole e padelle in vetrine. Riguarda i sentimenti che un frammento, quella palla di cannone vagante, quel pezzo di selce possono suscitare nelle persone. Questo ha preso davvero vita per me nella mia terza intervista, quando ho parlato con le persone coinvolte in un progetto di archeologia comunitaria nella regione del Midden-Brabant. Leggi l'intervista qui.

Alla prossima

Alma