La Svizzera ratifica la Convenzione dell'UNESCO sul patrimonio culturale subacqueo

Palafitte preistoriche (Germania)
Palafitte preistoriche (Germania) Immagine: ANKAWÜ (Wikimedia)

Il Consiglio nazionale svizzero ha deciso di ratificare la Convenzione dell'UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo. Nonostante non sia conosciuto come acquatico, il paese ospita molti resti di palafitte preistoriche, ora per lo più sott'acqua nei grandi laghi del paese.

Convenzione dell'UNESCO sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo
La Convenzione UNESCO del 2001 sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo è un trattato inteso a proteggere “tutte le tracce di esistenza umana aventi carattere culturale, storico o archeologico” che sono state sott'acqua per oltre 100 anni. Ciò si estende alla protezione di relitti di navi, città sommerse, opere d'arte preistoriche, tesori che possono essere saccheggiati, luoghi di sacrificio e sepoltura e vecchi porti che coprono i fondali degli oceani. È stato ratificato da oltre 60 paesi.

Siti palafitticoli preistorici delle Alpi
Le abitazioni preistoriche in Svizzera fanno parte di una serie di insediamenti trovati in vari luoghi delle Alpi, costruiti tra il 5000 e il 500 aC circa sui bordi di laghi, fiumi o zone umide. 111 di questi siti, situati in 6 paesi diversi, sono elencati come patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Le case furono erette su un terreno paludoso vicino ai laghi. Sono stati posti su palafitte per proteggersi da inondazioni occasionali.

Leggi di più (in francese) su Le Matin.

Resti di abitazioni sottomarine, Svizzera
Resti di palafitte preistoriche, Svizzera Immagine: Stedewa (wikimedia)