Bodega la Palma, Barcellona.
Bodega la Palma, Barcellona. Immagine: r Enric Wikimedia CC BY SA 4.0

Barcellona aggiunge 11 bodegas alla lista del patrimonio culturale della città

Il Comune di Barcellona proteggerà questi piccoli bar locali caratteristici della città. Questa misura era necessaria poiché alcune delle bodegas sono state costrette a chiudere a causa della mancanza di reddito durante la pandemia.

Le bodegas sono uniche perché oltre a servire cibo e bevande, vendono anche vini della casa, sherry e altre bevande dalla botte. Molti sono nati come punto vendita al dettaglio del vino prodotto dai proprietari. La maggior parte delle bodegas sono elencate come "avendo avuto un'importante influenza sociale sul loro ambiente e conservano aspetti di interesse storico e originalità legati agli usi e costumi del barrio", e meritano di essere considerata una parte della memoria collettiva di Barcellona.

Molti piccoli negozi come drogherie, negozi di giocattoli, librerie e negozi di mobili sono stati costretti a chiudere a causa di affitti in ritardo. Molte bodegas stanno affrontando un destino simile. Gli affari durante la pandemia sono stati lenti e attualmente sono possibili solo cibi da asporto. Il comproprietario di Bodega Quimet, David Montero accoglie con favore la quotazione in quanto fornirà fondi per mantenere il carattere delle bodegas. Tuttavia, aggiunge che l'aiuto per pagare l'affitto di queste bodegas è più urgente. Rimasti con poco tempo per prepararsi al blocco, bloccati con prodotti invendibili, i proprietari della bodega hanno subito molte perdite.

Leggi l'articolo completo Il guardiano.

Per saperne di più su Barcellona.

X