Un dipinto che puoi annusare? Il futuro dei musei inclusivi in ​​mostra a Madrid

La mostra del Prado mostra l'importanza di rendere le mostre accessibili ai disabili

Brueghel e Rubens, Il senso dell'olfatto, 1617–1618, Wikimedia Public Domain

Il patrimonio è spesso considerato come qualcosa che puoi vedere o toccare. Il Museo del Prado di Madrid ha deciso di intraprendere un percorso diverso. Il loro nuovo display include un dipinto che puoi non solo vedere ma anche annusare. La mostra attorno a “The Sense of Smell” di Jan Brueghel e Peter Paul Rubens presenta ora dieci profumi distinti e consente ai visitatori di vivere il dipinto in un modo diverso. Potrebbe essere questo il prossimo passo per rendere i musei più accessibili alle persone non vedenti o ipovedenti?

L'obiettivo originale del dipinto era quello di illustrare la vasta gamma di odori che gli esseri umani possono distinguere e il Museo del Prado aggiunge un nuovo livello a questo. Utilizzando "AirParfum", una tecnologia sviluppata dalla società di profumi e partner Puig, il profumiere Gregorio Sola ha creato dieci odori da sovrapporre a vari elementi del dipinto, EuroNews segnalati.

E non è un caso che i curatori abbiano scelto questo particolare lavoro. Il dipinto fa parte di una serie in cinque parti chiamata "I cinque sensi" di Brueghel. Dipinto tra il 1617 e il 1618, Brueghel voleva che ciascuna delle sue opere evocasse il potere dei sensi individuali: vista, suono, olfatto, gusto e tatto. Rubens ha contribuito dipingendo le figure allegoriche nell'opera.

Cosa c'è da annusare?

Grazie a quattro diffusori, i visitatori possono sentire note di fiori d'arancio, oli essenziali, gelsomino o un fico quando interagiscono con un touchscreen davanti all'opera d'arte. Anche le fragranze di rose, iris, nardo e narcisi fanno parte dell'esperienza.

Visitatori al Museo del Prado, Madrid. Immagine: Iosminino (Flickr) CC BY-SA 2.0

Dando al dipinto sapori più animaleschi, Sola ha utilizzato l'odore di uno zibetto africano, un piccolo mammifero originario dell'Africa subsahariana. “Lo zibetto è un odore piuttosto aspro e sporco, ma è quello che trovi in ​​tutte le ricette di profumi del 1500 e del 1600”, ha detto Il guardiano. "Questo perché è stato usato come fissativo per assicurarsi che il profumo durasse sulla pelle."

Il profumo utilizzato nella mostra è sintetico, "quindi nessun animale è stato ferito!" Mentre gli altri si basano su essenze naturali di alta qualità. Prima di poter decidere quali odori sarebbero stati mostrati, i ricercatori hanno dovuto identificare circa 80 diverse specie di piante e fiori ritratte nell'immagine. Ad esempio, per ricreare gli odori dei narcisi, il team ha raccolto 1,300 kg di fiori.

Accesso per tutti

Il Prado ha avuto un discreto successo nel suo esperimento di portare l'odore in una mostra. «È una piccola stanza. Quindi non è una di queste mostre dai grandi numeri”, ha spiegato Alejandro Vergara, curatore senior del Museo del Prado. “Ma abbiamo moltiplicato per 20 il numero di persone che vanno in quella stanza. La risposta sia in Spagna che in tutta Europa è stata molto ampia e molto entusiasta. Quindi ne siamo molto contenti".

L'aggiunta di odori a una mostra può diventare un modo per rendere i musei più inclusivi per le persone disabili? Un articolo di Museo Avanti afferma che l'odore potrebbe essere un modo eccellente per dare vita a un display per ogni visitatore. Combinare vista, tatto, suono e olfatto è un buon modo per creare mostre accessibili.

La creazione di display inclusivi può essere eseguita tramite testi di mostre in braille, realizzando opere d'arte tangibili o aggiungendo odori e suoni a una mostra. Immagine: Tima Miroshnichenko (Canva)

I Prado possono prendere un esempio dal loro vicino, il Museo dei Ciechi, anch'esso con sede a Madrid. È stata fondata da ONCE, l'associazione nazionale dei ciechi in Spagna. Il museo offre diverse mostre che includono modelli di edifici famosi, la storia del braille e opere d'arte tangibili create da artisti ipovedenti.

Un altro luogo da cui prendere ispirazione è il Victoria & Albert Museum di Londra, che offre un tour specifico per i visitatori con problemi di vista. Un altro esempio potrebbero essere i tour toccanti in VR di The Head of Nefertiti, Venus de Milo e Michelangelo's David a cura della National Gallery di Praga. Se potessi riunire tutti i curatori nella stessa stanza, forse una collaborazione attorno agli altri dipinti sensoriali di Brueghel potrebbe dare il via a un'ondata di mostre accessibili alle persone ipovedenti.

Fare Brueghel e Rubens' Il senso della vista accessibile a tutti sembra un'eccellente mostra di follow-up. Immagine: Wikimedia di pubblico dominio

Fonte: Euronews, Museo Avanti, Il guardiano

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X