Mostra nell'area storica di Great Liman a Novi Sad, Capitale Europea della Cultura nel 2021

Mostra "Great Liman: Narratives of inherited area"
Mostra "Great Liman: Narratives of inherited area" Immagine: Predrag Uzelac

Dal 4 settembre 2020, la mostra 'Great Liman: Narratives of inherited area' mostra le narrazioni dell'area storica di Great Liman a Novi Sad, che nel secolo precedente è stata plasmata e trasformata da varie attività, a partire dall'industria classica, attraverso la manifattura e la produzione artistica, alle industrie culturali e creative.

All'inizio degli anni '1920, nell'area di Great Liman, lungo il Danubio, il Ministero del Commercio cecoslovacco costruì un magazzino, che generò la formazione di una nuova area industriale cittadina. Ben presto, sull'ex terreno paludoso furono costruiti numerosi stabilimenti, principalmente per la lavorazione di metallo, legno e pietra, ma anche grandi magazzini, come il Monopoli di Stato.

La mostra mostra il passato industriale dell'area di Great Liman attraverso archivi scritti e pittorici, letteratura stampata, documentazione fotografica e fonti orali, concentrandosi sul patrimonio tangibile e immateriale della fabbrica dei fratelli Kramer, ovvero Petar Drapšin, che ha indubbiamente determinato l'identità di quest'area.

Dopo il trasferimento della fabbrica Petar Drapšin, l'area di Great Liman iniziò ad essere occupata principalmente da artigiani, nonché da associazioni giovanili e artisti, che resuscitarono i complessi di fabbrica abbandonati. In questo periodo gli edifici ereditati, sebbene già in rovina, furono trasformati in botteghe di vari mestieri, atelier d'arte e luoghi di ritrovo per i giovani, come testimoniano le fotografie artistiche.

Dopo la ricostruzione delle infrastrutture e la messa in funzione di alcuni oggetti di ricca storia, questo segmento dell'area storica di Great Liman diventerà una sorta di distretto creativo e l'epicentro della produzione culturale di Novi Sad.

La mostra visualizza i cambiamenti organici nello scopo degli edifici storici in un modo unico, dalla loro costruzione a ciò in cui si stanno attualmente trasformando.

La mostra è organizzata da:
Novi Sad - Capitale europea della cultura 2021 come parte di Caleidoscopio di cultura, uno dei più grandi programmi all'interno del progetto Novi Sad Capitale europea della cultura 2021

I curatori della mostra sono:
Anica Draganić, professore associato nel campo della storia dell'architettura e della conservazione del patrimonio architettonico presso il Dipartimento di Architettura e Urbanistica, Facoltà di Scienze Tecniche, Università di Novi Sad.
Maria Szilágyi, storico dell'architettura e conservatore, impiegato come assistente con dottorato presso il Dipartimento di Architettura e Urbanistica della Facoltà di Scienze Tecniche.

L'autore delle fotografie è:
Pretrascina Uzelac

Fonte: comunicato stampa.

Per saperne di più sul Capitale Europea della Cultura.