Blog ESACH | Impegno della comunità attraverso il volontariato per il patrimonio: un caso di studio

Inconsciamente, la comunità è come una seconda casa. È il modo in cui le persone vivono e si sviluppano personalmente e professionalmente e, considerando questa simbiosi, la promozione e la protezione del patrimonio dipende dalla sua comunità. Sebbene ci siano molti modi per connettere la comunità al suo patrimonio, uno di questi è attraverso il volontariato: una pratica che viene condotta al meglio attraverso una leadership entusiasta e una narrazione coinvolgente. In cambio, si protegge il patrimonio, si aumenta la consapevolezza e si rafforza la comunità. Di seguito, puoi leggere un caso di studio basato sull'esperienza personale.

Scritto da: Sorina Neacsu.

Come tutto è cominciato

Nel 2019 sono entrato per la prima volta in a Volontari del patrimonio europeo Progetto partner in Finlandia. Per due settimane tutti i partecipanti si sono concentrati sulla sostituzione del tetto in scandole, sulle sezioni delle tradizionali recinzioni in legno di abete rosso e sulla pittura delle facciate di un Museo della fattoria di Kauppila. Il "Tecniche tradizionali del legno in un museo della fattoria" progetto è stato organizzato dal Museo Regionale della Finlandia Proper (il nome Finlandia era in epoca medievale applicato solo alla parte sud-occidentale della Finlandia) e dalla città di Laitila, in collaborazione con European Heritage Volunteers. Dodici volontari hanno partecipato da tutto il mondo.

L'intero progetto e le attività sono state molto stimolanti. Verso la fine del nostro tempo in Finlandia, la comunità locale si è unita per visitare le sezioni appena restaurate della fattoria e per incontrare i partecipanti. Sembravano impressionati dai miglioramenti immediatamente visibili dopo solo due settimane di lavoro. Mi sono poi ricordato che dare l'esempio può avere origine al di fuori della comunità locale quando si tratta di patrimonio. I membri della comunità locale ci hanno insegnato local chiacchiere – un modo locale di lavorare insieme, volontariamente, per un obiettivo prefissato – fornire ulteriori incentivi per continuare il lavoro sul museo della fattoria.

Figura 1: Partecipanti impegnati nella costruzione di un pozzo, parte della cerimonia di chiusura. Fonte: Autore

Organizzare un progetto a casa

In questo contesto e con alti livelli di motivazione, sono tornato nel mio paese d'origine, la Romania, e ho deciso di organizzare lì un progetto. Insieme a Associazione Culturale “Patrimonio per il Futuro”, l'ONG con cui lavoro, e insieme a European Heritage Volunteers, abbiamo iniziato a pianificare. Sebbene il 2020 non abbia fornito il lasso di tempo più semplice per pianificare e organizzare progetti simili, le cose sembrano comunque più agevoli se mantieni la motivazione. Abbiamo quindi inviato lettere di intenti per trovare il museo partner giusto ed entusiasta – eventualmente il Complesso museale Bistrița Năsăudă. Dopo aver identificato l'obiettivo principale del progetto – conservazione e restauro di pelli di pecora – ci siamo concentrati su orari, approvvigionamento locale di beni e servizi, pianificazione di viaggi e attività educative, consultando la comunità locale di Bistrita. 

Figura 2 e figura 3: Cortile interno del complesso museale Bistrița Năsăud. Fonte: Autore/Complesso Museale Bistrița Năsăud

Cappotti di pelle di pecora

I cappotti di pelle di pecora sono indumenti invernali tradizionali rumeni, risultanti da una varietà di influenze raccolte e raccontano così belle storie storiche. In questa luce, abbiamo pensato che i cappotti di pelle di pecora fossero l'illustrazione perfetta per la diversità della comunità. I costumi popolari costruiscono al meglio un ponte tra il passato e il futuro, consentendo l'incontro tra patrimonio immateriale e materiale. 

Inizialmente i capi erano prevalentemente bianchi, mentre il nero e il marrone furono impiegati solo successivamente nelle rifiniture e nelle decorazioni. Alla fine, le influenze esterne hanno reso i motivi floreali e le nappe di seta molto attraenti e desiderabili, e alcuni pezzi portano l'iniziale di chi li indossa e l'anno di fabbricazione.

Figura 4, figura 5 e figura 6: Cappotti di pelle di pecora esposti al Complesso Museale di Bistrița Năsăud, evoluzione dal bianco e nero al colore. Fonte: Autore/Complesso Museale Bistrița Năsăud

Durante la 2020 progetto, hanno partecipato 8 volontari provenienti da 7 paesi diversi. Il gruppo è riuscito a lavorare su oltre 20 pezzi durante il progetto. Per un esito positivo, è molto importante mantenere i contatti il ​​più possibile con la comunità, come hanno affermato anche i partecipanti (un video di riepilogo è disponibile a questo collegamento). L'entusiasmo di entrambi i partner rumeni è stato fondamentale nell'organizzazione del progetto e la già costituita comunità di volontari del patrimonio europeo è stata una mano utile in questo. Ci sono state alcune posizioni relative alla leadership che ci hanno aiutato lungo la strada. Questi includono: 

  • condividere storie per rafforzare il senso di appartenenza; 
  • facilitare il lavoro tra i partner e ascoltare i loro bisogni specifici; 
  • considerando la comunità come parte della tua cerchia di amici.

Durante l'adattamento per adattarsi a una determinata situazione, fungete da catalizzatore per il cambiamento, motivando, ispirando e promuovendo intrinsecamente la partecipazione tra i diversi gruppi.

Figura 7 e figura 8: I partecipanti mostrano il loro lavoro l'ultimo giorno del progetto al Complesso Museale di Bistrița Năsăud. Fonte: Autore/Neacsu

Gli obiettivi iniziali che ci eravamo prefissati per il progetto sono stati superati. Sia la comunità coinvolta che i partecipanti hanno contribuito al salvataggio, alla conservazione e al restauro degli indumenti tradizionali in pelle di pecora scelti. Ai partecipanti è stata offerta l'opportunità di ampliare le proprie conoscenze e abilità legate al patrimonio e di approfondire una comprensione del costume popolare rumeno, nonché dei suoi contributi al patrimonio immateriale e tangibile. Il gruppo stesso è diventato una comunità con legami di amicizia e professionali che possono eventualmente espandersi ad altri progetti guidati dalla comunità. 

Risultati e programmi per il 2021

Di conseguenza, infatti, nel 2021 l'Associazione Culturale “Heritage for the Future” e Complesso Museale Nazionale ASTRA hanno unito le forze per organizzare un altro Volontari del Patrimonio Europeo progetto estivo, in linea con il tema cappotti in montone, pelle e tessuti 2020. Il Museo ASTRA è il più grande museo all'aperto della Romania (nonché la più importante istituzione etnografica della Romania) e il secondo più grande d'Europa.

Figura 7 e figura 8: Viste Complesso Museale Nazionale ASTRA. Fonte: Autore/Complesso Museale Nazionale ASTRA

La sede del museo si estende su 96 ettari, 42 dei quali destinati alla mostra stessa. Qui, il patrimonio materiale e immateriale si mescolano in modo prezioso, consentendo ai visitatori di "assaggiare" i tesori tradizionali del patrimonio rumeno. Il museo organizza una serie di eventi per promuovere le tradizioni popolari in Romania, con l'obiettivo di mantenere la comunità sempre impegnata. In questa luce, l'incorporazione nel quadro di tale istituzione di qualsiasi attività guidata da volontari promette di consolidare ulteriormente la promozione del patrimonio esposto e il suo significato.

Figura 11: donna che fila il filo. Fonte: Autore/Complesso Museale Nazionale ASTRA | Figura 12: Evento folcloristico estivo. Fonte: Autore/Complesso Museale Nazionale ASTRA | Figura 13: Artigianato tradizionale della tessitura. Fonte: Autore/Complesso Museale Nazionale ASTRA

Questo è il mio esempio di impegno della comunità attraverso il volontariato per il patrimonio. Ci sono molti altri mezzi per abbinare la comunità al suo patrimonio per una crescita e un miglioramento reciproco e continuo. Infine, oltre alla gioia di risultati immediati e durevoli, abbiamo l'opportunità di creare una rete di giovani professionisti che la pensano allo stesso modo e che si sforzano di sviluppare un futuro luminoso per il patrimonio culturale.

Circa l'autore

Sorina è una manager culturale attiva nei settori del patrimonio culturale e delle ONG. Ha acquisito competenze in didattica museale, patrimonio culturale, project management, gestione e coinvolgimento di giovani/volontari e storia dell'arte. Dimostrato entusiasmo per la scrittura e la segnalazione di argomenti legati al patrimonio. Desideroso di esplorare la valorizzazione e la diffusione del patrimonio culturale e dei sogni per favorire una migliore comprensione della rilevanza del patrimonio nella vita di tutti i giorni. lei si è unita ESACH comitato di coordinamento nel dicembre 2020 per la Programma Ambasciatori Giovani del Patrimonio Europeo.