Una strada nell'antica città romana di Pompei. Immagine: janka3147 (Canva) CC0

Il nuovo direttore di Pompei ha criticato prima ancora di iniziare

La scorsa settimana il governo italiano ha annunciato l'archeologo italiano di origine tedesca Gabriel Zuchtriegel come nuovo direttore di Pompei. Ma non tutti sembravano contenti del supervisore di 39 anni. I critici ritengono che Zuchtriegel sia troppo giovane e non abbia esperienza. E soprattutto non è italiano (basta).

Lo hanno riferito due membri del consiglio scientifico del parco archeologico, Irene Braganti e Stefano de Caro, immediatamente dimessi dopo aver appreso la notizia. Corriere della Serra. Allora cosa sta succedendo a Pompei?

Riformare il settore

Anna Ainio, Ambasciatrice della Gioventù del Patrimonio Europeo

Secondo lo studente di storia dell'arte e Ambasciatore della gioventù del patrimonio europeo Anna Ainio, la critica a Zuchtriegel ha tutto a che fare con la riforma dell'amministrazione culturale italiana del 2014. “Il governo ha deciso di dare maggiore indipendenza ai 20 musei più importanti, Pompei compresa”, ha spiegato. “Ora, i direttori potrebbero decidere da soli come, ad esempio, promuovere i loro istituti. Ovviamente, più indipendenza significava più potere ". 

La riforma significava anche che i non italiani potevano candidarsi per posizioni di vertice nell'industria culturale italiana. “Diverse persone del settore ritengono che gli italiani, non gli stranieri, debbano gestire il patrimonio italiano”, osserva Ainio. "Ma secondo il diritto dell'UE, i cittadini dell'UE non possono essere esclusi quando si tratta di lavori amministrativi di alto livello, anche se sono a livello governativo". 

"Diverse persone del settore ritengono che gli italiani, non gli stranieri, debbano gestire il patrimonio italiano"

Energia fresca o inesperienza?

Anche se Zuchtriegel è diventato cittadino di stato italiano nel 2020, i critici pensano che non abbia abbastanza esperienza per supervisionare Pompei. In precedenza ha gestito i parchi archeologici di Paestum e Velia, ma Pompei è un passo avanti per dimensioni e prestigio. "Come straniero inesperto, può essere difficile capire l'amministrazione italiana", dice Ainio. "Ma Zuchtriegel lavora qui da molto tempo, anche se ha solo 39 anni." 

Crede che i registi stranieri possano portare nuove idee ed energia a un sito culturale. “Come stagista alla Pinacoteca di Brera a Milano, ho lavorato con il regista James Bradburne, canadese. Ha reso il museo più accessibile a molte persone ".

Se lo 'straniero' Zuchtriegel avrà altrettanto successo a Pompei, resta da vedere. Secondo Forbes, il nuovo regista piani implementare una tecnologia all'avanguardia, come l'uso di droni, satelliti e sensori a infrarossi per assistere nella supervisione del sito. Ma ha ancora bisogno di collaborare con il consiglio e i suoi colleghi per preservare il sito.

"Non sono uno che vede il regista come la persona che sa e decide tutto", ha sottolineato Zuchtriegel in un'intervista a Il guardiano. Il suo primo obiettivo è attirare le persone che vivono vicino a Pompei, ora che gli stranieri non possono visitare il sito. "Questa è una buona opportunità per impegnarsi di più con la comunità locale".

Fonti: Anna Ainio, Forbes, Il guardiano e Corriere della Serra (Italiano)

Per saperne di più archeologia o controlla uno dei tag di seguito:

X