Il villaggio perduto in Italia emerge dal lago dopo 70 anni

L'iconico campanile è uno degli unici segni ancora visibili dell'esistenza di Curon. Immagine: Kamadie / Canva (CC0)

Settant'anni dopo che l'insediamento italiano di Curon fu volutamente allagato, la città sommersa è ora sommersa dalle profondità. L'unico ricordo della sua esistenza era la guglia della chiesa della città che sorgeva al centro del lago. Sette decenni dopo, anche il resto di Curon vede la luce poiché il lago è stato parzialmente prosciugato. 

La città italiana, chiamata Alt Graun in tedesco, si trova vicino al confine svizzero e austriaco. Fu allagata nel 1950 quando le autorità decisero di costruire una diga e unire due laghi vicini, BBC News segnalato. Nonostante le obiezioni dei suoi abitanti, il sito dell'ex villaggio divenne il fondo del Lago di Resia, o Reschensee in tedesco.

Eredità ispiratrice

Ora che il lago è stato parzialmente prosciugato per motivi di manutenzione, i residenti hanno esplorato i resti di Curon. La locale Luisa Azzolini ha twittato che era una “strana sensazione” camminare tra le macerie dell'ex villaggio. Non è stato ancora deciso quando il lago si sarà riempito, allagando nuovamente Curon. (Il testo continua sotto il tweet)

Lo spettacolo iconico del Lago di Resia con il suo campanile che fa capolino dalla superficie dell'acqua è una meta ambita dai turisti in inverno. Puoi raggiungere a piedi il campanile attraverso il lago ghiacciato. La vista insolita ha persino ispirato un libro e una serie Netflix. La serie, che prende il nome da Curon, è stata soprannominata "Italian Twin Peaks", secondo Rivista NSS.

Fonte: BBC News e Rivista NSS

Per saperne di più patrimonio tangibile o controlla uno dei tag di seguito:

X