Blueways potrebbe dare il via a una nuova ondata di turismo sostenibile?

Il fiume Boyne in Irlanda fa anche parte della prima rete mondiale di Blueways. Immagine: rivoluzione-gd (Canva)

Durante la pandemia di Covid-19, molte voci hanno sostenuto di rendere il turismo più sostenibile per combattere gli effetti spesso devastanti del turismo di massa. Una possibile soluzione per attirare i visitatori lontano dai famosi hotspot e dalle trappole per turisti potrebbe essere la creazione delle cosiddette "Blueways", una rete di bacini idrici come laghi, fiumi e coste con un'infrastruttura adatta al turismo all'aperto. Poiché l'Irlanda ora ospita le prime Blueways al mondo, potrebbe essere l'inizio di una nuova ondata di turismo sostenibile?

Il 5 aprile, l'Irish Tourism Board Fáilte Ireland ha nominato il Blueway a Meath, Tipperary, Clare e Galway come Blueways, secondo il servizio di notizie nazionale RTÉ. Il loro status speciale include essere "destinazioni di prim'ordine per attività acquatiche e acquatiche" in Irlanda. Almeno il 73% dei turisti nazionali in Irlanda pratica attività legate alla natura come camminare, fare escursioni, nuotare, andare in bicicletta o andare in canoa secondo Fáilte Ireland.

Castello di Nenagh. Immagine: David P. Howard (Geografo) CC BY-SA 2.0

I percorsi sono incentrati sull'offerta di attività ricreative per il turismo in Irlanda, ma evidenziano anche il patrimonio naturale, industriale e culturale del paese. Dopo aver camminato, pedalato o persino remato lungo i canali e le coste irlandesi, i viaggiatori possono ad esempio visitare il notevole castello di Nenagh o il St George's Heritage Centre per saperne di più sulla storia di Carrick. Le numerose proprietà, gallerie d'arte e città disseminate lungo i percorsi fungono da riflettori su una parte della storia e del patrimonio meno conosciuti dell'Irlanda, il Sindaco segnalati.

Crociera attraverso la Catalogna

Anche se l'Irlanda potrebbe avere l'onore di lanciare le prime Blueways al mondo, altri non sono inattivi. Nel 2021, la provincia di Barcellona in Spagna ha lanciato l'idea di creare diverse "Vies Blaves" (Blueways), che attraversano 59 comuni in sette diverse contee. Il progetto mira a creare una rete di mobilità locale sostenibile, migliorare l'accessibilità al diverso patrimonio della regione e sostenere lo sviluppo del turismo locale, il programma di cooperazione finanziato dall'UE Interreg Europa ha scritto. La prima sezione dovrebbe essere completata entro il 2025, ha riportato la piattaforma di notizie catalana CCMA. Il testo continua sotto il video.

Il progetto Vies Blaves spiegato (con sottotitoli in inglese).

Per il settore turistico di Barcellona, ​​il progetto dovrebbe dare il via al "futuro del turismo", secondo Fernando Valdés, Segretario di Stato per il Turismo. Oltre a rendere il patrimonio della regione più accessibile ai turisti, le persone coinvolte mirano a diffondere l'enorme numero di visitatori. "Vogliamo che i visitatori che scommettono su Barcellona come destinazione turistica internazionale, scoprano che in mezz'ora o un'ora di distanza c'è un'intera esperienza", ha spiegato Abigail Garrido del Consiglio provinciale di Barcellona.

Più facile a dirsi che a farsi

Se i corsi d'acqua potrebbero essere un nuovo modo di esplorare e includere territori meno conosciuti, il concetto di percorsi turistici non lo è certo. In molti paesi esistono già le cosiddette “Greenways”, che sfruttano le infrastrutture stradali e ferroviarie abbandonate, trasformandole in infrastrutture ciclabili traboccanti di natura. Le famose Greenways in Europa includono le piste ciclabili EuroVelo in tutta Europa, la Via Verde del Pas in Spagna e la Waterford Greenway in Irlanda.

Per quanto interessanti e positivi possano sembrare questi percorsi, crearli e mantenerli è più facile a dirsi che a farsi. Ad esempio, le Irish Blueways sono una collaborazione tra l'ente turistico, Sport Ireland, Waterways Ireland, Sport Northern Ireland e Tourism Northern Ireland. Anche le autorità locali sono coinvolte al fine di utilizzare al meglio le attività e i punti di riferimento locali.

Nel frattempo, i costi per il progetto spagnolo Vies Blaves sono stimati in 54 milioni di euro. Il piano deve anche assicurarsi di mantenere intatto il fragile patrimonio naturale della regione durante la costruzione delle infrastrutture necessarie. Anche se c'è molto lavoro da fare, la creazione di Blueways potrebbe certamente ispirare una nuova tendenza per rendere il turismo più accessibile per i viaggiatori e la gente del posto, mantenendolo sostenibile per tutti.

Fonte: Blueways Irlanda, CCMA (Catalano), Interreg Europa, RTÉ e il Sindaco

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare