Costruzione della metropolitana a Salonicco
Costruzione della metropolitana a Salonicco. Immagine: Geraki Wikimedia CC BY-SA 3.0

ICOMOS pubblica un avviso sul patrimonio relativo alla stazione della metropolitana Venizelos a Salonicco, in Grecia

ICOMOS ha rilasciato un avviso sul patrimonio relativo alla stazione della metropolitana Venizelos a Salonicco, in Grecia. L'allerta patrimonio è una risposta ai piani per spostare temporaneamente i reperti archeologici dal cantiere della stazione della metropolitana.

Durante la costruzione della metropolitana di Salonicco, nel 2013 è stato trovato un importante sito archeologico nella posizione della futura stazione della metropolitana Venizelos. Tra i reperti archeologici vi sono il viale romano Decumanus Maximus lastricato in marmo e botteghe e bancarelle. In una lettera al governo ellenico e alle autorità del patrimonio, ICOMOS chiede di proteggere le antichità in situ: "dato che si tratta di un insieme monumentale che costituisce parte integrante della storia della città di Salonicco e del patrimonio culturale mondiale" .

In un avviso sul patrimonio allegato, ICOMOS spiega:

“Una delibera ministeriale emanata nel 2017 ha previsto la conservazione e la valorizzazione in situ dell'intero complesso archeologico, mentre, nel contempo, i lavori di costruzione della stazione della metropolitana potrebbero procedere come da programma. Però,
sulla base di una nuova Decisione Ministeriale emanata nel marzo 2020, il complesso monumentale verrà staccato e temporaneamente rimosso e sarà ricollocato al termine dei lavori di costruzione della stazione. Recentemente (23/09/2020) il Consiglio Archeologico Centrale ha approvato lo studio tecnico finale per la rimozione delle antichità della Stazione Venizelos e il loro riposizionamento dopo il completamento dei lavori di costruzione della metropolitana ".

ICOMOS continua:

“Si tratta di una situazione allarmante poiché l'attuazione della nuova Decisione Ministeriale porterà alla frammentazione del monumento, alla cancellazione del suo valore culturale e, infine, alla perdita della sua autenticità, provocando così un danno irreversibile a questo monumento unico e singolarmente significativo
complesso archeologico. "

L'invito a proteggere le antichità in situ è ​​sostenuto da esperti e istituzioni locali, nazionali e internazionali. Tra gli altri, Europa Nostra ha rilasciato un file dichiarazione nel 2019 e l'International Association of Byzantine Studies ha pubblicato un file dichiarazione in 2020.

Dai un'occhiata ai reperti archeologici nel video qui sotto (in Grecia):

Scarica la lettera di ICOMOS al governo ellenico e alle autorità del patrimonio qui e l'allerta patrimonio allegato qui.

Fonte: ICOMOS.

Per ulteriori notizie sul patrimonio a rischio di estinzione, fare clic su qui. Oppure fai clic su uno dei tag di seguito.

X