L'uomo di scattare una foto di un dipinto in un museo
Con questa nuova app, identificare gli artefatti potrebbe diventare facile come scattare una foto in un museo. Immagine: Pedro Ribeiro Simões (Wikimedia), CC BY 2.0

La Germania sta sviluppando un'app per aiutare a identificare i manufatti rubati

Nel 2015, il governo tedesco ha lanciato un programma di ricerca incentrato sul commercio illegale di manufatti culturali. Ora è in fase di sviluppo un'app per aiutare la polizia e i funzionari doganali a identificare i manufatti rubati.

L'app si chiama "KIKu", dal tedesco "Künstliche Intelligenz" e "Kulturgüter", che significa intelligenza artificiale e oggetti culturali. In sostanza, l'app utilizza un database di immagini per "apprendere" e identificare informazioni generali sui manufatti, come la sua età o il luogo di origine. Se qualcuno sta trasportando un artefatto con documenti falsi, questa informazione potrebbe essere molto utile, per esempio. L'app può quindi confrontare l'elemento con i record di manufatti culturali rubati.

Il database di immagini generale dell'app è attualmente composto da immagini della Fondazione per il patrimonio culturale prussiano e collezioni di Berlino. Secondo Martin Steinebach, capo del dipartimento dell'Istituto Fraunhofer di Darmstadt, dove l'app è in fase di sviluppo, l'app dovrebbe idealmente avere circa dieci volte più dati da cui "imparare".

Lo ha detto anche Steinebach Il giornale d'arte che gli esperti umani sarebbero ancora necessari per identificare un oggetto rubato, ma che l'app potrebbe essere un primo riferimento. Se l'app indica che un oggetto potrebbe essere stato rubato, i funzionari potrebbero contattare gli archeologi o altri specialisti per esaminarlo.

Fonte: Il giornale d'arte (Inglese) Sito web dell'Istituto Frauenhofer (Tedesco)

Per saperne di più sul patrimonio digitale, fare clic su qui o controlla uno dei tag di seguito:

X