Il patrimonio europeo della guerra fredda: riflessioni sulla memoria travagliata della Georgia

La prospettiva di una generazione più giovane sul periodo della guerra fredda in tre paesi dell'Europa orientale

Blocchi sovietici a Tbilisi. Immagine: Kris Duda tramite Wikimedia (CC BY-SA 2.0)
Blocchi sovietici a Tbilisi. Immagine: Kris Duda tramite Wikimedia (CC BY-SA 2.0)

A seguito di un crescente interesse per il patrimonio europeo della Guerra Fredda, l'Heritage Tribune sta evidenziando nuove prospettive dai paesi dall'altra parte della cortina di ferro. In tre articoli speciali scritti da tre giovani autori, verrà descritto questo patrimonio, divenuto ancora più attuale a causa della guerra in Ucraina. In che modo la generazione del dopo Guerra Fredda guarda a questa eredità in Polonia, Georgia e Romania?

L'iniziativa per questi articoli nasce dalla European Cold War Heritage Network e dal progetto Cold War Heritage dell'Agenzia olandese per il patrimonio culturale. Gli articoli sono pubblicati anche nel Newsletter olandese Erfgoedstem (Voce del Patrimonio).

Georgia

Per le nuove generazioni (millennial, generazione Z), il ricordo del nostro passato sovietico si perde gradualmente nel tempo. I nati dopo il crollo dell'Unione Sovietica e che non hanno vissuto sotto il comunismo mancano di una profonda comprensione di quest'epoca.

Georgia (rossa) insieme al resto dell'Unione Sovietica. Immagine: Milenioscuro via Wikimedia (CC BY-SA 4.0)

Tra il 1991 e il 1993, mentre il paese lottava per l'indipendenza dopo il crollo dell'Unione Sovietica, ci fu una guerra in Abkhazia e Tbilisi. In questo periodo, gran parte del "vecchio" fu ridotto in rovina. Il crollo fisico di edifici e istituzioni simboleggiava il crollo del comunismo. In quanto tale, tutto aveva bisogno di rinnovamento, sia fisicamente che spiritualmente.

Nella mia infanzia, sono cresciuto con oggetti prodotti prima dell'indipendenza della Georgia e in una casa costruita durante l'era sovietica. Indipendentemente da ciò, l'USRR è stato trattato come un passato storico, così come l'epoca della Guerra Fredda. Quando è nata la mia generazione, la cortina di ferro era già lacerata, i confini erano aperti e la luce dell'Occidente risplendeva brillante. E così, all'inizio degli anni 2000, la Georgia ha guardato alla democrazia europea e a un futuro migliore lontano dal comunismo.

Ciò significava la distruzione di molti edifici e monumenti di quell'epoca. Nel 2005, in seguito alla Rivoluzione delle rose del 2003, è stato deciso che le "Orecchie di Andropov", un simbolo chiave del periodo comunista, sarebbero state smantellate.

Erano state costruite nel 1983 per la visita di Yuri Andropov, segretario generale dell'URSS. Il monumento, a forma di onda, incarnava simbolicamente la leggenda di Tbilisi. Doveva rappresentare le calde acque scoperte dal suo fondatore, ma ai cittadini sembrava un edificio con gli apparecchi acustici. La gente gli diede il nome di "Orecchie di Andropov", per scherzo sull'inevitabile intercettazione comunista. La sua demolizione quell'anno era una dichiarazione del paese, che metteva in evidenza la negatività che i georgiani avevano nei confronti del regime sovietico.

Ciò che è sopravvissuto a quest'epoca sono i rifugi antiaerei sovietici. Alcuni giovani hanno formato piccoli gruppi per cercare siti importanti, ma nascosti, del passato. Le loro ricerche hanno portato alla luce “la città, sotto la città”, una vasta rete di rifugi antiaerei e bunker sotto la Georgia.

Numerosi sono i luoghi abbandonati, le gallerie e i padiglioni appositamente attrezzati con sistemi di ventilazione dell'aria e di approvvigionamento idrico. La dimensione di ogni bunker è diversa: alcuni sono stati progettati per 50 persone e altri per 1500. Ciascuno era dotato di servizi igienici, docce, locali di servizio, filtri per la protezione dall'inquinamento esterno e forti barriere contro le radiazioni. In uno di essi è stato trovato un sistema di comunicazione; è ovvio che non erano destinati alla gente comune.

Ho la sensazione di parlare della guerra di Troia

Zura Abashidze, storico georgiano

Sulla base delle dimensioni della rete dei rifugi, che sono sparsi per tutta Tbilisi, possiamo concepire che la Tbilisi sovietica fosse appositamente preparata per una possibile guerra nucleare. Il tempo è congelato in questi luoghi, tutto indica che la grande apocalisse che stavano aspettando è stata posticipata. Nelle foto, i rifugi sembrano molto vivi con un'orribile intimità e un senso di isolamento.

Per le giovani generazioni, la Guerra Fredda è solo un periodo da libri di storia. Non abbiamo alcun legame personale o sentimento al riguardo. Il famoso storico georgiano, Zura Abashidze, ha scritto nel suo libro sulla guerra: “Ho la sensazione di parlare della guerra di Troia”.

All'inizio degli anni '1990, Tbilisi fu teatro di un colpo di stato. Gli anni successivi alla caduta dell'Unione Sovietica furono caratterizzati da lotte di potere e violenti conflitti nel paese. Immagine: AlexandreAssatiani tramite Wikimedia (CC BY-SA 4.0)

Non posso dire lo stesso dei nostri genitori e nonni. Coloro che hanno vissuto l'esperienza del periodo della Guerra Fredda hanno punti di vista diversi. A volte posso sentire la loro paura che il passato possa ripetersi, specialmente quando guardiamo la guerra in diretta in televisione e il "nucleare" perseguita ancora le nostre menti.

Possiamo pensare alla Guerra Fredda come a un passato così lontano? Il fatto che solo poche pagine dei nostri libri di testo scolastici dedicati all'era sovietica significa che sia effettivamente finita? Forse non abbiamo impiegato abbastanza tempo per rivalutarlo e fare ricerche approfondite. Sentiamo ancora la minaccia che il successore dell'Unione Sovietica stia ancora cercando di farci pressioni alle frontiere e trascinarci dietro una nuova cortina di ferro. La minaccia è reale? Speriamo di no.

La maggior parte della popolazione non ha mai sentito parlare dell'esistenza di questi bunker, poiché non sono mai stati utilizzati per il loro scopo principale. Si spera che né noi né le generazioni future di un mondo globale affronteremo mai la fame culturale e fisica come la generazione dei nostri genitori, che comprava jeans al mercato nero e ascoltava segretamente i Beatles dai loro vicini.

Marita Sakhltkhutsishvili

Marita, 28 anni, è una storica dell'arte georgiana.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.