Giovani professionisti del patrimonio pronti a confrontarsi sui tabù del settore: “Il patrimonio è una lezione di empatia”

Il webinar HeritaGeeks mira a riunire professionisti giovani e affermati

(Da sinistra a destra) HeritaGeeks Miruna Găman, Inês de Carvalho Costa, Samantha Sokhn, Elena Cautiș, Carlos Burgos Tartera e William Long sono pronti a rompere i tabù nel settore del patrimonio. Immagine: Miruna Gaman

Ottenere un lavoro nel settore dei beni culturali è diventato un difficile processo di formazione del curriculum e di lavoro con pochi soldi, o talvolta senza. Motivo in più per cui gli HeritaGeeks, un gruppo informale di giovani professionisti appassionati del patrimonio, decidono di organizzare un webinar per la prossima conferenza dell'UNESCO sull'inclusione dei giovani professionisti nella scena. La geografa rumena Miruna Găman è una delle promotrici dell'iniziativa e ritiene che sia giunto il momento che il settore ne discuta: "Vogliamo portare quante più prospettive possibili".

Gli HeritaGeek sperano che il webinar "Il settore del patrimonio è sostenibile per i giovani professionisti?" il 2 settembre può aiutare a individuare e discutere i “tabù” che incidono seriamente sul modo in cui opera oggi il settore del patrimonio. Mentre due degli HeritaGeek presenteranno un discorso, anche cinque giovani professionisti del patrimonio avranno voce in capitolo. I temi comprendono gli effetti di politiche in cui la sostenibilità spesso trascura i diritti sociali ed economici di chi fa parte del settore, in particolare giovani ricercatori e professionisti.

Discussione cruda

È uno dei motivi per cui gli HeritaGeeks ritengono che l'organizzazione del webinar sia estremamente necessaria. Hanno notato come tutti devono affrontare sfide simili come il sacrificio dei diritti del lavoro, l'abbondanza di lavori precari, il lavoro non retribuito o mal pagato al di fuori del settore o le assunzioni irregolari e la conseguente mancanza di assistenza sociale, che porta a condizioni di vita instabili e vulnerabili.

L'obiettivo del webinar è principalmente quello di mettere nella stessa stanza professionisti e giovani già affermati per un discorso sensato. "Oltre alle presentazioni, organizzeremo sale per gruppi in cui operatori di diversa estrazione e regione possono discutere problemi e pensare a soluzioni insieme", dice Găman a EHT. “La chiave è avere una discussione molto cruda, onesta e aperta sulle sfide che abbiamo incontrato finora. E cosa possiamo fare per loro".

Ascoltare e imparare da diverse prospettive è fondamentale secondo (da sinistra a destra) Găman, Tiago Candeias, Carlos Burgos Tartera e Dennis Mitschke. Immagine: Miruna Gaman

Preso sul serio

Ma perché è così difficile per i giovani che lavorano nel patrimonio orientarsi nel settore? "Non ci sono molte opportunità in giro e spesso richiedono anni di esperienza", spiega Găman. Sente che i giovani vogliono essere presi più sul serio: "Anni di sforzi per una laurea, un dottorato di ricerca e tonnellate di lavoro sul campo ed esperienza non dovrebbero equivalere a nulla: questa generazione è molto seria riguardo al patrimonio e lavora con esso".

Il denaro – o la sua mancanza – è spesso un grosso problema per i giovani che cercano di trovare un lavoro nel patrimonio culturale, osserva Găman. "Può essere molto stressante quando devi lavorare per uno stipendio ingiusto perché semplicemente non ci sono molti lavori in giro", dice. “Devi svolgere più lavori per ricevere un reddito dignitoso o fare affidamento sulla tua famiglia. E le persone che non possono farlo sono semplicemente escluse dal lavorare con il patrimonio. Ci sono tante persone che sono qualificate per lavorare per istituti regionali o nazionali, che hanno nuove idee, ma per questo devono lasciare il settore”.

Come puoi pensare di salvare il patrimonio, se non sai se hai ancora un lavoro domani?

Găman si rende conto che non tutti partiranno per gli stessi motivi: “Ci sono alcune parti della tua vita che non puoi controllare, ci sono così tante variabili. Ma come puoi pensare di salvare il patrimonio, se non sai se hai ancora un lavoro domani?” Ritiene che il settore abbia un problema sistemico che dovrebbe essere affrontato, ma i giovani non possono farlo da soli. “Siamo a un punto di svolta, credo. Una volta che istituti, organizzazioni e persone inizieranno a parlare di questi problemi, possiamo iniziare a fare piccoli passi per smantellare i problemi sistemici”.

Lezione di empatia

Incoraggiare un maggiore lavoro di squadra tra persone con background professionali e regionali diversi potrebbe essere la chiave per aprire il settore a professionisti giovani ed entusiasti. “Se abbiamo un dialogo aperto e costruttivo, la discussione potrebbe diventare anche una lezione di empatia. Ed è questo che può essere il patrimonio: una grande lezione di empatia”, sottolinea Găman. “Se permetti a cento persone di guardare un edificio, otterrai cento prospettive diverse. Ma possiamo e dobbiamo ancora rispettare le opinioni reciproche".

Gli stessi HeritaGeek possono essere considerati un buon esempio proprio di questo. “Siamo in dodici, ma abbiamo membri da tutta Europa: Romania, Portogallo, Italia, Germania e la lista potrebbe continuare”, dice Găman. "Ci siamo tenuti in contatto dopo esserci incontrati a un corso di formazione in Polonia e, nonostante le nostre differenze culturali e professionali, lavoriamo davvero bene insieme come gruppo".

Se il settore non funziona perché i giovani hanno problemi, tutti sul campo ne risentiranno. Ci siamo tutti insieme

Un ultimo punto che Găman vuole sottolineare è che tutti dovrebbero preoccuparsi di affrontare questi tabù. “Nonostante alcuni relatori del webinar siano affiliati a un'organizzazione, le loro opinioni in merito sono indipendenti. Ma discutere di questi tabù è qualcosa che riteniamo debba essere detto".

Ci saranno molte questioni da sbrogliare, ma Găman e gli altri HeritaGeek sono già certi che sia assolutamente necessario uno sforzo di squadra: “Se il settore non funziona perché i giovani hanno problemi, tutti sul campo ne risentiranno esso. Ci siamo tutti insieme".

Interessato a partecipare alla discussione come giovane professionista del patrimonio o come qualcuno che lavora nel campo da un po' di tempo? iscrizioni sono aperti fino al 26 agosto.
X