"Non ci sono traduzioni facili nel patrimonio", afferma Julia, traduttrice di patrimonio indipendente

Immagine: Tela
Immagine: Tela

Il patrimonio non è mai una storia semplice e i professionisti del patrimonio dedicano molto tempo ed energie alla costruzione di storie ricche di sfumature. Ma cosa succede quando vuoi raccontare storie attente a persone che non parlano la tua lingua? È il lavoro di Julia van Duijvenvoorde come traduttrice freelance di eredità per assicurarsi che le traduzioni abbiano un senso e non finiscano su Internet come errori bizzarri.

immagine collegata 3.jpeg
Julia van Duijvenvoorde

"Quando usi la parola [eredità], si apre una visione del mondo diversa e quindi anche una visione diversa del patrimonio", afferma Julia. La differenza nella visione del mondo è qualcosa che ha sperimentato in prima persona. È cresciuta bilingue in francese e inglese. Ha anche imparato il tedesco fin da giovane, sviluppandolo ulteriormente durante i suoi studi a Berlino.

Ora, dopo aver vissuto e lavorato nei Paesi Bassi per quattro anni, aggiungendo l'olandese ai suoi talenti linguistici, sta iniziando un dottorato di ricerca in collaborazione con la Vrije Universiteit di Amsterdam e l'Università di Heidelberg in Germania.

Julia ha iniziato il suo società di traduzione del patrimonio all'inizio della pandemia del 2020 e da allora ha lavorato a quasi 20 progetti di traduzione, principalmente nei Paesi Bassi. A volte sono solo pochi paragrafi, ma in altri casi le sono state affidate intere mostre.

Dove è iniziato questo percorso professionale? “È diventato un mio hobby fotografare traduzioni 'povere' e pensare a come migliorarle”, osserva Julia. Anche se questo può sembrare divertente, è legato a problemi molto reali. È stata ispirata dal suo Master ad Amsterdam che le ha mostrato "quanto siano univoche, culturalmente insensibili ed escludenti molte traduzioni di mostre in inglese nei Paesi Bassi". Anche la situazione economica quando si è laureata è stata un problema, con poche opportunità per i laureati in patrimonio nel 2020. La traduzione è diventata uno dei pochi modi in cui ha potuto avere un lavoro appagante e utile in un settore che ha sofferto molto durante i primi mesi di una pandemia.

Chi parla?

Tradurre le narrazioni del patrimonio in un'altra lingua non è un compito facile, ma Julia è ottimista. “Penso che sia possibile. Ma non sarà mai perfetto e va bene così”, ammette. "È bello esserne consapevoli ed essere consapevoli che ci sono molte cose diverse che devi sapere prima di tradurre una narrativa del patrimonio in un'altra lingua". Il riconoscimento che non sarà perfetto potrebbe causare qualche preoccupazione ai curatori, ma è il costo dell'accessibilità o della copertura internazionale.

A parte la padronanza della lingua, inizia le sue traduzioni cercando di capire cosa viene effettivamente detto: "devi avere una conoscenza di base dell'argomento che stai affrontando e dei pregiudizi sottostanti". La comprensione delle traduzioni del patrimonio inizia con la conoscenza e la ricerca, ma anche con le persone. "Devi essere consapevole di chi sta parlando di chi e per chi".

Prendere la narrativa di qualcun altro e modellarla in qualcosa di equivalente è complesso. "Devi tradurre da una visione del mondo a un'altra visione del mondo, piuttosto che da una frase a un'altra frase", spiega Julia. Abbiamo tutti visto traduzioni letterali bizzarre che si rivelano senza senso, ed è ancora più importante quando si tratta di eredità. Julia osserva che questo si riflette nelle istituzioni del patrimonio quando commissionano le traduzioni: "Vedi davvero una differenza tra i campi del patrimonio e il loro rapporto con la traduzione e altri campi".

Museo del Limburgo. Venlo. Immagine: Michiel1972 tramite Wikimedia (CC BY-SA 3.0)

Al Limburgs Museum di Venlo, stava lavorando su testi che riflettevano la natura contestata della regione di confine. Nel corso della storia, vari paesi, imperi e monarchie hanno rivendicato l'area, dando a città come Maastricht e Venlo narrazioni complicate. Quando si tratta di "attori davvero importanti della storia francese e olandese", le traduzioni devono riflettere attentamente l'argomento politico. La sua educazione le ha insegnato a cercare di capire "da chi, per chi e di chi [testo] è scritto", e le complesse storie esplorate al Limburgs Museum lo hanno davvero inserito nel contesto.

Non pretendo che il mio lavoro sarà perfetto

Ma scrivere le traduzioni per il museo non è stato solo complicato a causa delle narrazioni presentate nei testi: “lo hanno già fatto tradurre in francese da qualcun altro. E così mi hanno appena inviato le due versioni dicendo: 'hey, puoi tradurlo in inglese?'” Essere armati sia della versione olandese che di quella francese si è rivelato più complicato del previsto. “Andavo avanti e indietro tra la versione olandese, la versione francese e la mia versione inglese”, sospira. "Se guardi troppo alla versione francese, diluisci troppo il testo originale olandese."

Non da sola

A causa di queste narrazioni contrastanti, visioni del mondo contrastanti e linguaggi diversi, Julia afferma di non lavorare da sola. “Ho sempre lavorato con un editore”, dice Julia. "Penso che sia importante che tu abbia un altro paio di occhi per guardare il tuo lavoro." Ci sono anche altre persone con cui lavora. Spesso lascia che altri controllino le sue traduzioni. Questa è una parte importante del processo, poiché in heritage non c'è una traduzione facile. E i risultati richiedono un'attenta lavorazione da parte di più persone, anche se il prodotto finale non sarà "perfetto". Tuttavia, deve assicurarsi che il curatore sia felice, soprattutto se può leggere e capire le sue traduzioni.

Il centro storico di Waalwijk, dove si trova il Museo olandese della pelle e della calzatura. Immagine: Rijksdienst voor het Cultureel Erfgoed tramite Wikimedia (CC BY-SA 4.0)

Durante il suo primo lavoro di traduttrice presso l'Archivio nazionale dell'Aia, aveva già notato quante persone nei Paesi Bassi parlassero almeno due lingue. Non si limita nemmeno alle province occidentali urbane dei Paesi Bassi; le cose stanno diventando più internazionali in tutto il paese.

Prendi ad esempio il suo lavoro di traduzione al Leder & Schoenen Museum di Waalwijk, nella provincia più rurale del Brabante. Julia ha visto l'incarico del museo di tradurre quasi tutti i testi in inglese come un tipico segno dei tempi per i Paesi Bassi. “Il fatto che volessero la loro intera mostra permanente nei minimi dettagli come questa, anche nei più piccoli testi e descrizioni. Il fatto che volessero tutto ciò in inglese sta davvero dicendo che i Paesi Bassi sono semplicemente un paese bilingue".

Ma appena esci da Parigi, non c'è niente. Niente.

Ma nonostante parli così tante lingue, Julia non si è concentrata sulla ricerca di opportunità di traduzione al di fuori dei Paesi Bassi. A parte organizzazioni internazionali più grandi come ICOM, non ha notato una grande richiesta di traduzioni del patrimonio. “È un'eccezione, direi, almeno nella mia esperienza”, dice. “In Francia, i grandi musei e le grandi istituzioni hanno sempre i loro testi in mille lingue diverse. Ma appena esci da Parigi, non c'è niente. Niente."

Ora, si è ritirata dal suo lavoro di traduzione per dedicarsi al mondo accademico. Tuttavia, vede opportunità nel campo: “I parchi nazionali hanno a malapena il loro testo tradotto. Cosa che trovo triste perché amo il patrimonio naturale e penso che sia davvero importante, soprattutto perché i paesaggi olandesi possono insegnare molte cose a molti paesi”, suggerisce. "Che è un'altra conversazione", aggiunge sorniona.

Le traduzioni di Julia possono essere viste al Museo olandese della pelle e delle scarpe a Waalwijk, che ha riaperto il 28 giugno. Se sei interessato ad altri suoi lavori, scopri di più su HeritageInTranslation.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X