Il progetto Saint George on a Bike mostra in video come l'intelligenza artificiale può apportare benefici al settore dei beni culturali

Immagine: San Giorgio in bicicletta
Immagine: San Giorgio in bicicletta

I professionisti del patrimonio culturale mirano a migliorare il modo in cui comprendiamo i dipinti generandone descrizioni. Tuttavia, poiché nel corso della storia sono stati creati milioni di oggetti culturali, completare un compito del genere sembra impossibile, ma solo per gli esseri umani.

L'obiettivo di Progetto San Giorgio in bicicletta (SGoaB). consiste nel fornire capacità di arricchimento dei metadati ad alte prestazioni utilizzando risorse di calcolo ad alte prestazioni (HPC) nel dominio del patrimonio culturale. Il progetto addestra algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale e di apprendimento profondo in contesti culturali, simbolici e storici per generare automaticamente ricchi metadati per centinaia di migliaia di immagini provenienti da vari archivi del patrimonio culturale europeo. Nell'ambito del progetto, ricercatori e ingegneri stanno creando descrizioni dettagliate per i dipinti per addestrare modelli di intelligenza artificiale, in modo che questi possano a loro volta analizzare automaticamente molte altre migliaia di dipinti.

A questo proposito il progetto ha lanciato un video coinvolgente e stimolante che mira a mostrare come l'IA può aiutare il settore dei beni culturali e il suo potenziale a riconoscere presto il contesto dell'opera d'arte e generare automaticamente annotazioni accurate. Il pubblico di questo video sono professionisti che operano nel settore GLAM e anche il grande pubblico.

Tra gli altri vantaggi dell'applicazione dell'IA nel settore dei beni culturali, il video evidenzia l'esperienza migliorata che le persone ipovedenti potrebbero avere con descrizioni migliori; la possibilità di studiare le relazioni nascoste tra migliaia di oggetti contemporaneamente e l'opportunità di curare mostre virtuali con dipinti correlati provenienti da tutto il mondo.

Saint George on a Bike: formare l'intelligenza artificiale per essere consapevole dei contesti del patrimonio culturale

La didascalia automatica delle immagini è un processo che consente a modelli già addestrati in esecuzione su computer standard di generare descrizioni testuali da un'immagine. È una realtà fiorente in una manciata di altre aree come la classificazione dei contenuti delle immagini sui social media. Tuttavia, ad oggi, nessun sistema di intelligenza artificiale è stato costruito e addestrato per aiutare nella descrizione delle immagini del patrimonio culturale, tenendo conto delle regole temporali e di composizione della scena per l'iconografia sacra dal XIV al XVIII secolo.

Nell'ambito del progetto Saint George on a Bike, i ricercatori del Barcelona Supercomputing Center e della Europeana Foundation costruiscono e addestrano sistemi di intelligenza artificiale per aiutare le istituzioni del patrimonio culturale a descrivere e classificare automaticamente le loro opere d'arte. Alla fine, sia gli utenti occasionali che i professionisti del patrimonio culturale trarranno vantaggio da un migliore accesso alle collezioni e anche a
migliore esperienza di navigazione tra i cataloghi delle collezioni. Lo dovranno a annotazioni più ricche di opere d'arte, che porteranno a una migliore indicizzazione della scena dell'immagine e capacità di ricerca, ottenute con l'aiuto di un sistema di intelligenza artificiale specializzato.

“Il nostro progetto consentirà un rapido accesso a informazioni culturali arricchite, che possono servire ugualmente bene per scopi culturali e sociali, istruzione, turismo e possibilmente per storici o antropologi. Indirettamente i cittadini possono beneficiare di servizi pubblici migliori, quando questi si basano sull'intuizione che i metadati più ricchi che produciamo offrono, come l'accessibilità al web per i non vedenti o le narrazioni che possono esporre l'ingiustizia sociale o l'integrazione e le questioni di genere attraverso i corpora del patrimonio culturale e contribuire a creare un'identità europea più tollerante”, afferma Maria-Cristina Marinescu, coordinatrice del progetto Saint George on a Bike.

Per saperne di più sul progetto Saint George on a Bike, visita https://saintgeorgeonabike.eu/.

Fonte: comunicato stampa di San Giorgio in bicicletta.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X