Atteso da tempo? Il British Museum suggerisce di trattare con la Grecia sui marmi del Partenone

Dopo decenni di discussioni, c'è una piccola possibilità che i marmi di Elgin tornino in Grecia

Immagine: Justin Norris, alltogetherfool (Flickr) & FotografiaBasica (Canva). Tutte le parti CC.
George Osborne del British Museum ha detto che "c'è un affare da fare" sui marmi del Partenone. Immagine: Justin Norris, alltogetherfool (Flickr) & FotografiaBasica (Canva). Tutte le parti CC.

In un sorprendente cambiamento di narrativa, George Osborne, presidente del British Museum, suggerì che i marmi del Partenone, spesso indicati come i marmi di Elgin, potessero tornare in Grecia. In un comunicato, il presidente ha affermato che c'è un "accordo da fare", a patto che i negoziati si svolgano tra "persone ragionevoli". Lo riporta Euronews che il presidente vede possibilità per un prestito a lungo termine dei Marmi.

Il dibattito sulle sculture ha molta storia. Anche allora c'era resistenza; Lord Byron, un importante poeta inglese, scrisse La maledizione di Minerva dopo aver scoperto che Elgin aveva preso i fregi dal Partenone. Il dibattito raggiunse il pubblico negli anni '1980, quando Melina Mercouri, segretaria alla cultura greca, iniziò una campagna per il loro ritorno. Negli ultimi anni, alle celebrità piace George Clooney e S hanno espresso sostegno alla restituzione, insieme a molti attivisti e accademici.

Cosa ha detto prima il museo?

È solo una parte di una strategia per ripulire l'immagine del museo di fronte alle crescenti critiche? ITV News ha recentemente intervistato Jonathan Williams, vicedirettore del museo, che ha ripetuto le stesse giustificazioni sui marmi del Partenone che il museo ha mantenuto per anni. "Il mondo ha bisogno che questi oggetti rimangano qui a Londra […] nel contesto di questa collezione globale", è stata la sua risposta alla domanda se dovessero essere restituiti in Grecia.

Professore di Oxford e autore di "The Brutish Museums", Dan Hicks è uno dei tanti che chiedono che le sculture tornino in Grecia

Nel 2021, il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato con forza che i Marmi dovrebbero rimanere nel Regno Unito, con il governo che sostiene che sono stati acquistati legalmente da Lord Elgin. Il ministro della Cultura greco Lina Mendoni ha subito smentito la cosa: l'argomento di Johnson si basa su uno specifico documento storico che deve ancora essere trovato. I ricercatori parlano al Workshop internazionale sulla riunificazione delle sculture del Partenone si nota che il documento consegnato ai lavoratori di Elgin non consentiva loro di ritagliare pezzi dal Partenone. Sostengono che la rimozione di un monumento avrebbe richiesto un "firman" dal sultano, che non è mai stato trovato.

Il cambiamento di posizione potrebbe essere una sottile risposta all'UNESCO. Alla fine del 2021, l'organizzazione ha realizzato a chiamata di riferimento al governo britannico per affrontare la questione della restituzione dopo un voto unanime. In precedenza, i funzionari del governo hanno affermato che la decisione può essere presa solo dagli amministratori del British Museum. Secondo la commissione, tuttavia, si tratta di una questione di relazioni internazionali tra Grecia e Regno Unito. Inoltre, l'UNESCO sostiene la parte greca su questo argomento.

Un cambiamento di atteggiamento

I commenti di Osborne si concentrano in particolare sulla condivisione, piuttosto che sul ritorno, che è molto al di sotto di ciò che molti hanno chiesto al museo. La restituzione richiederebbe il trasferimento della proprietà delle sculture alla Grecia. Un prestito a lungo termine suggerirebbe ancora simbolicamente che i marmi del Partenone sono britannici, e quindi sotto il controllo del British Museum.

Frammento di Palermo Marmi del Partenone
Il frammento di Palermo dei Marmi del Partenone sarà restituito alla Grecia entro la fine del 2021. Credit: John Kolsedis CC BY SA 2.5

Entrambi Italia e la Francia ha restituito parti dei marmi del Partenone alla Grecia negli ultimi anni come prestiti a lungo termine. In questi casi, la Grecia ha fornito in cambio ai musei un oggetto culturale diverso. Questa potrebbe essere la soluzione a cui punta Osborne, anche se è un compromesso per la Grecia. Diplomaticamente, potrebbe essere più facile convincere il British Museum a fare uno scambio, che è stato proposto agli inglesi in 2021 in ritardo.

Alcuni hanno addirittura indicato stampa 3D ad alta tecnologia come soluzione al problema. La Grecia possiederebbe la cosa reale e il British Museum avrebbe ancora qualcosa da mostrare ai visitatori desiderosi. Data l'aura culturale che le sculture detengono, tuttavia, sembra improbabile che il museo sia felice di mostrare qualcosa di diverso dalle opere autentiche stesse.

I Marmi del Partenone potrebbero non essere ancora sulla via del ritorno in Grecia, ma gli atteggiamenti sembrano cambiare, anche al British Museum.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X