Le parti interessate del patrimonio e l'istruzione innovativa: due nuovi rapporti pubblicati da CHARTER Alliance

Immagine: per gentile concessione di CHARTER-Alliance

La European Cultural Heritage Skills Alliance CHARTER, ha pubblicato due nuovi rapporti, come parte dei pacchetti di lavoro (WP) 3 e 4. Il rapporto "Analisi di benchmarking dei curricula innovativi/emergenti" si concentra sull'istruzione e la formazione professionale. Il rapporto del WP 4 ruota attorno alla domanda “Chi non è uno stakeholder del patrimonio culturale?”, approfondendo le dinamiche integrate nel settore.

Educazione innovativa

La Rapporto WP3 mira a evidenziare i curricula che portano a professioni creative e/o affermati in contesti emergenti e analizzare ciò che rende i curricoli innovativi e/o emergenti, tentando di identificare quegli elementi che costituiscono l'innovazione nell'educazione ai beni culturali e/o che possono essere utilizzati per descrivere i curricoli in contesti del patrimonio culturale. Presenta l'analisi di una serie completa di indicatori quantitativi e qualitativi, fornendo risultati specifici per determinare ciò che caratterizza i curricula innovativi/emergenti.

Il rapporto è il risultato della conduzione di un sondaggio interno tra i membri del consorzio CHARTER e della revisione della letteratura sui documenti che contribuiscono allo studio di curricula innovativi o emergenti per il settore CH, comprese fonti come il rapporto Voices of Culture (VoC), pubblicazioni del Regno Unito dell'agenzia per l'innovazione NESTA e dalle pertinenti pubblicazioni dell'OCSE, dell'UNESCO e dell'UE legate alle industrie creative.

Stakeholder del patrimonio

La Rapporto WP4 presenta un'analisi approfondita e una mappatura dei ruoli e delle dinamiche degli attori del patrimonio culturale e dei loro interessi e influenza sui sistemi di istruzione e formazione. Questo nuovo risultato è il prodotto di consultazioni interne ed esterne, utilizzando sondaggi, interviste approfondite, revisioni di politiche e ricerche e il contributo di dati e informazioni raccolti nei seminari regionali di CHARTER.

Il rapporto segue la comprensione di "patrimonio culturale" e "stakeholder" presentata dalla Strategia europea per il patrimonio culturale per il 21° secolo (ST21), in cui si afferma la necessità di una definizione dei ruoli di tutti coloro che sono coinvolti nel patrimonio. A tal fine, il WP4 ​​ha condotto un'ampia mappatura delle parti interessate a livello interno ed esterno attraverso un sondaggio online a livello europeo (1.085 risposte da 30 paesi), sondaggi interni per i partner del progetto, revisione del background politico e di ricerca e documentazione della politica regionale di CHARTER workshop e interviste in profondità.

CHARTER ha già condiviso la propria visione del settore del patrimonio culturale presentandolo come un ecosistema che comprende sei funzioni: gestione, ricerca e sviluppo/istruzione, governance e elaborazione delle politiche, conservazione e salvaguardia, coinvolgimento e utilizzo e riconoscimento. Questo nuovo rapporto entra nell'ecosistema per esplorare l'interazione e l'agenzia delle parti interessate e le funzioni corroborative, con le sfide e i driver che hanno un impatto sull'ecosistema in generale.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare