Il futuro nell'antropocene Blog | Patrimonio e transizione energetica: il caso delle isole europee

Tinos: Veduta dell'insediamento Cardiani nell'isola di Tinos. La gente del posto e gli esperti del patrimonio mettono in guardia contro l'installazione pianificata di infrastrutture per l'energia eolica in questo paesaggio su piccola scala e stratificato. Immagine: Marilena Mela
Tinos: Veduta dell'insediamento Cardiani nell'isola di Tinos. La gente del posto e gli esperti del patrimonio mettono in guardia contro l'installazione pianificata di infrastrutture per l'energia eolica in questo paesaggio su piccola scala e stratificato. Immagine: Marilena Mela

La transizione energetica dell'Europa è guidata da agende politiche che funzionano in modi diversi a livello regionale. Questa spinta ha dimostrato di avere un grande impatto sul nostro rapporto con il nostro ambiente di vita e i suoi valori del patrimonio. In che modo il discorso e gli studi sul patrimonio possono far luce su queste sfide? E che ruolo possono giocare i valori del patrimonio e del paesaggio nelle sfide globali?

Scritto da: Azadeh Arjomand Kermani.

L'energia rinnovabile viene prodotta utilizzando risorse naturali rinnovabili come la luce solare, il vento, le risorse idriche (fiumi, maree e onde), il calore geotermico o la biomassa. A differenza dei combustibili fossili, queste fonti vengono costantemente rifornite e, quindi, in teoria non possono mai esaurirsi. Inoltre, il suo processo di conversione dell'energia non produce emissioni di carbonio che aiuteranno a raggiungere gli obiettivi energetici e climatici europei. Ultimo ma non meno importante, la generazione di energia pulita ridurrà la dipendenza dell'Europa dai combustibili fossili importati, contribuendo a rendere l'energia più accessibile. D'altra parte, i valori del paesaggio e del patrimonio di queste località sono influenzati immensamente dalle iniziative di transizione energetica e in alcuni casi le comunità locali stanno lottando con le conseguenze.

Le isole sono regolarmente proiettate come luoghi leader nel raggiungimento di questi obiettivi grazie alla loro autonomia geografica e alla loro abbondanza di fonti rinnovabili, come l'energia eolica, solare e del moto ondoso. Questo ruolo potrebbe sembrare in contrasto con la posizione delle isole nell'immaginario collettivo: le isole sono spesso percepite come luoghi remoti, generalmente utilizzati come rifugio dai frenetici stili di vita urbani e associati ai poteri curativi del mare[I]Marilena Mela, un ricercatore nell'ambito del progetto Heriland presso la Vrije Universiteit Amsterdam, ritiene: 'Le isole non dovrebbero essere considerate regioni periferiche. Guardando indietro alla storia, le isole a volte sono state più cosmopolite della terraferma».

Professore associato Linde Egberts, supervisore di Mela alla Vrije Universiteit Amsterdam, definisce le isole "pionieri nel campo delle energie rinnovabili". Considera l'energia rinnovabile come un modo per le comunità insulari di esprimere il proprio senso di autonomia e (ri)creare la propria identità, come dimostrano molti esempi come Samsø in Danimarca, Goeree-Overflakkee e Ameland nei Paesi Bassi e le isole Orcadi in Scozia.

La ricerca di Mela esplora le politiche di pianificazione spaziale nei paesaggi europei con un focus sulle isole, basandosi sull'intreccio di intese ufficiali e sociali del patrimonio. Descrive come, a volte, l'energia rinnovabile sia presentata come una delle industrie che possono promuovere l'autonomia delle isole e creare dialoghi con il patrimonio e l'identità. Ad esempio, la ricerca dell'etnografa Laura Watts sulle isole Orcadi nel Regno Unito[Ii], mostra come l'arcipelago abbia collegato il suo nome e il suo sostentamento all'industria delle energie rinnovabili. Questo può essere visto come un episodio della lunga storia di utilizzo di risorse limitate e di soluzioni con ciò che esiste nel territorio dell'isola.

Nonostante le narrazioni positive sulle potenzialità dei progetti di energia rinnovabile per le comunità insulari, Mela si concentra anche sui casi in cui l'energia rinnovabile fa parte di un'arena politica ed economica che non avvantaggia le comunità locali. Nel caso di molte isole dell'Egeo in Grecia, ad esempio, gli isolani stanno reagendo contro i progetti rinnovabili, che sono pianificati dall'alto verso il basso, quindi mancano di una comprensione del luogo e non riescono ad affrontare i problemi degli isolani. Una recente nomination per Europa Nostra[Iii] di cinque isole dell'Europa meridionale come siti del patrimonio in via di estinzione sottolinea il rischio di installazioni di turbine eoliche per questi paesaggi multistrato.

How il patrimonio diventa produttivo

Lo studio comparativo di Mela sui processi di pianificazione delle energie rinnovabili mostra come la pianificazione spaziale sia sempre una negoziazione tra scale, con enormi variazioni di esito e dinamiche, aggiunge Linde Egberts. Focalizzando ulteriormente la sua ricerca sulle isole e visitando le loro comunità, Mela vuole acquisire maggiore familiarità con il loro paesaggio, i valori culturali e le loro strutture sociali. Egberts la incoraggia a chiedersi dove entrano in gioco il paesaggio e il patrimonio: "Sono sempre vittime della pianificazione delle energie rinnovabili o le discussioni sulla pianificazione possono diventare uno strumento per trasmettere i loro valori in modo più chiaro?" A suo parere, il patrimonio e il paesaggio dovrebbero svolgere un ruolo nel riunire attorno a un tavolo i vari soggetti interessati. 

Poiché i valori del patrimonio e del paesaggio non sono statici ma dinamici, non solo possono avere significati diversi per gruppi diversi, ma anche significati e valori possono cambiare nel tempo. In che modo il patrimonio e il paesaggio giocano un ruolo in questi processi di pianificazione? Mela: “Vediamo luoghi in cui i valori del patrimonio e del paesaggio vengono utilizzati per avviare un approccio dal basso o una resistenza all'interno delle comunità insulari. Inoltre, ritiene che il contributo delle scienze umane e sociali nella pianificazione del paesaggio possa essere utile nell'affrontare sfide globali che, fino ad ora, sono spesso trattate in maniera scientifica e tecnologica. Nella sua ricerca mira ad ascoltare le comunità dell'isola, comprendere le loro narrazioni e creare collegamenti tra luoghi che nessuno ha mai percepito come avere qualcosa in comune.

Le ambizioni di Egberts vanno anche oltre. In qualità di studiosa del patrimonio, forma una nuova generazione di professionisti, accademici e manager del patrimonio critico nel mondo della gestione delle politiche e della trasformazione. Attraverso questo, mira ad ampliare il valore del patrimonio nella società, consentendo alle comunità di affrontare il cambiamento nelle scelte che fanno. Il suo lavoro con Mela ei suoi colleghi di ricerca nell'Heriland sono un mezzo importante a tal fine. 

Ameland: L'esperienza del paesaggio nell'isola di Ameland riguarda le nozioni di apertura e vastità. Le dune artificiali nascondono alla vista il parco solare di Ameland. Immagine: AB27

Nel suo ultimo articolo su Rivista ErfgoedDeal, Egberts mette in discussione la prospettiva generale nei confronti del patrimonio come legato alla conservazione e al mantenimento delle cose come sono. Sostiene che la risposta alla conservazione che è radicata nei professionisti del patrimonio e che voler preservare ciò che è elencato, a volte può essere una trappola. Il cambiamento climatico e tutte le sue sfide possono aiutarci a pensare al potenziale che il patrimonio ha per le comunità. “Se le cose continuano a cambiare drasticamente, non possiamo permetterci di continuare a preservare solo per il gusto di farlo. Forse è il momento di ripensare al motivo per cui ci stiamo preservando e ci mettiamo alla prova se anche la società potrebbe approfittare di rinunciare a qualcosa per fare spazio a cose nuove che potrebbero diventare patrimonio del futuro”.

Prima della sua posizione di ricercatrice, Mela ha lavorato come architetto con premiati studi di architettura a Siviglia e Atene per la progettazione di progetti culturali e urbani. Il programma di formazione di Heriland l'ha sfidata ad acquisire competenze e conoscenze e a riconsiderare la sua visione del patrimonio, poiché ha acquisito familiarità con il campo degli studi sul patrimonio critico e il concetto olistico di paesaggio. “Lavorare con i paesaggi significa percepire tutto come potenziale patrimonio per individui o comunità che attribuiscono valore a ciò che li circonda. Di conseguenza, queste comunità dovrebbero avere voce in capitolo nella trasformazione dei loro preziosi paesaggi. Ma i paesaggi non sono formati solo dall'uomo: con l'emergere delle Post-Umanità e l'attenzione ai diritti di altre forme di vita, gli studi sul patrimonio e sul paesaggio diventano le discipline rilevanti per lavorare per immaginare nuovi modelli di convivenza e convivenza.

Future Making nell'Antropocene

Questo articolo fa parte di una serie "Future Making in the Anthropocene" che si concentra sull'immaginare scenari futuri più equilibrati per le città e i paesaggi europei, resi possibili dal generoso sostegno del Creative Industries Fund NL. Informazioni sulla ricerca di Marilena Mela sono accessibili sul on Sito web dell'Heriland.

Circa l'autore

La dott.ssa Azadeh Arjomand Kermani è ricercatrice e consulente in materia di beni culturali e pratiche partecipative presso Future4Heritage ed è anche membro di Centro per il patrimonio mondiale e lo sviluppo.

Referenze

X