Progetti del patrimonio e della scienza dei cittadini: tre iniziative che coinvolgono il pubblico nei siti del patrimonio

Dall'anello scozzese di Brodgar a Palmira in Siria, il pubblico ne fa parte

Scattare foto durante il tuo viaggio in Scozia può aiutare a proteggere il Circolo di Brodgar. Immagine: theasis & PhotoMIX Company (Canva)

Aprire il patrimonio al pubblico e renderlo accessibile a tutti non è un compito facile. Il progetto Monument Monitor di Historic Environment Scotland (HES) potrebbe essere un passo nella giusta direzione. I visitatori del Ring of Brodgar, un impressionante cerchio di pietre sulle isole scozzesi delle Orcadi, possono entrare a far parte di un progetto di scienza dei cittadini condividendo le loro foto.

Osservando le immagini dell'Anello di Brodgar, l'HES può vedere le condizioni quotidiane del sito. Le foto includono segni di erosione, danni causati dall'acqua, atti vandalici e rifiuti. Secondo un HES comunicato stampa, il filmato ha già aiutato a combattere la criminalità del patrimonio ea monitorare l'impatto del cambiamento climatico su altri siti remoti.

"Utilizzando le immagini inviateci dai visitatori, siamo stati in grado di modellare come il cambiamento climatico influenzerà le inondazioni al Machrie Moor Standing Stone Circle ad Arran, oltre a misurare l'impatto dell'aumento dei visitatori a Clava Cairns", ha spiegato Adam Frost, un Senior Digital Documentation Officer presso HES.

Ci auguriamo che i visitatori siano ispirati a farsi coinvolgere nella cura di questo monumento unico e inviarci i loro scatti!”

Adam Frost, HES

Frost esorta i visitatori a fornire a lui e ai suoi colleghi filmati che registrino quanto bene il sito del cerchio di pietre può drenare grandi quantità di acqua, poiché le condizioni meteorologiche diventeranno più estreme in futuro. "Ci auguriamo che i visitatori del sito durante l'estate siano ispirati a farsi coinvolgere nella cura di questo monumento unico e inviarci i loro scatti!"

Troppo grande per essere coperto

La scienza dei cittadini può essere uno strumento utile per aiutare i professionisti del patrimonio di tutto il mondo. Prendi ad esempio il Cicatrici di guerra progetto nei Paesi Bassi. Attraverso una piattaforma online di mappe dell'altezza, i partecipanti possono cercare tracce della seconda guerra mondiale vicino alla città di Utrecht, come crateri di bombe, trincee e depositi di munizioni. Chiunque abbia un tablet, un laptop o un computer può aderire alla cosiddetta piattaforma Zooviverse, Stelo Erfgoed segnalati.

Una mappa dell'altezza dell'area in cui ricercatori e cittadini cercheranno rovine e tracce della seconda guerra mondiale. Immagine: cicatrici di guerra.

L'area di oltre 600 km2 vicino a Utrecht è stata teatro di numerose attività militari durante la seconda guerra mondiale. Sebbene siano ancora presenti numerose tracce nel paesaggio, non sono mai state adeguatamente mappate, anche perché l'area è troppo ampia per essere studiata da un piccolo gruppo di archeologi.

Un secondo motivo per invitare membri del pubblico ad aiutare la ricerca è riconoscere che una rovina richiede competenze specifiche. Alcune persone sono più brave a scoprire i segni strutturali, ad esempio, di un cratere di una bomba, mentre altri hanno più problemi con questo. È quindi importante che persone diverse controllino le mappe di altezza. La piattaforma mostra ai partecipanti come possono riconoscere diversi tipi di rovine.

Salvataggio virtuale

Un uso completamente diverso della scienza e del patrimonio dei cittadini è il progetto Arc/k, fondato dal filantropo americano Brian Pope. Dopo la distruzione dell'antica città di Palmira in Siria, ha creato una rete di crowdsourcing che ha tentato di ricreare tre strutture nella città. Nel corso degli anni, Arc/k ha raccolto più di 10,000 immagini catturate da turisti, accademici e geometri tra cinque e dieci anni prima della distruzione.

Il filmato è stato utilizzato per creare una realtà virtuale del sito. "C'è questo grande momento in cui il sole è posizionato con precisione per un determinato giorno dell'anno e puoi guardare sotto l'arco ed essere accecato dal sole che attraversa l'arco", ha detto Pope The National.

Il tempio di Bell è uno degli edifici ricostruiti attraverso immagini di crowdsourcing. Immagine: Ars Electronica (Flickr) CC BY-NC-ND 2.0

"Invece di accedere e catalogare il danno, il nostro obiettivo principale è quello di salvare [virtualmente] e perpetuare, tramite la fotogrammetria crowdsourcing, che ci consente di tornare indietro nel passato e catturare il sito com'era", Direttore delle operazioni di Arc/k Scott disse Purdy. Il progetto ha ora avviato anche progetti di scienza dei cittadini in Venezuela, Stati Uniti e Islanda.

Tre diverse iniziative, mostrano tre diversi modi di rendere il patrimonio accessibile e interessante per il grande pubblico. Dalle immagini di crowdsourcing alla creazione di modelli VR, alla gestione quotidiana del sito e alla copertura di vaste aree di ricerca. Conoscete un interessante progetto di scienza civile che aiuta a proteggere, ricercare o impegnarsi con il patrimonio culturale? Facci sapere tramite [email protected]

Fonte: Stelo Erfgoed (Olandese), LUI È, The National

X