Il futuro nell'antropocene Blog | La reazione della natura allo spostamento della sindrome della linea di base

Germania meridionale circa 120.000 anni fa. Immagine: Elke Gröning
Germania meridionale circa 120.000 anni fa. Immagine: Elke Gröning

Molto prima che gli esseri umani entrassero in Europa, i paesaggi furono formati e modificati da grandi mammiferi come gli elefanti. Da quando gli umani hanno iniziato ad accogliere i paesaggi per il loro uso, le specie naturali hanno lottato per adattarsi. Gli studi sull'Europa pre-umana potrebbero fornire informazioni e incentivi per fermare l'attuale declino della biodiversità?

Scritto da: Teun van den Ende.

“Speriamo che non ci sia presto un'altra era glaciale”, commenta un giornalista di una radio locale dell'isola finlandese di Åland. Sta intervistando l'artista olandese Bart Eysink Smeets sulla sua iniziativa di "portare a casa" una grande pietra originaria dell'isola e depositata nella provincia olandese di Drenthe nel penultimo periodo glaciale, circa 200,000 anni fa. Secondo l'artista “La natura si è spostata per milioni di anni senza che gli esseri umani fossero affatto presenti. Da quando sono arrivati ​​gli esseri umani, hanno interferito con tutto”.

Sebbene l'iniziativa sia piuttosto "ingannevole", mette seriamente in discussione anche il modo in cui oggi interpretiamo le origini e la gestione dei paesaggi europei. Un campo di ricerca accademica è dedicato a questa domanda, spiega Elena Pearce, PhD-ricercatore nel Terra Nova programma, con sede nel Centro per le dinamiche della biodiversità in un mondo che cambia ad Aarhus, Danimarca. Sta studiando la costruzione dei paesaggi europei in due diversi periodi della storia. “A chi mi chiede se lo scopo della mia ricerca è ricreare il passato, rispondo: no, viviamo in un'altra epoca. Ci sono così tanti aspetti positivi per l'umanità. Ma per fare in modo che questi aspetti positivi aumentino la biodiversità, dobbiamo studiare il passato».

Storia profonda

Esaminando la storia profonda dell'Europa, Pearce sta imparando come le specie coesistessero in questi paesaggi molto prima che l'Homo Sapiens prendesse il sopravvento. Sta esaminando il periodo Eemiano (130,000 - 115,000 anni a.C.) - "un tempo in cui grandi mammiferi come gli elefanti creavano grandi disturbi, sollevando la terra, abbattendo alberi". L'altro periodo che sta studiando è l'inizio dell'Olocene, poco prima dell'inizio dell'agricoltura, circa 14,000 - 8,000 anni a.C. Si riferisce a entrambi i periodi come linee di base naturali, che forniscono entrambi un contesto per paesaggi resilienti e davvero diversi.

Come potrebbe funzionare in pratica, è il campo di lavoro di Arnout-Jan Rossenaar. Ha esperienza nella gestione di diversi tipi di paesaggi presso Forestry Commission, l'organizzazione statale per la gestione e la conservazione del territorio nei Paesi Bassi. Rossenaar: “Alla fine dell'ultima era glaciale i Paesi Bassi erano un deserto polare, simile alle isole di Spitsbergen (nel Mare di Barents, a nord della Norvegia, ndr). Le parti basse del paese erano completamente spoglie, simili a una sorta di savana. Nelle aree più boscose i mammiferi foraggiavano e creavano grandi radure. I paesaggi fluviali si sono allagati regolarmente e sono rimasti aperti per almeno dieci anni prima che alberi e cespugli tornassero”.

Gli studi accademici sulla biodiversità supportano l'idea che i paesaggi siano cambiati continuamente nell'aspetto nel corso della storia. Pearce spiega come abbiamo avuto accesso a queste informazioni storiche: “Si tratta di perforare i metri di terra sotto il livello del suolo, per scoprire i record di polline che sono rimasti preservati per migliaia di anni. Ti dice quali specie di piante esistevano in un certo luogo”.

La ricerca basata su studi precedenti sui record di polline, tuttavia, si è rivelata inaffidabile. Ma i metodi scientifici stanno diventando più avanzati, sostiene Pearce: “Alberi come betulla, olmo, ontano e frassino erano sovrarappresentati perché producono molto più polline di altri. I modelli sviluppati di recente raccolgono nuovi dati che tengono conto delle differenze nella produttività e nella dispersione del polline. Questi modelli consentono ricostruzioni più precise del paesaggio e delle specie che esistevano in esso”.

Polline infografica. Immagine: Future Making nell'Antropocene
Polline infografica. Immagine: Future Making nell'Antropocene

Aumentare la biodiversità

Le informazioni storiche potrebbero essere prese in considerazione per orientare le decisioni sulla futura gestione e progettazione dei paesaggi, ma Pearce non è convinto che ciò stia accadendo. Quello che osserva è un focus su iniziative di piantagione di alberi su larga scala, che mette in discussione: “L'immagine che viene spesso dipinta dell'Europa come una grande foresta è romanzata e forse è basata sul folklore. La piantumazione di alberi potrebbe essere efficace nel compensare le emissioni di carbonio, ma anche creare paesaggi omogenei con una biodiversità limitata».

Il problema di Pearce con questo approccio, e con altre strategie di conservazione tradizionali, è che crea habitat omogenei che non riescono a creare biodiversità. "Dicono: vogliamo la brughiera, quindi la bruceremo ogni volta che diventa troppo invasa dalla vegetazione - oppure - abbiamo un raro tipo di specie che dobbiamo mantenere, quindi faremo in modo che il paesaggio lo adatti". Pensa che questo desiderio di controllare il nostro ambiente naturale sia ciò che sta effettivamente causando l'attuale crisi della biodiversità. “Non dovremmo essere così presi dal preservare uno stato fisso. Invece, dovremmo concentrarci sulla creazione di ambienti eterogenei, dinamici e autosufficienti”.

Il suo punto è supportato da ricerche storiche. Mostrano che i paesaggi europei pre-umani erano molto diversi, un mix di praterie aperte, macchia, brughiere e macchie di foresta. “Questi paesaggi facevano molto affidamento su grandi animali che creavano continuamente disturbi e radure. Comprendendo le dinamiche di questi paesaggi, potremmo creare nuovamente ecosistemi resilienti in cui possono prosperare molte specie diverse».

Rossenaar ha visto aumentare la biodiversità a causa dell'intervento umano. L'olandese 'Camera per il fiume'-programma, istituito per impedire ai fiumi di inondare il delta vulnerabile, si è concentrato anche solo sulla creazione di 'nuova natura' nelle pianure alluvionali dei fiumi. Di conseguenza, sono state reintrodotte diverse specie vegetali e animali. In particolare, le cicogne sono tornate in aree come il Biesbosch e la valle dell'IJssel dopo essersi estinte nei Paesi Bassi negli anni '1970. “Questo mostra come la progettazione del paesaggio può svolgere un ruolo importante nella creazione di biodiversità se tiene conto dell'ecologia. Dimostra anche che gli ecologisti, che a volte rimangono bloccati nelle proprie linee di base, possono imparare dagli architetti del paesaggio”, sostiene Rossenaar.

Sindrome da cambiamento della linea di base

Gli avvistamenti di cicogne potrebbero aver innescato ricordi d'infanzia con cittadini olandesi più anziani, mentre i giovani non ne avevano mai visto uno prima. Quello che pensiamo sia uno stato di natura normale è giudicato dalla maggior parte delle persone in base alle condizioni dell'ambiente naturale nella loro giovinezza. Questo punto di riferimento crea una base storica personale e generalmente si pensa che si stabilisca nel periodo formativo, tra i 6 ei 10 anni di età. 

Gli effetti di questo fenomeno sulla natura sono noti come Sindrome da cambiamento della linea di base. Gli scienziati Soga e Gaston litigano che questo deriva dalla mancanza di informazioni o esperienza di condizioni passate in un articolo pubblicato in Frontiers in ecologia e l'ambiente nel 2018: “Conseguenze di spostamento della sindrome della linea di base includono una maggiore tolleranza per il progressivo degrado ambientale, cambiamenti nelle aspettative delle persone su quale sia uno stato desiderabile dell'ambiente naturale, vale a dire uno che vale la pena proteggere”.

Il graduale declino della biodiversità che sta avvenendo senza che le persone se ne accorgano o si oppongano, ha fatto riflettere Pearce su cosa potrebbe fare per cambiarla. Prima di intraprendere la sua attuale carriera accademica, era un'insegnante di scuola. Ha anche lavorato a livello di scuola elementare e portava regolarmente i bambini fuori per insegnare loro gli insetti e le piante. “Mi piacerebbe tornare a scuola. Prima di tutto, dobbiamo iniziare a insegnare sulla crisi della biodiversità – al momento non fa nemmeno parte del curriculum in Gran Bretagna. È una cosa davvero tragica, soprattutto considerando gli scioperi dei giovani per il clima, che stanno facendo molto di più per sensibilizzare rispetto agli adulti in questo momento».

Fichi e martin pescatori ad Amsterdam

Rossenaar si confronta regolarmente anche con atteggiamenti indifferenti nei confronti dell'ambiente. Tuttavia, rimane ottimista. Nel suo lavoro attuale lavora nei boschi e nelle torbiere aperte ai confini di Amsterdam, dove molti abitanti delle città trascorrono il loro tempo libero. “Negli ultimi decenni, la natura urbana è diventata molto più diversificata rispetto ai terreni agricoli nei Paesi Bassi. Gli abitanti delle città stanno diventando più consapevoli della natura. Alcuni di loro stanno anche rimuovendo le piastrelle dal marciapiede per creare piccoli giardini davanti alle loro case. Altri stanno creando giardini più verdi. Penso che il gruppo stia crescendo".

Le città hanno accolto con successo (indietro) specie che potresti non aspettarti lì, sostiene Rossenaar: “La città è un grande biotopo, in parte perché è un'isola di calore in cui gli esseri umani aiutano a creare biodiversità. Ad esempio, gli alberi di fico sono spuntati in oltre cinquanta posti ad Amsterdam, per lo più vicino ai negozi turchi. Perché là? Perché i consumatori comprano i fichi lì e sputano i semi tra i cespugli durante la loro passeggiata”. È ancora più sorpreso dai frequenti avvistamenti di Kingfisher nel cuore di Amsterdam: “In genere tendono a stare lontani dagli umani e quindi cercano i posti più tranquilli, preferendo rimanere inosservati. Tuttavia, ora si riproducono in tutti i tipi di luoghi, compresi i parchi nel centro della città”.

Il comportamento umano può davvero aiutare ad aumentare la biodiversità? Pearce conosce anche alcuni esempi promettenti. Knepp spicca per lei, un ex caseificio commerciale che ha completamente cambiato strategia. “L'azienda agricola ha perso molto tempo, perché coltivava su un terreno marginale. Quindi decisero di vendere i loro macchinari e sostituire il loro bestiame con cervi, cavalli e maiali Tamworth (che si pensa discendano da cinghiali, rosso.). Ciò ha creato un paesaggio biodiverso e selvaggio con una moltitudine di specie. Ora gestiscono un'attività di successo nei safari naturalistici e in un campeggio nel sud dell'Inghilterra, che è un posto piuttosto noioso in termini ecologici! Se è possibile lì, non ci sono davvero scuse per la natura per non essere ovunque. La storia allude alla frase comune: 'se lo costruisci, verranno'”.

Quali sfide sociali nel contesto del patrimonio, del paesaggio e dell'ambiente costruito vorresti che affrontassimo nei nostri articoli futuri? Si prega di mettersi in contatto: @Future4Heritage su Twitter o email

Questo articolo fa parte di una serie "Future Making in the Anthropocene" che si concentra sull'immaginare scenari futuri più equilibrati per le città e i paesaggi europei, resi possibili dal generoso sostegno del Creative Industries Fund NL. 

TerraNova ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell'Unione Europea nell'ambito della convenzione di sovvenzione n. 813904.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare