L'Accademia europea del patrimonio: elevare gli specialisti del patrimonio culturale attraverso una formazione su misura e certificata

Conoscenza di prima mano – un bilancio iniziale

Alla fine del 2017, la European Heritage Academy è stata fondata a Mauerbach, nella Bassa Austria, come collaborazione tra la Burghauptmannschaft Oesterreich e BDA. Il suo scopo è offrire una formazione continua certificata e su misura per specialisti nel campo del patrimonio culturale costruito. Nel frattempo, l'accademia è diventata sinonimo nei circoli specialistici dell'UE per la formazione mirata del gruppo target al più alto livello.

Come riporta Burghauptmann Sahl “La Burghauptmannschaft Oesterreich è principalmente responsabile della manutenzione/conservazione e del miglior utilizzo possibile degli edifici storici di proprietà della Repubblica. Prima di tutto, ovviamente, questo include il Palazzo Imperiale di Vienna, che ha ricevuto il marchio del patrimonio europeo nel 2016 ed è il più grande edificio storico contiguo in Europa per area. Stiamo parlando di edifici secolari qui.

Palazzo Imperiale Vienna

I nostri edifici sono estremamente diversi e servono un'ampia varietà di scopi. Che da un lato dimostra la ricchezza culturale della storia austriaca, ma dall'altro pone lo staff di BHOe di fronte a grandi sfide".

Per la corretta manutenzione di questi edifici storici, è indispensabile la corrispondente competenza degli specialisti coinvolti. E questa conoscenza deve essere preservata nell'organizzazione, cioè BHOe. Tutto ciò ha portato alla fondazione di The European Heritage Academy (EHA) nel 2017, che implementa corsi di formazione certificati da ECQA e sviluppati in progetti UE in modo sostenibile.



Formazione finanziata dall'UE per i responsabili della manutenzione

Con la scelta di soddisfare le esigenze formative con progetti comunitari, sono stati raggiunti contemporaneamente diversi obiettivi: in primo luogo, ci sono offerte di corsi sviluppate congiuntamente da esperti internazionali; in secondo luogo, il contenuto della formazione è esattamente al 100% ciò di cui avevano bisogno organizzazioni come BHOe; e in terzo luogo, la certificazione, con il riconoscimento simultaneo delle conoscenze esistenti, consente la conservazione delle conoscenze nell'organizzazione. Quest'ultimo è uno dei motivi principali per l'esecuzione di progetti dell'UE.

Come sottolinea Reinhold Sahl: “Sì, il BHOe è un servizio altamente specializzato con personale eccellente che fa sempre del suo meglio. Oltre alla manutenzione/conservazione del patrimonio edilizio storico, BHOe ha anche altri compiti, vale a dire l'uso ragionevole delle strutture sotto la sua cura. [… ] Continua: “Personalmente, vedo la Burghauptmannschaft Österreich come un fornitore di servizi con i clienti, ovvero i nostri utenti, gli altri dipartimenti dell'amministrazione federale, il governo e, naturalmente, i visitatori dei nostri edifici storici.

Ma in realtà l'intera faccenda è iniziata da una prospettiva diversa: vale a dire, dal desiderio di imparare dagli altri, dagli esperti in patria e all'estero.

La formazione e il perfezionamento professionale, compresa la gestione delle conoscenze, erano per me i temi centrali, e ben presto mi fu chiaro che era anche una questione di personale. Devi immaginare che abbiamo posti a tempo indeterminato: se un membro dello staff va in pensione, posso ricoprire quel posto solo dopo che quella persona se ne è effettivamente andata. Ci vogliono quindi dai sei ai nove (!) mesi per ottenere un nuovo membro dello staff. E poi hanno bisogno di mesi per allenarsi.


Questo a volte ci presenta sfide quasi irrisolvibili, poiché tutta la conoscenza del dipendente in partenza viene persa per l'organizzazione prima che abbiamo un successore! Ci ho pensato più e più volte, soprattutto dopo una modifica della legge nel 2012. Quindi abbiamo discusso dei modi per colmare le lacune di conoscenza esistenti e previste. Ciò, tra l'altro, ha portato a progetti dell'UE e al coinvolgimento in altre iniziative europee, come il marchio del patrimonio culturale o Voices of Culture nell'Anno del patrimonio culturale 2018.

Ho guardato la situazione e ho pensato a cosa avremmo potuto fare. Ovviamente ho anche chiesto consiglio ad altri, perché devo ammettere che all'epoca non avevo idea dei progetti dell'UE...

Ma mi sono interessato e ho subito capito che si poteva fare qualcosa, soprattutto in tempi di vincoli di budget. Come ho detto, non abbiamo davvero un budget per la formazione. Classico dilemma: grande bisogno, ma niente soldi! Nel 2013 sono stato informato della possibilità di realizzare le mie idee attraverso progetti finanziati dall'UE. Ed ero subito a bordo!

I primi tentativi non sono andati subito a buon fine, ma con perseveranza abbiamo avviato un Erasmus + progetto nel 2014. Con MODIFICARE - Confesso che non ricordo a memoria il nome completo: siamo stati in grado di sviluppare un programma di formazione continua certificato per i responsabili della manutenzione che soddisfa gli standard internazionali. In questo modo otteniamo un'ulteriore formazione mirata del personale BHOe e possiamo documentare le conoscenze esistenti e conservarle nell'organizzazione.

Oltre ad altri progetti, il nostro primo FLIP il pilota è iniziato il 15 giugno 2020. Ne siamo particolarmente orgogliosi! Dopotutto, è qualcosa di speciale poter gestire un progetto pilota della Commissione europea. Ed è qualcosa di speciale essere in grado di descrivere e documentare il nuovo settore europeo per i beni culturali e le industrie creative”
.

La preparazione intensiva e l'analisi delle esigenze prima di un progetto UE assicurano che la formazione sviluppata copra tutti gli elementi di un'attività pertinente. Ciò rende la conoscenza necessaria o la necessità di conoscenza per questa attività ovvia, comparabile e misurabile. I nuovi dipendenti possono essere preparati e formati in modo specifico per il nuovo compito, con un enorme risparmio di tempo e, soprattutto, di denaro.

La decisione del Burghauptmanns/Governatore del Castello di utilizzare i progetti dell'UE come mezzo per fornire la formazione richiesta ha finora raggiunto un volume totale di 3.2 milioni di euro. Soldi che BHOe e le organizzazioni partner - come ECQA - di tutta Europa hanno investito molto saggiamente nei moduli dei corsi che sono ora offerti da The European Heritage Academy (EHA). Nel frattempo l'Accademia offre 5 moduli di corsi certificati per professionisti del patrimonio culturale costruito.

Risultati del progetto UE: formazione 24 ore su 7, 365 giorni su XNUMX per XNUMX giorni e certificata da ECQA

Naturalmente, nel mondo frenetico di oggi non è sufficiente offrire semplicemente alcuni corsi che le persone interessate possono frequentare a Mauerbach. Questo è il motivo per cui fin dal primo progetto è stato utilizzato un cosiddetto "approccio di apprendimento misto". Ciò non significa altro che una combinazione di elementi di apprendimento disponibili online che sono collegati a corsi in senso classico. Sul portale EHA eLearning&Exam ci sono materiali del corso su cui si può e si deve lavorare in autoapprendimento, mentre le parti pratiche, il lavoro di gruppo, l'apprendimento tra pari e lo scambio professionale si svolgono nella Certosa di Mauerbach.

E poiché dopo la conclusione del primo progetto intitolato: "Maintaining Historic Buildings and Objects through Developing and Up-grading Individual Skills of Project Managers: Fostering European Heritage and Culture for Years to come", noto anche come MODI-FY in breve, lì era necessario tenere regolarmente questo nuovo corso, l'Accademia europea del patrimonio è stata quindi fondata nel dicembre 2017.

Con la chiara missione di organizzare più volte all'anno tutti i moduli dei corsi esistenti e futuri e di stabilire un percorso di formazione continua per i membri del personale esistenti e nuovi di BHOe e BDA, nonché per subappaltatori, altri proprietari di edifici storici e professionisti del patrimonio. Dietro la fondazione di The European Heritage Academy ci sono Burghauptmannschaft Oesterreich (BHOe) e Bundesdenkmalamt (BDA), che attualmente gestiscono l'accademia come partner di cooperazione.

L'obiettivo dichiarato è quello di implementare al meglio le linee guida BDA come linee guida per l'ulteriore formazione di specialisti nel settore dei beni culturali, garantendo così il mantenimento "adeguato alla specie" dei nostri tesori culturali come i palazzi imperiali di Vienna e Innsbruck, Belvedere Palazzo, Palazzo d'Inverno del Principe Eugenio e Certosa Mauerbach. Allo stesso tempo, le sfide del nostro tempo vengono prese in considerazione attraverso l'ulteriore formazione nei settori dell'efficienza energetica, della digitalizzazione e della protezione del clima.

Nelle parole del governatore del castello: “Con The European Heritage Academy abbiamo finalmente uno strumento riconosciuto a livello europeo per la formazione continua mirata e soprattutto certificata del nostro personale. E avrò meno notti insonni quando un terzo (!) di loro andrà in pensione entro i prossimi 5 anni e dovrò ricoprire le loro posizioni….”.

Un vantaggio chiave della formazione offerta da The European Heritage Academy è che tutti i moduli del corso sono certificati da ECQA - European Certification & Qualification Association. ECQA era già coinvolta come partner nel primo progetto Erasmus+ MODI-FY e ha contribuito in modo significativo al successo del progetto. Concentrandosi sui cosiddetti “Learning Outcomes”, cioè risultati di apprendimento uguali per tutti i partecipanti, si ottiene la misurabilità, che viene poi utilizzata per la certificazione.

La Commissione Ue lancia l'Anno delle competenze 2023

Una questione chiave nel patrimonio culturale è il mantenimento dei mestieri tradizionali necessari e delle relative conoscenze e abilità. Senza questi mestieri, i nostri tesori del patrimonio europeo sono a grande rischio, poiché non è rimasto nessuno che possa lavorare con loro con competenza. Tuttavia, molte di queste competenze e professioni non si trovano più in alcuni paesi dell'UE o sono praticate solo in alcuni.

Trasmettere queste cosiddette "abilità a rischio" o "mestieri a rischio" e formare le persone in esse in futuro è l'ordine del giorno. Anche la Commissione europea lo ha riconosciuto come essenziale e ha dichiarato il 2023 "Anno delle competenze", per cui le professioni e le competenze in via di estinzione sono solo una parte delle attività pianificate della Commissione.

12/10/2022: “Come annunciato nel discorso sullo stato dell'Unione 2022 della presidente Ursula von der Leyen, la Commissione ha adottato oggi la sua proposta per fare del 2023 l'Anno europeo delle competenze, incentrato sull'istruzione e la formazione.

I cambiamenti ambientali e digitali stanno aprendo nuove opportunità per le persone e l'economia dell'UE. Avere le giuste competenze consentirà alle persone di gestire con successo i cambiamenti nel mercato del lavoro e di partecipare pienamente alla società e alla democrazia

Ursula von der Leyen

L'iniziativa della Commissione europea di dichiarare il 2023 "Anno delle competenze" si sposa perfettamente con il 5° anniversario dell'Accademia europea del patrimonio - infatti, era fatta per questo! Dal 2017, l'Accademia forma i professionisti del patrimonio edilizio e li forma nella manutenzione e nell'efficienza energetica.

I settori della digitalizzazione nel patrimonio culturale, come la registrazione digitale dei danni strutturali mediante droni o il tentativo di addestrare online i mestieri tradizionali, costituiscono le prossime fasi di sviluppo di una formazione continua altamente specializzata, standardizzata e certificata.

Tutto questo non è un caso! Le singole componenti della formazione continua offerta da The European Heritage Academy seguono un concetto chiaro e lungimirante. La scelta dei temi è basata sulle esigenze attuali e future, mentre lo sviluppo segue le leggi a volte opache dell'approvazione del progetto…..

Con l'approvazione di un nuovo progetto UE, un altro pezzo del puzzle va a posto e si realizza un'altra parte del concetto generale. Vista in questa luce, l'Accademia del patrimonio europeo opera sempre in un ambiente di accresciute competenze e può essere vista come emblematica dell'Anno delle competenze. Quindi non c'è momento migliore per celebrare il quinto anniversario dell'Accademia.


Storia di successo di 5 anni di EHA: celebrazione il 22.03.2023

Dalla sua fondazione alla fine del 2017, circa 75 professionisti del settore della gestione del patrimonio architettonico hanno partecipato ai corsi di formazione EHA a Mauerbach; circa 50 di loro hanno completato tutti i moduli e possono essere certificati – e questo senza alcun marketing, nonostante il Covid19 e tutte le limitazioni affrontate nella formazione. Come detto, questi moduli del corso fanno parte di un concetto generale costituito dallo studio individuale o dalle conoscenze preesistenti, il corso vero e proprio include il lavoro pratico.

Coloro che hanno padroneggiato con successo questi elementi possono iscriversi all'esame per ricevere la certificazione desiderata. Questa certificazione si basa sempre sulle capacità e competenze di una persona e deve essere rinnovata di volta in volta. In questo modo, il livello di competenza viene mantenuto ad un livello elevato e allo stesso tempo aumentato attraverso una formazione di follow-up mirata.
La European Heritage Academy soddisfa tutti i requisiti fissati dai suoi fondatori:

  1. EHA ha creato un impressionante portafoglio di corsi di formazione certificati pertinenti.
  2. EHA è molto rispettato e ben noto tra i professionisti nei paesi/regioni di lingua tedesca.
  3. EHA fornisce feedback sulla necessità di ulteriori moduli del corso.

E siccome molte menti brillanti hanno lavorato duramente in questi ultimi cinque anni per ciò che è stato raggiunto, ora è anche il momento di festeggiare. Per questo motivo, The European Heritage Academy vi invita al suo 5° anniversario il 22 marzo 2023. “Questa è la celebrazione dei successi ottenuti finora. Vorremmo brindare ai primi 5 anni di successo con i nostri partner, compagni e tutti i partecipanti. Alcuni laureati riceveranno anche il loro certificato personale in questa occasione” afferma Burghauptmann Sahl, entusiasta del successo di EHA e pienamente motivato a continuare a lavorare per raggiungerlo.


La celebrazione si svolgerà durante AUMENTA' Conferenza Finale, che presenterà tutti i risultati del Progetto Pilota dal 22 al 23 marzo 2023.

Trovi il programma dell'evento del 22.03.2023 sul Sito web dell'EHA.

Commenti dei formatori e dei partecipanti EHA

Le parti pratiche del corso sono svolte dai formatori di BDA e UBW, che si sono sottoposti alla certificazione ECQA e hanno una vasta esperienza nella formazione. Astrid Huber, responsabile dell'IWBZ – Information and Further Education Center for Architectural Conservation – Charterhouse Mauerbach e formatrice certificata EHA, afferma:

“Per mantenere un edificio storico per le generazioni future, gli interventi di ripristino devono essere prima di tutto corretti dal punto di vista strutturale; ciò significa che i materiali utilizzati dovrebbero corrispondere all'edificio esistente, dovrebbero essere riparabili, manutenibili e utili – dobbiamo tornare alla tradizione di cura, manutenzione e riparazione. Tuttavia, ciò richiede competenze speciali […] Ed è qui che entra in gioco il nostro progetto di cooperazione con Burghauptmannschaft Oesterreich: la European Heritage Academy (EHA), fondata nel 2017 con sede nella Certosa di Mauerbach.

Questa formazione continua nella manutenzione dei beni culturali offre ora per la prima volta anche una certificazione internazionale e si rivolge principalmente ai direttori di costruzione e ai direttori di cantiere di edifici storici. L'attuale programma di formazione continua IWBZ, orientato all'artigianato e che offriamo da oltre 30 anni, si conclude con un certificato di partecipazione, utilizzato da anni anche come criterio di qualità nelle gare d'appalto. Negli ultimi anni, alcuni gruppi target hanno sempre più espresso il desiderio di una certificazione internazionale: con The European Heritage Academy, questa è ora una perfetta sinergia.

EHA si compone di cinque moduli, che hanno anche una qualità diversa: qui i contenuti vengono insegnati in forma compressa in piccoli gruppi con un supporto molto intenso. Lo notiamo anche come docenti: lavorare con un piccolo numero di esperti specializzati è più impegnativo, molto più individuale e intenso, perché puoi anche rispondere maggiormente agli interessi dei partecipanti. I moduli sono intensivi e stimolanti, sia per i partecipanti che per i formatori.“


Gerald Wagenhofer, formatore fin dall'inizio e partner nella maggior parte dei progetti europei di BHOe, può attingere a 30 anni di esperienza di formazione. Lui dice: “Durante il project work di MODI-FY sono emersi ricordi dei miei giorni di scuola, un déjà vu, per così dire, visto che già allora mi occupavo di materiali da costruzione inorganici. So quindi come fare la calce o il cemento – e quindi ho il vantaggio di una conoscenza preliminare. Capisco i contenuti dei moduli del corso, so di cosa si tratta. Anche l'ingegneria termica era una delle mie materie scolastiche. Capisco come funzionano all'incirca gli edifici tradizionali, ma trovo sempre che ci sono ancora dettagli entusiasmanti che posso ancora imparare. Ma conosco i concetti di base e so di cosa parlo. Quindi la mia vasta conoscenza mi rende il formatore ideale per The European Heritage Academy.

Ogni corso prospera anche sui contributi dei partecipanti professionalmente competenti, e i moduli di The European Heritage Academy hanno molto da offrire in questo senso. Oltre al personale BHOe, molte delle organizzazioni partner hanno naturalmente il proprio personale qualificato o certificato.


Leggi cosa hanno da dire sui corsi EHA qui:

  • Tommaso S.: “Questa è la migliore formazione professionale che abbia mai frequentato. Nonostante 20 anni di conservazione storica, ho imparato molte cose nuove!“
  • Cristoforo W.: La European Heritage Academy promuove, anzi esige, un dialogo impegnato. In piccoli gruppi si illustrano autorevoli conoscenze e competenze nella Tutela Architettonica dei monumenti storici e, non da ultimo, si avvia un atteggiamento di base nei confronti del patrimonio architettonico. Non vedo l'ora di futuri corsi di formazione.
  • Patrizio S.: „Molte grazie per gli ottimi documenti, che hanno qualcosa da leggere anche per gli smemorati e orientati visivamente. Grazie ancora per l'armonioso evento a tutto tondo…”



EHA Future presso l'EU Competence Center Mauerbach

Con i due pilastri, la tradizionale formazione continua offerta dall'IWBZ di BDA e la formazione certificata di EHA, Charterhouse Mauerbach offre oggi formazione per tutti i gruppi target nella manutenzione di edifici storici: una combinazione perfetta. Ma non è tutto! Ci sono piani ambiziosi per il futuro.

Mag. Astrid Huber sull'ulteriore sviluppo: “L'IWBZ è intensamente coinvolta nella formazione continua e nella ricerca. Un esempio di ricerca sono i progetti che abbiamo avviato con BHOe – qui vorrei citare soprattutto il AUMENTA progetto, che è stato approvato dalla Commissione europea nel 2020. La Certosa di Mauerbach svolgerà un ruolo decisivo in quanto ulteriormente sviluppata in un centro internazionale di eccellenza per la manutenzione dei monumenti storici e dell'artigianato tradizionale. Siamo già conosciuti in ambienti professionali ben oltre i confini del paese. Il progetto INCREAS offre ora un'opportunità unica per rendere la Charterhouse Mauerbach ancora più conosciuta a livello internazionale come Centro di Eccellenza".

Il progetto pilota FLIP2 INCREAS mira a stabilire un prototipo per un Centro europeo di competenza per la conservazione dell'architettura, oltre a numerosi altri argomenti come la descrizione del settore dei beni culturali, la ricerca delle professioni pertinenti e delle loro competenze e la ricerca di soluzioni per i mestieri morenti.

Una parte essenziale di questo centro di competenza dell'UE Mauerbach – e delle sue organizzazioni sorelle in altri paesi dell'UE – sarà in futuro l'Accademia europea del patrimonio. Per poter coprire sempre meglio e in modo più completo i fabbisogni formativi del settore nel campo del patrimonio costruito. A tal fine è ovviamente necessario ampliare il ventaglio delle offerte; ma ancora più importante è la formazione di formatori adatti a questo campo. Al momento, principalmente 4 formatori austriaci e due britannici stanno lavorando con i partecipanti al corso. Per essere in grado di coprire la domanda futura e crescente, sono necessari più formatori, soprattutto formatori in altre lingue, ad esempio italiano, spagnolo o francese.

Le attuali sfide poste dal cambiamento climatico e dalla crisi energetica sono quindi anche un tema importante per EHA. In futuro, una formazione attenta e professionale dipenderà sempre più dallo scambio internazionale di conoscenze. Come ha insegnato il lavoro del progetto dell'UE, esperti di diversi paesi e culture ottengono un risultato molto migliore e più ampio.

I progetti dell'UE sembrano quindi essere il mezzo ideale per un fine per la formazione altamente qualificata di specialisti nel campo della protezione del patrimonio. Il networking non termina con la fine del progetto. Al contrario, i progetti dell'UE generano numerosi contatti utili e preziosi in molte aree della conservazione del patrimonio architettonico.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare