Esplorare come trattare i dati problematici del patrimonio culturale

Gli stagisti di Europeana Sofia Guido e Aida Fadioui discutono i temi, i problemi e le soluzioni quando si tratta di dati sul patrimonio culturale potenzialmente offensivi

La confisca dei contenuti di uno studio di pittore - François Bunel il Giovane (1590). Via Europeana Pro (CC)

Come affrontare i contenuti del patrimonio culturale che possono offendere, o non sono più in linea con gli standard contemporanei, è una domanda che deve affrontare i professionisti di tutto il settore. stagisti europei Sofia Guido e Aida Fadioui esplorare possibili approcci ai dati controversi sul patrimonio culturale e raccontarci come Europeana sta esplorando la questione. Il i produttori di dolciumi notiziario è stato pubblicato su Europeana Pro il 22 giugno 2022 ed è pubblicato dall'European Heritage Tribune con il permesso di Europeana Pro.

I contenuti problematici o controversi del patrimonio culturale fanno parte di una più ampia discussione sulla diversità, l'inclusione e l'equità che si sta verificando ora tra i professionisti e nelle istituzioni del patrimonio culturale. Queste istituzioni hanno un ruolo importante da svolgere nell'istruzione e nella ricerca, e c'è un crescente riconoscimento da parte di alcune istituzioni che gli oggetti nelle loro collezioni possono rappresentare agende coloniali e che, in alcuni casi, quegli oggetti sono stati rimossi dal loro contesto culturale e storico. Che si tratti di contenuti medici grafici, descrittori dispregiativi o altri termini con storie controverse, ci sono molte opportunità di confusione e, potenzialmente, danno. Come settore del patrimonio culturale, dobbiamo riconoscere questo background storico e determinare come andare avanti.

Imparare gli uni dagli altri  

In Europeana, riceviamo regolarmente domande sugli oggetti che le persone scoprono sul sito Web di Europeana. A volte il feedback riguarda un oggetto che potrebbe essere sessista, razzista o in altri modi causare danni a coloro che lo visitano o che ne sono rappresentati. 

Il ruolo delle piattaforme online è spesso dibattuto: abbiamo una responsabilità non solo nei confronti del nostro pubblico, ma anche nei confronti degli oggetti che condividiamo e della loro storia? Come possiamo, come organizzazione, sostenere e incoraggiare la discussione intorno a questi oggetti e alle domande che riflettono? Fornire l'accesso ai contenuti attraverso la nostra piattaforma significa che abbiamo la responsabilità di agire come amministratori dei contenuti? La gestione dei contenuti implica che, anche se non siamo i creatori degli oggetti che ospitiamo, abbiamo la responsabilità di fornire un accesso etico a tali contenuti. 

Europeana sta lavorando per stimolare la conversazione su questo argomento riunendo le istituzioni del patrimonio culturale per discussioni; ospitare spazi ed eventi che consentano un dialogo e un'azione costruttivi; e sostenere gli sforzi di rafforzamento delle capacità in tutto il settore che forniscono alle istituzioni gli strumenti di cui hanno bisogno per affrontare aspetti potenzialmente controversi delle loro collezioni. Stiamo anche esaminando ciò che altre organizzazioni nel nostro campo stanno facendo di fronte a tali situazioni, per stabilire reti di condivisione delle informazioni e identificare le buone pratiche. 

Ad esempio, la Digital Public Library of America ha rilasciato a dichiarazione su contenuti potenzialmente dannosi come hanno un certo numero di librerie come il Biblioteca Tisch. Altre istituzioni come il Istituto australiano di studi sugli aborigeni e sulle isole dello Stretto di Torres e Aggregatore della National Library of Australia hanno optato per le dichiarazioni pop-up sulla loro pagina web, fornendo più contesto ai visitatori. Il Pitt Rivers Museum dell'Università di Oxford ha iniziato a collaborare rappresentanti delle culture Maasai di cui detengono i manufatti, nell'ambito di un programma di leadership indigena organizzato dalla ONG Condivisione. Il Museo Nazionale delle Culture del Mondo ha recentemente pubblicato l'autorevole pubblicazione 'Parole matter' contribuire al dialogo sull'uso della parola nel settore museale.

Approcci editoriali 

Europeana ha anche lavorato per concentrare l'attenzione su gruppi di persone che sono state emarginate nel corso della storia. Ad esempio, comunicazione e contenuto per Storia nera Mese di febbraio e ottobre e Storia delle donne Il mese di marzo sono stati gli sforzi per dare visibilità a persone che sono state fondamentali nei loro campi di competenza, ma non hanno avuto la visibilità che meritano i loro contributi, di solito perché fanno parte di gruppi emarginati. 

Poiché alcuni oggetti delle nostre collezioni sono stati creati in tempi e contesti diversi, il modo in cui ritraggono determinati gruppi di persone potrebbe non essere più considerato appropriato. Quando creiamo blog e mostre, cerchiamo di presentare questi oggetti in un modo che aiuti le persone che visitano la nostra piattaforma a conoscere meglio il contesto più ampio in cui sono stati creati. Questo ci dà l'opportunità di rompere i tabù, affrontare argomenti difficili e mostrare prospettive diverse su un problema. Nostro Mostra Cina in prospettiva, o il nostro blog su l'arte queer di GAN sono alcuni esempi di come possiamo evidenziare temi come l'imperialismo o l'omofobia in un contesto storico. Per ridurre l'impatto dell'esposizione delle persone a contenuti che non vogliono vedere, utilizziamo avvisi sui contenuti e introduzioni contestuali per aiutare i lettori a capire cosa viene descritto e mostrato.

Affrontare le sfide sia con le persone che con la tecnologia

Forse l'ostacolo più grande che il settore dei beni culturali deve affrontare nell'affrontare contenuti controversi è l'enorme numero di oggetti nelle collezioni. Incorporare un approccio inclusivo nell'affrontare questa sfida consente alle minoranze e alle comunità locali e ai loro alleati di interagire con il loro patrimonio e di partecipare alla sua cura, in modo da evitare di travisare la loro cultura o utilizzare un linguaggio controverso.  

Gli aggregatori svolgono un ruolo importante nella fase di preparazione dei dati e dei metadati sviluppando e lavorando su sistemi di etichettatura e identificando contenuti potenzialmente problematici dalle istituzioni del patrimonio culturale con cui lavorano. Il gruppo Diversità e inclusione del Forum degli aggregatori di Europeana sta esplorando ulteriormente il modo in cui gli aggregatori possono svolgere un ruolo. 

Il feedback degli utenti è un altro modo cruciale per identificare oggetti o descrizioni potenzialmente problematici. Europeana ha un pulsante di feedback che può essere utilizzato in qualsiasi pagina del sito Web di Europeana e incoraggiamo le persone a utilizzare il modulo che ti offre per condividere la loro opinione su qualsiasi oggetto o parte di metadati.

L'intelligenza artificiale è stata più volte suggerita come un modo per risolvere il problema della gestione di milioni di oggetti da analizzare. Tuttavia, l'IA, proprio come le persone, impara da ciò che viene insegnato e quindi ha anche i suoi pregiudizi. Sarà fondamentale tenere sempre presente che il rilevamento algoritmico non è mai un sostituto completo del lavoro umano: la convalida e il controllo umani sono necessari per garantire la qualità e l'accuratezza di questi algoritmi. Esempi promettenti di sperimentazione con l'apprendimento automatico per supportare il lavoro curativo possono essere trovati su LAPD e Culturale-AI

per ulteriori informazioni

Trasformare le istituzioni del patrimonio culturale e rendere i contenuti più inclusivi va molto più in profondità rispetto alla discussione di cui sopra. La necessità di sfidare le strutture e le ideologie che le informano è una parte essenziale del processo. Questo processo non è né veloce né facile e noi ne stiamo solo gettando le basi. Scopri di più su ciò che stiamo facendo in materia di diversità e inclusione in Europeanao contribuire al variegato editoriale di Europeana di proponendo un'idea per il blog su un argomento che ti interessa.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X