L'UE vuole che il patrimonio culturale diventi parte del processo di costruzione della pace

Il patrimonio culturale dovrebbe assumere un "ruolo chiave" nella promozione della pace, secondo l'UE. Immagine: ptnimages/Canva

Il 21 giugno, il Consiglio dell'Unione europea ha approvato il Concetto sul patrimonio culturale nei conflitti e nelle crisi. Adottandolo, l'istituto riconosce che il patrimonio culturale può svolgere un ruolo chiave nel "promuovere la pace, la democrazia e lo sviluppo sostenibile". In sostanza, l'UE ritiene che il patrimonio culturale debba essere posto al centro dei processi di costruzione della pace. 

Il patrimonio culturale può promuovere “la tolleranza, il dialogo interculturale e interreligioso e la comprensione reciproca”, afferma il Consiglio in una comunicato stampa. Poiché il patrimonio culturale può diventare un bersaglio durante i periodi di crisi e conflitti, il Consiglio chiede la protezione del patrimonio culturale durante questi periodi. La tutela del patrimonio dovrebbe essere "integrata nel lavoro del Consiglio", si legge nel comunicato stampa.

Tre punti di messa a fuoco

In generale, i membri del Consiglio ritengono che il patrimonio culturale possa aiutare nelle crisi in tre modi: prevenzione, salvaguardia e recupero. Prevenendo l'estremismo violento, combattendo la disinformazione e generando dialoghi positivi e inclusivi, il patrimonio culturale può impedire che una situazione di tensione si trasformi in una crisi.

Il documento Concept afferma che la lotta al commercio illegale di beni culturali dovrebbe aiutare a proteggere il patrimonio ed evitare controversie future

La protezione (fisica) di un sito del patrimonio può anche aiutare a prevenire o risolvere un conflitto, il Idea legge. Menziona inoltre che la lotta al commercio illegale di beni culturali dovrebbe aiutare a proteggere il patrimonio ed evitare controversie future. Per sostenere i processi di costruzione della pace, il patrimonio culturale può essere restaurato o ricostruito. Ciò promuove dialoghi interculturali e sviluppi a lungo termine. 

Questi usi pratici del patrimonio culturale e dei siti del patrimonio non sono nuovi. Tuttavia, è un segnale positivo che l'UE voglia concentrarsi maggiormente sulla salvaguardia del patrimonio culturale. Si spera che aumenti le possibilità di successo dei processi di costruzione della pace in futuro.

Fonte: Consiglio dell'UE e Servizio europeo di azione esterna

Per saperne di più, leggi politica del patrimonio o controlla uno dei tag di seguito:

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare