Blog ESACH | L'errore della rivitalizzazione: creatività sovversiva, consumo e contestazione degli spazi del patrimonio

Tegli European Heritage Tribune e ESACH credo che sia importante condividere le prospettive dei giovani sul patrimonio culturale. Pertanto, il blog ESACH presenta post di blog scritti da membri dell'associazione impegnati in colloqui ESACH. Questo post sul blog è stato scritto da Ahmed Morsi, uno dei relatori del Talk on Heritage for Sustainable Development di dicembre 2020.

Nello sviluppo urbano orientato all'arte e alla cultura, le industrie creative e gli spazi che occupano vengono valutati in base alla loro redditività, potenziale commerciale e impatto economico sulle aree circostanti sotto forma di sviluppi derivati ​​indipendentemente dall'uso e dall'effettiva produzione creativa. Questi spazi - spesso storici - sono visti come “sprecati” se non sono commerciabili e per i quali non si possono trovare investimenti o usi proficui (SenStadt, 2007, come citato in Colomb, 2012). Il 13th La chiesa domenicana del secolo a Maastricht, nei Paesi Bassi, i cui usi temporanei dalla sua sconsacrazione nel 1794 variavano dalla sala esami negli anni '1960 alla sala concerti negli anni '1990, è stata utilizzata come rimessa per biciclette prima della sua ristrutturazione da una catena di librerie nel 2007 [figure 1, 2]. La trasformazione è stata pubblicizzata come una riutilizzazione riuscita di uno spazio storico "gravemente trascurato per oltre 200 anni" (Moran, 2017). Gli utenti di spazi creativi rientrano in uno spettro tra una "sottoclasse creativa" marginale extralegale e una "élite creativa" formalizzata. Il potere valorizzante dei primi e il capitale culturale che producono attraggono spesso i secondi che vengono poi strumentalizzati per “rivitalizzare” i centri storici fisicamente degradati sostituendo sostanzialmente il primo. L'arte sovversiva come geografia della gentrificazione è una discussione emergente all'interno del discorso più ampio della gentrificazione guidata dalle arti. La mia ricerca, di cui questo articolo è un componente, tenta di inserirsi in questo dialogo svelando le convoluzioni stratificate di patrimonio, capitale, arte e dissidenza e analizzando le loro implicazioni sugli ambienti sociali e costruiti attraverso lo sguardo alle intersezioni tra riutilizzo adattivo, industrie creative e riqualificazione guidata dalle arti.

Figura 1: Concerto nella chiesa domenicana di Maastricht all'inizio degli anni '1990. Fonte: Mark Ahsmann, c. primi anni '1990
Figura 2: La chiesa domenicana dopo la sua trasformazione in libreria. Fonte: Sergé Technau, 2009

Due ambienti creativi

La regolarizzazione dell'attività artistica e creativa in contrasto con il precedente uso sperimentale informale dello spazio ha rivelato alcune delle crepe e delle tensioni all'interno delle comunità di artisti e creativi spesso raggruppate in modo semplicistico. Ironia della sorte, gli spazi culturali marginali sono considerati una fonte di innovazione e anticonformismo; ispirando e formando effettivamente la base di pratiche creative che, a loro volta, informano il consumismo mainstream. Mentre alcuni di loro lottano per esistere di fronte alla speculazione immobiliare e all'ostilità del governo locale, la loro mera esistenza diventa uno spettacolo in sé e automaticamente un'opportunità per essere strumentalizzata. In effetti, le instabili opinioni anti-establishment delle persone che li occupano e il rischio di essere associati ai contenuti spesso non ortodossi che producono lascia gli sviluppatori riluttanti a lavorare direttamente con loro e le amministrazioni cittadine preoccupate del loro status extralegale, rendendole vulnerabili allo sfratto per i siti di valore che occupano che essi stessi hanno valorizzato quasi da soli e inconsapevolmente. Inoltre, questo capitale culturale coltivato è spesso associato al valore del patrimonio stratificato. La gravitazione intrinseca di milie creative marginali con sfumature sovversive verso spazi storici fatiscenti si traduce di conseguenza nel perfetto matrimonio tra capitale culturale e valore del patrimonio; fornendo terreno fertile ideale per investimenti immobiliari. Il riutilizzo adattivo, un movimento storicamente progressista contro concetti fossilizzati di conservazione del patrimonio, diventa quindi uno strumento nella trasformazione della narrativa classica della creazione del patrimonio, una pratica modellata dal colonialismo e dal nazionalismo in una modellata dallo sviluppo urbano neoliberista.

Un vivido esempio di queste dinamiche è l'edificio Tacheles a Berlino, che fu occupato da una comunità di artisti poco dopo la caduta del muro di Berlino. Per oltre un decennio, l'edificio, originariamente progettato per la demolizione, ha ospitato studi di artisti, laboratori, un cinema e una discoteca; alla fine rinvigorendo completamente l'area precedentemente abbandonata all'interno di Mitte [figura 3]. Tanto che l'edificio ha effettivamente acquisito lo status di sito storico protetto per il suo valore culturale (Jones, 2012; Kulish, 2019). Ad oggi, gli artisti si sono trasferiti altrove, il sito è stato venduto a uno studio di New York City e Herzog e de Meuron hanno commissionato un intervento residenziale, commerciale e culturale di lusso per l'intero complesso (Am Tacheles, nd; Neuendorf, 2015 ) (figura 4). Molti studi di casi simili dimostrano come la sottoclasse creativa getti le basi che poi attrae l'élite creativa per la sua "aura bohémien" e quindi entrambe vengono sfruttate per attirare residenti ricchi e grandi aziende. Questo processo può essere sintetizzato in un modello di trasformazione dei "paesaggi liminali" (Gornostaeva & Campbell, 2012) in distretti artistici gentrificati e quindi in paesaggi di consumo. Sandler (2011) la definisce "la raffinata arte della gentrificazione". Drake (2016) descrive gli anni '1990 come il decennio del riemergere degli squat artistici e gli anni 2000 che vedono la feticizzazione e la monetizzazione della creatività (Raunig et al., 2011).

Figura 3: Kunsthaus Tacheles, Berlino. Fonte: Ex-Smith, agosto 2004
Figura 4: Rendering del progetto di riqualificazione Am Tacheles di Herzog & de Meuron. Fonte: bloomimagess, nd, visualizzazione non vincolante

Lo storico hotel Viennoise al Cairo si presenta come un progetto di gentrificazione di nicchia facilitato da arte e cultura che è iniziato con uno storico hotel in decadenza trasformato in spazio artistico e ha finito per diventare la sede esclusiva di una società di investimento con piani futuri per un boutique hotel su uno dei suoi piani e un ristorante e bar sul tetto (Mantiqti, 2018). Inoltre, il Viennoise fornisce un caso in cui gli stessi sviluppatori privati ​​erano attratti dal capitale culturale che sarebbe stato successivamente orchestrato piuttosto che fabbricato per mantenere vivo lo spazio e attirare gli inquilini. L'attuale uso artistico dell'edificio da parte dei suoi precedenti proprietari per oltre un decennio ha fatto sì che fosse già sul radar all'interno della coorte creativa di Downtown, facilitando così qualsiasi valorizzazione che potesse essere necessaria ai suoi nuovi proprietari. Nei pochi anni successivi alla rivoluzione egiziana del 2011, i nuovi proprietari dell'edificio si sono impegnati regolarmente con attori creativi sovversivi come esemplificato nel Horreya / Kharya mostra tenutasi nel 2013 e curata da personaggi di spicco nel rivoluzionario panorama dei graffiti. Concepita come un "Museo della Rivoluzione", la mostra includeva rappresentazioni artistiche di bombolette di gas lacrimogeni e graffiti anti-regime tra le altre rappresentazioni figurative di rivolta [figura 5]. Lo stesso edificio, sei anni dopo, sarebbe stato presentato in un video promozionale circolante sulle piattaforme dei social media sulla sua riabilitazione e reintroduzione come sede di una società di investimento privato [figura 6].

Figura 5: artisti di graffiti rivoluzionari di spicco intervistati alla mostra Horreya / Kharya alla Viennoise nel 2013. Fonte: TVmedrar, 2014
Figura 6:  Il CEO della società di investimento che esamina i risultati dei lavori di ristrutturazione di Viennoise in un video promozionale nel 2019. Fonte: MO4 Network, 2019

Rinascita? Di cosa?

È in questo contesto che dovrebbe l'intento di progetti pesantemente commercializzati con un uso tenace di eufemismi come rivitalizzazione, rinascita e rigenerazione essere esaminati per la loro mercificazione precondizionata delle pratiche artistiche e culturali (Tosics, 2019). Le nuove generazioni di giovani creativi sono spesso inconsapevoli dell'esistenza precedente di attività artistica e culturale in queste aree di nuova popolarità a causa della circolazione irregolare di immagini in stretta relazione sia con lo stigma che con la divulgazione. Non sorprende che molti giovani creativi che frequentano il centro del Cairo oggi siano completamente ignari dell'attivismo creativo di breve durata durante e dopo la rivolta del 2011 che ha visto un uso creativo e sovversivo dello spazio senza precedenti. Così, mentre - secondo l'insistenza della Florida - i giovani creativi provenienti da contesti meno privilegiati possono anche trarre profitto dall '"Era creativa", è possibile solo mescolandosi con l'élite creativa (Bontje & Musterd, 2009). L'affermazione di Chatterton (2000) secondo cui, a meno che non si compiano progressi verso l'eliminazione delle disuguaglianze in termini di ricchezza e potere, l'agenda della città creativa e tutte le sue rivendicazioni di mescolanza sociale rimarranno guidate dall'élite, quindi è ancora vera.

Circa l'autore

Ahmed Morsi è un architetto e artista i cui interessi risiedono nelle forme sovversive di creatività e il loro effetto sugli ambienti costruiti e sociali. La sua ricerca esplora le circonvoluzioni del patrimonio, del capitale, dell'arte, della dissidenza e della cartolarizzazione nel Cairo post-2011. È stato coinvolto in una serie di progetti di riutilizzo adattivo e rimodellamento tra Il Cairo e Alessandria.

Referenze

X