Blog ESACH | Come possiamo evitare l '"appropriazione culturale" storica in un mondo globalizzato in corso?

Nel 2016, la rivista Bon Appétit, specializzata in ricette e recensioni di ristoranti, ha pubblicato un video su un locale di ispirazione vietnamita che ha creato scandalo sui social media. Dopo il cosiddetto incidente #PhoGate, l'inchiostro è volato intensamente sulla presunta appropriazione culturale del cibo, sostenendo l'uso improprio dei codici alimentari di una cultura specifica da parte di un altro gruppo culturale (spesso economicamente dominante). Le critiche, tuttavia, hanno avuto la tendenza a dare una definizione molto vaga di cosa intendessero per appropriazione culturale, o addirittura a farla sembrare un divieto diretto per i non indigeni di cucinare o godere del patrimonio culinario di una particolare tradizione. Quell'ostilità ai trasferimenti culturali va contro le dinamiche culturali, che difficilmente possono svilupparsi isolate, soprattutto nel nostro mondo sempre più globalizzato. È quindi interessante sapere cosa si intende per "appropriazione culturale", e quindi come può (e se è necessario) essere evitato.

Scritto da: Carolina Capdepon

Figura 1: Cibo del ristorante Stock Fishtown, a Filadelfia, il locale in stile asiatico orientale coinvolto nel #PhoGate. Fonte: Emily Schindler

Alle origini della comunicazione culturale: il colonialismo

La maggior parte dei primi contatti culturali che coinvolgono il cibo hanno avuto luogo in contesti di esplorazione e colonialismo. Dietler ha definito il colonialismo come le "pratiche di controllo dispiegate nelle interazioni tra società legate in relazioni di potere asimmetriche e nei processi di trasformazione sociale e culturale che ne derivano" (Dietler 2007, p220). Quindi, il colonialismo può essere inteso come una forma asimmetrica di dominio tra culture, da cui derivano cambiamenti socioculturali per tutti i gruppi culturali coinvolti. In questo processo di scambi culturali, oggetti esogeni come il cibo sono stati coinvolti in procedimenti dinamici di evoluzione culturale: in particolare "l'addomesticamento selettivo (o" indigenizzazione ") di beni, pratiche e gusti precedentemente stranieri e il rifiuto degli altri" ( Dietler 2007, p224).

Figura 2: Imperi e commerci europei intorno al 1770. Fonte: Philip's Atlas of World History, una divisione di Octopus Publishing Ltd

L'adozione e l'imposizione di prodotti e piatti specifici a causa di relazioni asimmetriche tra culture hanno contribuito a modificare le abitudini culturali e a plasmare le tradizioni alimentari attuali. Alcune cucine testimoniano addirittura una serie di contatti culturali tra culture dominanti e dominate: ad esempio, il curry è stato riconosciuto come cucina locale in almeno quattro paesi nel corso dei secoli. Il curry affonda le sue radici in India, sebbene il vindaloo sia stato creato sulla base del portoghese vinha d'alhos durante le esplorazioni europee del 16th secolo; fu quindi adattato al gusto del popolo britannico durante il periodo coloniale, e divenne così popolare che il Giappone fece il proprio adattamento durante l'era Meiji (Collingham 2006, p59, p251). Il cibo è quindi un elemento che testimonia la comunicazione storico-culturale. 

Figura 3: Il vindaloo originale - vinha d'alhos portoghese. Fonte: greatcurryrecipes.net

Il tempo come catalizzatore della naturalizzazione

Al giorno d'oggi, molti cibi sono “diventati“ indigenizzati ”al punto da essere considerati un indicatore fondamentale della cucina etnica locale” (Dietler 2007, p223). Attraverso il processo di indigenizzazione, alcuni alimenti sono diventati segni storici, prima di essere lentamente naturalizzati fino a perdere il loro contesto iniziale di scambio. Alcuni prodotti culinari come il riso o le melanzane hanno conosciuto un viaggio molto lungo e sono finiti per essere prodotti e consumati in tutto il mondo, perdendo i loro “significati e pratiche” originali (Dietler 2007, p229). Questa mancanza di tracciabilità induce anche una perdita di costruzione dell'identità, che deve essere ripercorsa per comprendere le evoluzioni locali e la loro implicazione nelle dinamiche culturali globali, e per rendersi conto di come il ruolo del tempo abbia cancellato alcuni contatti culturali dai nostri ricordi.

Nella sua analisi della gastronomia yucateca, Ayora-Diaz dà all'indigenizzazione di Dietler il nome di “territorializzazione” (Ayora-Diaz 2012, p57), cioè adozione locale e routinizzazione di prodotti specifici. Afferma che il processo di naturalizzazione costruisce una "tradizione" culinaria "che genera identità locale e" traccia i confini tra i membri del gruppo e gli estranei "(Ayora-Diaz 2012, p60). Quindi, disegnare la mappa delle tradizioni culinarie con le loro specificità partecipa alla definizione delle identità culturali attuali, ma da solo non basta per cogliere l'unicità di ogni cultura se si considera che più gruppi culturali hanno naturalizzato prodotti simili, all'interno di contesti differenti. Inoltre, ignorare la costruzione di identità culinarie, spesso nate dalle relazioni asimmetriche prima evocate, può portare alla naturalizzazione e al mantenimento delle stesse relazioni ineguali. Questo è ciò che negli ultimi anni è stato denunciato come appropriazione culturale.

Figura 4: tè pomeridiano tradizionale britannico. Fonte: The Leonard Hotel

I vantaggi della coscienza nell'apprezzamento culturale

Secondo queste critiche, gli scambi culturali positivi non sono ancora abbondanti, ed ovviamente è difficile raggiungere scambi illuminati e rispettosi. Il colonialismo e le sue pratiche naturalizzate hanno reso le relazioni asimmetriche e la circolazione delle caratteristiche culturali fortemente ancorate nelle nostre società attuali. Ma la demonizzazione dell'appropriazione culturale selettiva non la riconosce come un processo inevitabile che "accade ovunque e continuamente, dato che le società non sono mai esistite in uno stato di isolamento", e che non è "unico per le situazioni coloniali" (Dietler 2007, p225).

Rogers ha definito un quadro concettuale in cui l'appropriazione culturale non è altro che il "attivo processo ”di adozione di elementi culturali altrui. Questo processo può avvenire "in vari modi, in una varietà di condizioni e con funzioni e risultati variabili" (Rogers 2006). In questo schema, l'appropriazione culturale può apparire come dominio o sfruttamento culturale, in cui una cultura dominante impone o prende elementi da una cultura subordinata, ma anche scambio culturale, in cui la trasmissione di elementi culturali è "reciproca" (Rogers 2006) nel senso che è fatto volontariamente e con pieno riconoscimento dato alla cultura da cui provengono gli elementi.

Il problema dell'appropriazione culturale del cibo sarebbe quindi tanto nell'atto del prendere se stesso che nel negare le trasformazioni storiche che hanno portato alle tradizioni attuali e ai confini culturali. Viceversa, essendo consapevoli dei processi storici e riconoscendo i trasferimenti culturali, è possibile evitare di cadere nel riflesso difensivo dell'appartenenza culturale attualmente dominante. L'appropriazione culturale assumerebbe quindi una forma più ideale di apprezzamento culturale e consentirebbe di mantenere la comunicazione culturale attraverso il cibo o altre caratteristiche culturali senza offuscare le identità culturali.

Figura 5: Villaggio internazionale della gastronomia, Parigi. Fonte: Archives Village International de la Gastronomy

Circa l'autore

Caroline Capdepon ha completato la sua laurea in Storia dell'Arte presso la Scuola del Louvre. Si è poi trasferita al MA World Heritage Studies della BTU, Cottbus, in Germania, per aprire i suoi orizzonti. Questo le ha permesso di approfondire la sua passione per la diversità culturale e il patrimonio culturale immateriale, che studia e celebra nella sua cucina e nelle esplorazioni delle città.

Riferimenti

  • Ayora-Diaz, SI "Invenzioni gastronomiche ed estetica del cibo regionale: la naturalizzazione del gusto dello Yucatan", Etnoforo, vol. 24, n. 2, 2012. Accessibile da https://www.researchgate.net/
  • Collingham, L. Curry: una storia di cuochi e conquistatori, New-York: Oxford University Press, 2006. Accessibile da books.google.fr
  • Dietler, M. "Incontri culinari: cibo, identità e colonialismo" L'archeologia del cibo e dell'identità, a cura di Kathryn Twiss, no. 34, Carbondale: Southern Illinois Univ, 2007. Accessibile da academia.edu
  • Rogers, R. "Dallo scambio culturale alla transculturazione: una revisione e riconcettualizzazione dell'appropriazione culturale", Teoria della comunicazione, vol. 16, n. 4, 2006. Accessibile da https://www.semanticscholar.org/

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.