Il coinvolgimento del cittadino digitale con il patrimonio | Creazione del futuro nel podcast dell'Antropocene

La ricercatrice di Heriland Nan Bai e Inez Weyermans del dipartimento del patrimonio della città di Amsterdam

In questo secondo episodio, la ricercatrice di Heriland Nan Bai spiega come i social media possono aiutare a comprendere l'impegno dei cittadini nei confronti dei siti del patrimonio. In risposta a Bai, Inez Weyermans del dipartimento del patrimonio della città di Amsterdam, fornisce le sue opinioni sui dilemmi riguardanti l'apprezzamento della famosa area dell'anello dei canali di Amsterdam.

Il coinvolgimento dei cittadini nei confronti dei siti del patrimonio è difficile da misurare. Sondaggi lunghi o feedback dei visitatori richiedono molto tempo per essere elaborati e interpretati. I social media, d'altra parte, offrono prontamente migliaia di frammenti di informazioni su come si sentono sia i visitatori che i residenti riguardo al loro ambiente. Questi post potrebbero essere "estratti" e interpretati con l'aiuto dell'apprendimento automatico, al fine di comprendere le interazioni, le percezioni e le emozioni delle persone riguardo al patrimonio culturale?

Sì, probabilmente possono, afferma Nan Bai, che ha passato gli ultimi due anni ad addestrare diversi modelli di computer per accumulare ed elaborare migliaia di post sui social media nei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO ad Amsterdam, Venezia e Suzhou. Studiando l'apprezzamento del patrimonio culturale attraverso i social media, si apre un nuovo campo di possibilità (e svantaggi): “Tradizionalmente pensiamo che lo stato del patrimonio sia determinato dagli esperti. Ma anche i cittadini e le parti interessate possono essere coinvolti. La loro conoscenza potrebbe creare importanti informazioni di base per il processo decisionale. I social media forniscono già tale documentazione della conoscenza, come richiesto dalla Raccomandazione dell'UNESCO 2011 sul paesaggio urbano storico.

Il lavoro di Inez Weyermans riguarda l'area dell'anello dei canali del XVII secolo nel centro di Amsterdam. Il centro storico della città attira milioni di turisti all'anno. Usa i social media per monitorare l'opinione dei residenti riguardo alla manutenzione dei siti. Recentemente, la ristrutturazione di ponti e banchine nel centro di Amsterdam è stata oggetto di dibattito online: “Molte opinioni riguardano decisioni su come riparare le banchine. Sono riportate allo stato storico o si devono utilizzare tecniche moderne, che cambino l'impatto visivo delle banchine?”

Nan Bai conduce il suo dottorato di ricerca sotto la supervisione della professoressa Ana Pereira Roders e dell'assistente professore Pirouz Nourian della Delft University of Technology.

Ti sei perso il primo episodio di Future Making nel podcast Anthropocene? Ascoltalo qui.

Mostra note

Link relativi alla ricerca di Nan Bai:

Link relativi ad Amsterdam:

Crediti

La serie di podcast "Future Making in the Anthropocene" è generosamente supportata dal Creative Industries Fund Netherlands e dalla Vrije Universiteit Amsterdam, che coordina i progetti dell'UE Heriland e Terranova. Entrambi i progetti sono finanziati dal programma di ricerca e innovazione Orizzonte 2020 dell'Unione europea nell'ambito della convenzione di sovvenzione Marie Sklodowska-Curie n. 813883 e n. 813904 rispettivamente.