I settori della cultura e del patrimonio si mobilitano per protestare contro la proposta di taglio di 40 milioni di euro a favore di Europa Creativa

Se i tagli verranno attuati, Europa Creativa perderà oltre il 12% del suo budget 2024. Immagine: Tela

Oltre settanta organizzazioni dei settori culturale e creativo hanno firmato una lettera di preoccupazione per quanto riguarda i tagli ai finanziamenti proposti per Europa Creativa. Il programma, che sostiene i settori culturali compreso il patrimonio, deve affrontare una battuta d’arresto di 40 milioni di euro. Si tratta di oltre il dodici per cento del budget 2024 di Europa Creativa. Paghetta per l'UE, ma un duro colpo per la cultura e il patrimonio.

L' lettera è stato inviato all'inizio di settembre ai ministri europei della Cultura e delle Finanze e ai massimi funzionari dell'UE come la presidente della Commissione Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Le organizzazioni che lo hanno firmato – tra cui NEMO, Fondazione Culturale Europea, Fondazione Europeana ed Europa Nostra tra le altre – esortano i funzionari a “riconsiderare l’attuale taglio di bilancio” e a “rafforzare il programma Europa Creativa per l’anno 2024 e in futuro”.

“Alla luce delle molteplici sfide che deve affrontare, l’Europa ha bisogno di forti finanziamenti per la cultura e di un programma come Europa Creativa, che ha dimostrato quanto sia vitale per la creatività, la diversità e la solidarietà europea”, concludono. Se la proposta venisse accettata, il bilancio 2024 scenderebbe da 331 milioni di euro a 291 milioni di euro.

Paghetta

Il motivo del taglio proposto è noto a molti in Europa. A causa dell’elevata inflazione, l’UE vuole spendere meno soldi nei prossimi anni. Un modo per farlo è apportare modifiche al cosiddetto quadro finanziario pluriennale (QFP). Questo è il bilancio a lungo termine dell’UE. L’attuale bilancio di 1,216 miliardi di euro è stato deciso nel 2021 e dovrebbe durare fino al 2027. In confronto: l’attuale bilancio di Europa Creativa rappresenta solo lo 0,198% del QFP complessivo.

Mentre la proposta cerca di riadattare il bilancio anche su altri terreni, ridurre il bilancio di Europa Creativa è una mossa strana. “I 40 milioni di euro proposti sono una paghetta per l’Ue. Tuttavia, per Europa Creativa e per i settori culturali e creativi ciò potrebbe avere un grande impatto”, spiega Gabriele Rosana, Policy Director di Cultura Azione Europa, che insieme ai suoi colleghi ha coordinato la stesura della lettera.

Investire di più e non di meno nella cultura è la migliore decisione che l’Europa possa prendere

Sneška Quaedvlieg-Mihailovic – Europa Nostra

Anche se la decisione non è ancora definitiva, il patrimonio ne subirà le conseguenze? “Il patrimonio si trova in una posizione simile a quella degli altri settori culturali nel programma Europa Creativa”, afferma Europa NostraIl segretario generale di Sneška Quaedvlieg-Mihailović. È preoccupata, anche se il taglio non rappresenta una minaccia diretta ai piani di salvaguardia e conservazione poiché questi tipi di progetti sono spesso finanziati attraverso schemi diversi.

“Meno finanziamenti significherebbero meno richieste di finanziamenti, il che si traduce in una diminuzione di progetti, cooperazione internazionale e reti. Nel frattempo, vi sono ampie prove del fatto che queste reti sono così importanti e preziose per la cultura, per il patrimonio e per l’Europa”.

Economia e valori

La notizia dei tagli proposti è stata una grande sorpresa per molti. Quaedvlieg-Mihailović non ha fatto eccezione. “È davvero molto sorprendente, considerato lo stato attuale dell’Europa e il ruolo che il patrimonio può svolgere. In un’epoca di guerra ai nostri confini e di tante minacce alla democrazia e ai valori chiave europei, il sostegno alla cultura e al patrimonio culturale è vitale”, afferma.

Quaedvlieg-Mihailović durante la prima edizione del Belgrado Heritage Forum nel maggio 2023. Europa Nostra sta attualmente coordinando il progetto pilota European Heritage Hub, che è sostenuto attraverso Europa Creativa. Immagine: Jovo Marjanovic via Flickr (CC BY-NC-SA 2.0)

Quaedvlieg-Mihailović sottolinea la lettera: “Qui possiamo vedere che il patrimonio ha anche un ruolo economico significativo. La cultura rappresenta il 4,4% del PIL dell'UE e non contiamo nemmeno settori come il turismo culturale. Tuttavia, l’importo dei finanziamenti disponibili per la cultura è davvero esiguo se si considera il budget totale”.

Sottolinea che questo non dovrebbe essere solo un argomento economico. “Il patrimonio culturale non è solo un settore ma anche un vettore di coesione, sostenibilità, promozione del dialogo e rispetto. Il sostegno di Europa Creativa consente una cooperazione internazionale che aiuta le persone a rendersi conto che il patrimonio e la cultura non sono qualcosa di nazionale per definizione. Ci sono anche strati europei, ed è proprio ciò che dovremmo evidenziare in questi tempi. Investire di più e non di meno nella cultura è la decisione migliore che l’Europa può prendere per un futuro migliore per i suoi cittadini”.

Nessuna giustificazione

Anche per Rosana la notizia del taglio proposto è stata una sorpresa. “In precedenza la commissione per la cultura e l'istruzione aveva addirittura chiesto un aumento del bilancio di 43 milioni di euro”, spiega. La richiesta è stata avanzata per due motivi. Innanzitutto per il successo di Europa Creativa: “È un programma con un numero eccessivo di iscritti. Ci sono sempre più domande che bandi e i progetti che vengono selezionati sono incredibilmente preziosi per i settori culturali e creativi”. È stato anche il motivo per cui di recente è stata nominata la commissaria alla Cultura (e al patrimonio), Iliana Ivanova ha chiarito che non ritiene giustificato alcun taglio a Europa Creativa.

Il Parlamento europeo può ancora individuare i “segnali di allarme” nella proposta. Ci aspettiamo che agiscano di conseguenza

Gabriele Rosana – Direttore Politico Culture Action Europe

In secondo luogo, sono stati richiesti finanziamenti aggiuntivi a causa del attuale struttura dei finanziamenti Europa creativa, anticipando il bilancio. "Ciò significa che un terzo del budget finanziario di Europa Creativa è stato speso durante i primi due anni di inviti al programma." È stato fatto per aiutare i settori culturali e creativi a combattere gli effetti della pandemia di Covid-19.

I budget annuali inizierebbero a diminuire già a partire dal 2024. Ciò causerebbe un doppio problema per il finanziamento di progetti culturali. “Imporre ulteriori tagli a un bilancio già in diminuzione metterà gravemente a repentaglio gli sforzi di ripresa intrapresi negli ultimi anni fino ad ora”, sottolinea la lettera.

Palla nel campo dell'Ue

Sebbene questi sviluppi siano preoccupanti, Rosana sottolinea che i tagli per ora fanno parte di una proposta e che nulla è ancora definitivo. "Il Parlamento europeo deve ancora rivedere e individuare alcuni 'segnali di allarme' nelle modifiche di bilancio proposte." In passato hanno spesso sostenuto, e addirittura sostenuto, il programma Europa Creativa l’aumento del budget nel 2021. “Ci aspettiamo che il Parlamento agisca di conseguenza”. Quaedvlieg-Mihailović è d'accordo: “Finché non si vota sul bilancio definitivo, il taglio non è ancora definitivo”.

Rimangono fiduciosi dato l’enorme sostegno e le firme ricevute dalla lettera. "Si tratta dello stesso gruppo di organizzazioni che nel 2 ha chiesto una quota equa (cioè il 2020%) per la cultura nei piani di ripresa dell'UE", afferma Rosana. “Dai media visivi alle organizzazioni giornalistiche, dai musei al patrimonio. Tutti si sono mobilitati attorno a questo e sanno che dobbiamo unire le forze”.

Quaedvlieg-Mihailović esorta gli altri a unirsi nel sostenere l'importanza della cultura e del patrimonio. “Siamo onesti, non è la prima volta che la cultura è minacciata di tagli. Dovremo utilizzare le nostre connessioni e la nostra rete per far sentire chiaramente la nostra voce”. Lei ritiene che il prossimo vertice sul patrimonio europeo a Venezia, organizzato da Europa Nostra – a cui parteciperà la vicepresidente della Commissione europea Margaritis Schinas – sarebbe un buon luogo per inviare un messaggio forte all’Europa. “È importante unire le forze e amplificare quella voce a favore del patrimonio”.

Per ora ci vorrà un po' di tempo per vedere come reagiranno tutti gli istituti europei coinvolti, appena tornati dalle vacanze estive. «Vedremo come verrà accolta la lettera e aspetteremo una risposta», dice Rosana. "E se necessario, vedremo cosa possiamo fare come azione di follow-up."

Donare