Europa creativa adottata come bilancio per i settori culturali e creativi è quasi raddoppiata

Il Parlamento europeo ha adottato il nuovo programma Europa creativa. Immagine: RossHelen / Canva (CC0)

Il 19 maggio il Parlamento europeo ha adottato il nuovo programma Europa creativa. Il suo budget è quasi raddoppiato rispetto al 2014-2020 (da 1.4 miliardi di euro), il che significa che l'UE investirà 2.5 miliardi di euro (a prezzi correnti) nei settori culturali e creativi dell'UE. Il programma sosterrà il settore culturale, i media audiovisivi e i mezzi di informazione.

Oltre al significativo aumento dei finanziamenti, Europa creativa si concentrerà sull'inclusione nel settore culturale e nelle sottocategorie colpite duramente dalla coronacrisi. Il programma ha inoltre garantito tassi di cofinanziamento più elevati per i progetti su piccola scala. 

Salvaguardia e recupero

Il programma Europa creativa è stato sviluppato con due obiettivi principali in mente, ha affermato in un comunicato stampa. “In primo luogo, la salvaguardia, lo sviluppo e la promozione della cooperazione europea sulla diversità e il patrimonio culturale. In secondo luogo, aumentare la competitività e il potenziale economico dei settori culturali e creativi, in particolare il settore audiovisivo ".

Gli attuali blocchi hanno avuto un effetto drammatico sulle comunità culturali dell'UE e hanno bisogno del nostro aiuto più che mai

Sedia CULT Sabine Verheyen

La presidente del CULT, Sabine Verheyen, spera che il programma meglio finanziato aiuterà il settore culturale a riprendersi rapidamente dalle conseguenze della coronacrisi. Poiché il 3.8% degli europei lavora nei settori culturali e creativi europei, gli investimenti di Europa creativa dovrebbero avvantaggiarli. "Hanno bisogno del nostro aiuto più che mai", ha detto Verheyen.

Cosa c'è di nuovo?

Il nuovo budget di Europa creativa sarà suddiviso su tre cosiddetti filoni: MEDIA (media audiovisivi), CULTURA (progetti culturali e creativi transfrontalieri) e progetti intersettoriali. Le componenti ricevono rispettivamente 1.427 miliardi di euro, 804 milioni di euro e 211 milioni di euro a sostegno dei progetti.

L'ultimo filone include per la prima volta il settore dei media di notizie. In questo modo, l'UE spera di promuovere l'alfabetizzazione mediatica, il pluralismo, la libertà di stampa e il giornalismo di qualità, aiutando i media ad affrontare meglio le sfide della digitalizzazione.

Un punto importante in tutti i settori inclusi è l'obbligo di promuovere l'uguaglianza di genere. Consiste nel sostegno allo sviluppo del talento femminile e al sostegno delle carriere artistiche e professionali delle donne. Le donne sono ancora sottorappresentate nelle posizioni decisionali nelle istituzioni culturali, artistiche e creative.

Segnale importante

Mariya Gabriel, Commissario per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù, ha accolto con favore il nuovo accordo. "Il programma è stato fondamentale per promuovere la diversità culturale dell'Europa e la competitività dei settori culturali e creativi", ha affermato in un comunicato stampa. "Ora è stato modernizzato per attrezzare meglio questi settori per affrontare le sfide odierne, comprese quelle provocate dalla pandemia".

L'accordo è un segnale importante per tutti i media partner europei, piccoli e grandi, e per tutti i nostri creatori

Commissario per il mercato interno Thierry Breton

Il suo collega, il Commissario per il mercato interno Thierry Breton, ha osservato che il programma Europa creativa potrebbe rivelarsi uno strumento essenziale per sostenere i settori creativo e culturale. "L'accordo di oggi è un segnale importante per tutti i media partner europei, piccoli e grandi, e per tutti i nostri creatori, in un momento in cui hanno bisogno del nostro supporto più che mai", ha affermato.

Qual è il prossimo passo?

Il Consiglio d'Europa, dove sono rappresentati tutti gli Stati membri, è l'altro colegislatore dell'UE del programma. Hanno già approvato il piano, che ora può entrare in vigore. Per selezionare le organizzazioni che riceveranno il supporto, le organizzazioni interessate possono fare domanda per le chiamate. 

Le prime proposte di collaborazione dovrebbero apparire entro l'inizio di giugno, Cultura Azione Europa segnalato. Le parti del settore culturale e creativo possono preparare le loro applicazioni durante l'estate. I risultati della selezione dovrebbero essere annunciati alla fine del 2021.

Fonte: Cultura Azione Europa, Commissione europea più Parlamento europeo

Per saperne di più, leggi politica e patrimonio o controlla uno dei tag di seguito:

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare