Comitato delle Regioni: il patrimonio culturale essenziale per rafforzare le economie delle zone rurali

Promuovere la cultura nelle zone rurali è fondamentale per lo sviluppo sostenibile, per attrarre i giovani e contrastare il declino demografico, come evidenziato nel parere di Csaba Borboly al Comitato europeo delle regioni.

Csaba-BORBOLY-Presidente-del-Consiglio-della-contea-di-Harghita-©-European-Union-John-Thys​.jpeg

Comunicato stampa COR – Sostenere la cultura e le industrie culturali nelle zone rurali è fondamentale per promuovere lo sviluppo sostenibile di queste regioni in modo che possano trattenere e attrarre i giovani e combattere il declino demografico. La partecipazione attiva degli enti locali nella gestione di queste politiche culturali è essenziale per adattare le misure alle esigenze delle zone rurali. Questi i messaggi chiave dell'opinione guidata da Csaba Borboly (RO/PPE), presidente del consiglio della contea di Harghita, adottata nel corso della sessione plenaria del Comitato europeo delle regioni il 29 novembre.

Per far fronte ai profondi cambiamenti sociali ed economici legati allo spopolamento delle zone rurali negli ultimi decenni, i leader locali e regionali hanno affermato nel loro parere su “Promozione delle politiche culturali nelle aree rurali nel quadro delle strategie di sviluppo e coesione territoriale e dell’Agenda 2030" che è essenziale sostenere e promuovere i settori e le industrie culturali e creativi (ICC) in queste aree, sostenendo che possono svolgere un ruolo cruciale nel rafforzare le economie rurali e generare occupazione, rendendo così le zone rurali luoghi più attraenti in cui vivere e vivere. lavoro.

I membri del Comitato delle regioni hanno inoltre sottolineato che il sostegno alle industrie culturali nelle zone rurali contribuirebbe a garantire che le comunità rurali abbiano un accesso più equo alle offerte culturali, favorendo pari opportunità per le popolazioni urbane e rurali. Le regioni e le città hanno affermato che, a tal fine, è essenziale migliorare e ampliare le infrastrutture digitali per consentire agli operatori culturali di insediarsi e operare nelle aree rurali.

Il patrimonio naturale e culturale delle zone rurali d'Europa, comprese le conoscenze e le pratiche tradizionali e le loro caratteristiche uniche, nonché la biodiversità, costituisce una risorsa eccezionale per lo sviluppo locale, sostiene il parere. Il CdR ha fortemente sostenuto la promozione dei beni culturali rurali, come l’artigianato locale, i prodotti regionali e la gastronomia, attraverso il turismo culturale sostenibile. Questo approccio non solo stimola l’economia rurale, ma mette anche in mostra le identità locali uniche di queste regioni.

Il Comitato delle regioni ha sottolineato che gli enti locali e regionali dovrebbero svolgere un ruolo significativo nella definizione e nell'attuazione delle politiche culturali, poiché sono le strutture di governo più vicine ai cittadini e che meglio conoscono le specificità dei loro territori e delle loro popolazioni.

Citazione:

Relatore Csaba Borboly (RO/PPE) ha dichiarato: “L’ambiente rurale europeo ha subito profondi cambiamenti strutturali che hanno avuto un impatto su molteplici ambiti: politico, sociale, economico, ambientale e culturale. Nonostante queste sfide, sono emersi approcci innovativi, ridefinendo il paesaggio rurale e presentando nuovi paradigmi culturali nel contesto della crisi eco-sociale prevalente. La preservazione del patrimonio culturale è fondamentale poiché va oltre le mere considerazioni economiche o etnografiche, costituendo l’identità centrale delle regioni”.

Maggiori informazioni

Le Le zone rurali dell'UE – i comuni e i comuni europei con dimensioni o densità di popolazione basse ospitano 137 milioni di persone, che rappresentano quasi il 30% della popolazione dell'UE e oltre l'83% del suo territorio.

Riconoscendo la gamma di sfide affrontate dalle zone rurali, nel giugno 2021 la Commissione europea ha pubblicato una comunicazione che definisce una strategia visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE fino al 2040 e un piano d’azione rurale globale per aiutare le comunità e le imprese rurali a raggiungere il loro pieno potenziale.

Anche la Commissione Europea ha recentemente pubblicato a rapporto su come la partecipazione dei cittadini alle attività culturali migliora l’impegno civico, la democrazia e la coesione sociale.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare