Commissario: “il patrimonio tutelato può essere esentato dalle misurazioni del Green Deal”

La posizione del patrimonio nel piano di sostenibilità dell'UE si è quasi persa nella traduzione - Di Christian Pfeiffer

Il commissario europeo Frans Timmermans: "Bruxelles non ti dirà che non puoi vendere la tua casa se non viene ristrutturata". Immagine: Georges Boulougouris/UE

Il patrimonio culturale può essere esentato dalle misure derivanti dall'ambizione dell'Unione europea di essere energeticamente neutrale entro il 2050. Lo ha affermato in precedenza il commissario europeo Frans Timmermans presentando i piani dell'UE. Il punto è quasi andato perso nella traduzione quando Timmermans è cambiato improvvisamente in italiano e il traduttore ha mancato l'affermazione. Questa settimana è stato confermato che il patrimonio può essere esentato dal portavoce di Timmermans dopo le richieste dell'European Heritage Tribune.

Le misure per realizzare un'Unione europea a impatto climatico zero sono state varate due anni fa all'insegna del Green Deal europeo. L'accordo include un pacchetto di misure per eliminare gradualmente le emissioni degli Stati membri dell'Unione. È fondamentale compiere rapidi progressi, ad esempio, nel rendere più sostenibile il patrimonio abitativo esistente. Dopo la guerra in Ucraina, l'urgenza è aumentata solo a causa della dipendenza dell'UE dal gas russo. L'Europa ha fretta. Gli sviluppi concreti sono ora in atto e stanno procedendo rapidamente.

Gli edifici sono responsabili del 40% del consumo energetico europeo e di oltre il 35% dei gas serra legati all'energia. Più di un terzo degli edifici europei avrà 50 anni e tre quarti sono etichettati come inefficienti dal punto di vista energetico.

Perso in traduzione

“I cambiamenti in questo settore sono troppo lenti. E l'urgenza di iniziare con la ristrutturazione è enorme”, ha dichiarato il commissario europeo Frans Timmermans al conferenza stampa a dicembre 2021 (codice temporale video 02:47). Tuttavia, quando Timmermans è passato durante il suo intervento dall'inglese all'italiano per affrontare alcuni dettagli in più, il traduttore è rimasto sorpreso dal cambiamento. Nel suo tentativo di raccogliere ciò che stava dicendo Timmermans, il traduttore ha accidentalmente tralasciato l'informazione cruciale sul patrimonio culturale e sulla sua posizione speciale. Ora, un portavoce di Timmermans ha confermato che il patrimonio può essere esentato dal Green Deal.

Un burocrate di Bruxelles non si impossessa della tua casa se non viene ristrutturata

Frans Timmermans

Tutti dovranno fare i conti con le misure che l'Europa adotterà per affrontare questo problema. "Le etichette energetiche saranno obbligatorie per tutti gli edifici e ogni edificio con un'etichetta energetica G, che rappresenta circa il 15% del totale, dovrà avere almeno un'etichetta energetica F entro il 2030 e l'etichetta E entro il 2033", ha affermato Timmermans. Ciò significa che il tempo stringe per milioni di edifici nell'UE.

Gli enormi arretrati energetici dovrebbero essere recuperati in meno di otto anni. Ora, il patrimonio può essere esentato dalle misure. “Bruxelles non ti dirà che non puoi vendere la tua casa se non viene ristrutturata. E un burocrate di Bruxelles non si impossessa della tua casa se non viene ristrutturata. Il patrimonio culturale è tutelato».

La libertà

Gli Stati membri dovranno tradurre le nuove norme europee nella legislazione nazionale non appena saranno adottate. C'è ancora spazio quando si tratta di implementare queste misure nella politica nazionale, quindi c'è un'opportunità per esentare il patrimonio. Ciò che sarà considerato patrimonio e ciò che non effettuerà la selezione, dipende dagli stessi Stati membri.

Tuttavia, l'impatto si farà sentire nel settore del patrimonio, perché molto lavoro dovrà essere fatto attorno ai perimetri dei monumenti. Inoltre, la sfida della sostenibilità nei centri storici, ad esempio, è enorme. Un compito già rappresentato, tra gli altri, da Europa Nostra nel Libro verde sul patrimonio culturale europeo.

X