Il patrimonio può servire come mezzo per combattere la contrazione rurale?

Autore: Alma Hoekstra

Alma om a "Frysk Hynder". Foto: Jasper van Doeselaar

È un fenomeno mondiale: la città è richiesta mentre la popolazione delle campagne si sta riducendo. Il risultato è il rapido aumento dei prezzi delle case nelle aree urbane e la scomparsa delle strutture nella provincia. Secondo il Convenzione di Faro, il patrimonio dovrebbe svolgere un ruolo nelle questioni sociali. Il patrimonio può servire come mezzo per combattere la contrazione rurale?

Ne ho parlato con Gijsje Stephanus. Per il suo studio "Tecnologia umana" presso la Hanze University of Applied Sciences di Groningen, ha svolto una ricerca l'influenza del patrimonio sulla qualità della vita nei piccoli villaggi.

Secondo lei, è soprattutto la qualità di un luogo che conta, e il patrimonio fa parte di questo: “Quando il patrimonio è vivo e le persone ne fanno uso, aumenterà l'apprezzamento per il villaggio. E più attraente è il villaggio, più persone verranno a viverci. "

È soprattutto la qualità di un luogo che conta e il patrimonio fa parte di questo

La campagna non mi è estranea. Sono cresciuto in un villaggio di 345 abitanti nella provincia rurale olandese della Frisia. Nel mio villaggio tutti si conoscono e i miei soli quattro compagni di classe avevano tutti un cavallo.

Le uniche strutture, la mensa e la scuola elementare che ho frequentato, sono scomparse. Eppure, non vi è alcuna contrazione. Forse nasceranno meno bambini, ma il villaggio è tenuto in vita da ricchi cittadini in pensione con una barca a vela, che vengono a godersi i loro vecchi tempi.

Un sacco di patrimonio e tradizioni

E dove c'è di meglio che nella bellissima Frisia, dove c'è abbondanza di patrimonio vivente e tradizioni? C'è molta cultura, cibo e pratiche regionali: la lingua frisone, sukerbolle, il 'elfo steden', Fryske hynder, skûtsjesilen... tutto questo patrimonio culturale rende orgogliosi i Frisoni e mantiene attraente la provincia. Gijsje potrebbe avere ragione?

Tipica campagna della provincia olandese della Frisia

Un 'villaggio monastico'

Un villaggio in cui il patrimonio culturale è sicuramente utilizzato per aumentare la qualità della vita è Kloosterburen, un piccolo villaggio nel nord dei Paesi Bassi. Nel Medioevo c'era un monastero a Kloosterburen.

Sebbene l'attuale monastero sia per lo più scomparso, il patrimonio immateriale, "l'idea monastica", viene utilizzato come fonte di ispirazione per mantenere il villaggio attraente e vivibile.

Secondo la filosofia monastica, tutto deve essere collegato. Questa idea è stata applicata alle varie istituzioni sanitarie che rischiavano di crollare.

L'assistenza agli anziani, ai portatori di handicap e ai bambini viene ora fornita da un'unica squadra, in modo che tutti questi gruppi possano continuare a coesistere. Inoltre, i terreni del monastero sono stati trasformati in un orto comunitario e la vecchia chiesa in una scuola di yoga.

E funziona: a differenza di altri villaggi della zona, Kloosterburen sta crescendo. E proprio come nel mio villaggio, i nuovi residenti sono ricchi abitanti delle città.

Orto comunitario a Kloosterburen

Difficile accettare il cambiamento

Il vivace patrimonio sembra rendere i piccoli villaggi attraenti per i nuovi arrivati. Ma questo porta anche a un cambiamento nella vita del villaggio. Sia a Kloosterburen che nel mio villaggio, l'arrivo degli abitanti delle città ha causato tensioni. Erano estranei, con interessi diversi e una cultura e una lingua diverse.

Questo è stato difficile per gli abitanti del villaggio che hanno paura del cambiamento e amano molto le cose che sono state le stesse da anni. "It hoecht net remi" (= 'Non deve essere diverso') è il motto scritto su una delle case del mio villaggio.

Populismo

L'arrivo di nuovi arrivati ​​e lo scontro di culture non è solo un problema nelle campagne olandesi. Ad esempio, il famoso architetto olandese Rem Koolhaas e la giornalista Caroline de Gruyter hanno sottolineato che i cambiamenti nelle campagne stanno portando a un crescente populismo.

Nel villaggio svizzero in cui Koolhaas aveva una casa per le vacanze, la popolazione agricola originaria è scomparsa in vent'anni. Al suo posto, ricchi cittadini e immigrati vennero a vivere in complessi di appartamenti.

Vigneti e terreni agricoli trasformati in uffici. Secondo De Gruyter, questi sviluppi significano che in molte di queste aree il Partito popolare svizzero (UDC) conservatore e di destra è il più grande. Gli abitanti originari vedono il loro vecchio mondo andare in fumo. Più perdono autorità sui loro villaggi, più diventano nostalgici e conservatori.

L'accettazione arriva con il tempo

Fortunatamente, la pace è tornata sia nel mio villaggio che a Kloosterburen. I nuovi arrivati ​​sono stati accettati. Forse perché si riconosce che non sono solo un peso, ma anche una fonte di guadagno e un modo per mantenere in vita le campagne.

Il patrimonio e le tradizioni viventi agiscono come un richiamo, ma la popolazione indigena dovrà accettare che i nuovi arrivati ​​non solo daranno un contributo, ma porteranno anche il cambiamento.

Circa l'autore

Alma Hoekstra è un'amante di 23 anni di tutte le cose. Attualmente lavora come redattore capo di Erfgoedstem, la versione olandese di Heritage Tribune, e studia Storia dell'architettura presso la VU. È stata incaricata dall'Agenzia per il patrimonio culturale dei Paesi Bassi di condurre ricerche sulla Convenzione di Faro. Questo trattato europeo sottolinea il valore sociale e di collegamento del patrimonio e l'importanza della partecipazione. Faro è già stato firmato da molti paesi europei. Anche i Paesi Bassi intendono firmare il trattato. Ora si sta indagando su cosa può significare il trattato per i Paesi Bassi. Alma accompagna i suoi lettori nel suo viaggio di scoperta a Faro scrivendo blog e interviste.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

X