"Costruisci su ciò che è già presente": come il patrimonio può contribuire a un futuro sostenibile

La chiesa domenicana di Maastricht è un famoso esempio di riqualificazione di un edificio storico: ospita una libreria dal 2007. Immagine: Sb2s3/Wikimedia (CC BY-SA 4.0)

Mentre l'Europa cerca di costruire un futuro sostenibile, si pone la questione di come gli edifici possano contribuire a quel futuro. E mentre costruire nuove case, uffici e altre strutture più sostenibili è una buona idea, il riutilizzo delle strutture esistenti è una pratica di cui forse più persone dovrebbero parlare. I luoghi recentemente riqualificati mostrano già che un tale cambiamento di prospettiva sta dando i suoi frutti: risparmiando risorse e collegando la società al proprio patrimonio.

“Nei primi anni o secoli era del tutto ovvio continuare a costruire sulle cose quando finalmente erano lì. Era semplicemente un modo per conservare le risorse utilizzando le cose esistenti”, spiega l'architetto greco Peter Brückner, a DW. È stato coinvolto nella riconversione di un ex carcere a Tirschenreuth, in Baviera (Germania), in un luogo per scopi educativi. Uno sviluppo che è anche storicamente corretto, secondo lui. "Come sappiamo, sono state costruite chiese e anche altri edifici".

È un po' un aggiornamento, dicendo che gli edifici sono preziosi per la società semplicemente perché hanno un posto nella mente delle persone

Peter Kuchenreuther

L'architetto ritiene che questi vecchi edifici possano dare un nuovo contributo alla società, come un ex carcere a Tirschenreuth. "Per noi, questo ha a che fare con il rispetto per il luogo e per l'energia che è stata impiegata nella costruzione di questi luoghi", spiega Brückner. E cambiando la funzione e riproponendo la struttura, l'ex carcere sta ora contribuendo di nuovo alla società in un modo in cui un edificio scolastico nuovo di zecca non sarebbe stato in grado di fare.

"È un po' un aggiornamento o un pulsante di ripristino per il settore immobiliare, dicendo che gli edifici sono preziosi per la società semplicemente perché hanno un posto nella mente delle persone", sottolinea l'architetto Peter Kuchenreuther sull'importanza di mantenere la dimensione storica quando si riutilizzano vecchi edifici. Perché se un vecchio edificio viene demolito, anche i ricordi esistenti che le persone hanno di quel luogo svaniranno. Riqualificando le vecchie strutture, la società trarrà vantaggio dal loro nuovo uso e conserverà il proprio patrimonio attraverso la memoria. “E questi ricordi diventano effettivamente più della somma delle loro parti. Allora non stiamo costruendo una struttura, stiamo costruendo una città”, dice Kuchenreuther.

'Cultura della Riqualificazione'

Certo, non è semplice adattare gli edifici ai moderni standard ambientali. Progetti di alto profilo come il Green Deal europeo mirano a garantire che gli edifici nuovi ed esistenti diventino più sostenibili, nonostante il patrimonio edilizio può essere escluso da queste regole. E che dire del Nuovo progetto europeo Bauhaus? L'UE spera di immaginare un futuro "arricchente, sostenibile e inclusivo" per l'Europa, compresi gli edifici.

Grandi parole sostenute da grandi finanziamenti e molta energia e impegno. Tuttavia, lavorando con quello che c'è già, può essere un modo praticabile e sostenibile di utilizzare le risorse. “Costruire all'interno di strutture esistenti è vitale quando si tratta di raggiungere i nostri obiettivi climatici”, afferma Tim Rieniets, autore del libro UMBAUKULTUR (cultura della riqualificazione).

“Perché, e questo è qualcosa che non è ancora del tutto chiaro, solo la costruzione dell'edificio da sola richiede un'incredibile intensità energetica”, dice. “In altre parole, prima di accendere il riscaldamento o le luci nella mia nuova casa, ho già dovuto investire enormi quantità di energia per costruirla”.

L'Holz-Blockhaus a Landshut (Germania), risale al 1486, un edificio storico iconico e riqualificato. Immagine: August64/Wikimedia (CC BY-SA 4.0)

Nessuno stato finito

E come l'ex carcere di Tirschenreuth, l'Europa ha innumerevoli esempi di edifici riqualificati con successo, che sono diventati punti di riferimento iconici. Prendiamo ad esempio l'ex chiesa domenicana a Maastricht, nei Paesi Bassi, che ora ospita una libreria. O l'appariscente Elbe Philharmonic Hall di Amburgo, in Germania, dove una costruzione in vetro è stata costruita su un vecchio magazzino di mattoni per creare una delle sale da concerto più grandi d'Europa. O un recente progetto a Ede, nei Paesi Bassi, dove un'enorme ex fabbrica è stata riconvertita, tra le altre cose, per l'edilizia abitativa.

"Ci vuole tempo perché l'energia si accumuli in un edificio e l'attrattiva di queste conversioni sta nel poterla attingere", afferma l'architetto Markus Stenger. La sua agenzia di architettura ha riproposto una casa in legno a Landshut originariamente costruita nel 1486. ​​Ha cambiato proprietà più di quaranta volte e nel corso degli anni le persone hanno continuato a costruire o modificare la struttura originale, impiegando tonnellate di energia e risorse, Stenger ritiene che l'edificio sia un eccellente esempio di utilizzo degli edifici in un modo che la società ha dimenticato oggi: che le costruzioni intorno a noi sono in uno "stato finito".

“Ed è quello che vogliamo, che una volta ben finalizzato, sia pronto per l'uso. Ma ci siamo resi conto che non è così”, dice Stenger. “Per me la cosa più importante della casa è che vedi un edificio che ha resistito per più di 540 anni. Uno che ha dimostrato la sua resilienza sufficiente per adattarsi a ogni possibile utilizzo. Ogni ordine sociale, ogni funzione e ogni tipo di persona. E riproponendolo, Landshut è ora un punto di riferimento iconico e ben conservato più ricco. “Per riassumere semplicemente, è trasformare di nuovo un non-luogo in un luogo”, dice Stenger. Quando le persone hanno una connessione con un luogo, iniziano a prendersene cura in un certo modo e diventa parte di una memoria collettiva.

Aggiorna la prospettiva

Insomma, il settore immobiliare e delle costruzioni trarrebbe un serio vantaggio da una nuova prospettiva sui vecchi edifici. Invece di demolire le vecchie strutture, esaminare le opportunità per riutilizzarle per nuove funzioni potrebbe essere un'aggiunta sostenibile al futuro dell'Europa. Costruire su strutture esistenti è "l'approccio più sostenibile di tutti", afferma Brückner.

E oltre al risparmio di risorse ed energia, il riuso di vecchi edifici crea un altro vantaggio fondamentale: con nuove funzioni, le strutture possono tornare a dare un contributo alla società. Le persone diventeranno più consapevoli della storia di un edificio e del loro ambiente, e quella connessione con il passato può diventare un ottimo modo per collegare veramente la società al suo passato, che altrimenti sarebbe stato demolito e dimenticato.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare