South Mathiatis Mine – Strongylos: un controverso sito Patrimonio dell'Umanità a Cipro

Figure 1
Figure 1

I Patrimoni dell'umanità sono considerati monumenti importanti, in cui si riflette la cultura di un paese. I monumenti sono considerati edifici storici, chiese, città murate, villaggi rurali ecc. Ma che dire delle miniere? L'isola di Cipro ha una lunga storia mineraria che risale ai tempi antichi e si espande fino ai giorni nostri. Miniere nel 20th secolo ha lasciato la sua impronta con pozzi a cielo aperto intorno alle colline pedemontane dei monti Troodos (Figura 1). La maggior parte di queste miniere non è stata ancora ripristinata, ad eccezione della miniera di Amiantos. Ogni miniera ha la sua storia e riflette l'importanza a lungo termine della loro protezione per la conservazione della storicità dell'isola del rame.

Inviaci tramite: Thea Christoforo.

Dopo la crisi economica del 2013 avvenuta a Cipro, un enorme interesse per l'estrazione dell'oro si è verificato da parte delle compagnie minerarie dell'isola. il 20th Le miniere abbandonate del secolo scorso sembravano essere preziose, soprattutto quelle che conservano ancora un numero significativo di risorse minerarie.

Strongilo miniera, nel villaggio di Mathiatis (distretto di Nicosia) è stata la prima miniera ad attirare l'interesse di una società mineraria locale, la “Hellenic Copper Mines LTD” (Figura 2). Nel 2017, la società mineraria ha presentato una VIA (valutazione dell'impatto ambientale) per il permesso di estrarre oro e altri minerali nella miniera, rimuovendo la vecchia discarica di rifiuti degli anni '1930 e estraendo più in profondità nella fossa a cielo aperto. Fu allora che venne fondata un'Iniziativa locale, intitolata “Gruppo Storico e di Protezione Ambientale di Mathiatis” per impedire che questo progetto minerario avesse luogo.

Figura 2: miniera di Strongylos. Fonte: https://www.instagram.com/mathiatis.hep.initiative/?hl=el 
mathiatis.hep@gmail.com

Il caso di Strongilo lasciava perplessi, non solo per la politica di sviluppo del governo, che sottolineava gli sforzi della compagnia mineraria, ma anche per il sostegno degli investitori che cercavano vantaggi finanziari dallo sfruttamento della miniera. Attraverso numerosi colloqui con i Dipartimenti Governativi e al Parlamento, nonché con la presentazione di lettere, i membri dell'Iniziativa hanno cercato di fermare la compagnia mineraria (Figura 3). La prima domanda della società è stata rifiutata, il che ha dato all'Iniziativa un importante asset per il futuro. L'azienda ha fatto nuovamente domanda per la seconda volta, utilizzando il ripristino ambientale come pretesto per accedere alla miniera di Strongilo (Figura 4). Anche questo sarebbe stato un problema, dal momento che la pratica abituale delle aziende in generale è quella di ottenere il permesso e poi alternarlo per ottenere più accesso al sito. Questa volta l'azienda ha ottenuto il permesso di rimuovere solo le discariche, senza ulteriori estrazioni. Naturalmente, la rimozione delle discariche ha causato ulteriori problemi ambientali. Dopo che le discariche sono state rimosse, l'azienda è stata obbligata a ripristinare l'area piantando alberi.

Figura 3: Foto di gruppo delle Giornate europee del patrimonio, 2017, organizzate dal Gruppo storico e di protezione ambientale Mathaitis presso la miniera di Strongylos. Sullo sfondo si possono vedere le vecchie gallerie/pozzi della miniera. Fonte: Iniziativa HEP

Anche se il caso è considerato chiuso, la minaccia è ancora imminente. Nel dicembre 2020 è stata presentata una recente VAS (Valutazione Ambientale Strategica) del Ministero dell'Agricoltura, dove è stato presentato un piano completo di ripristino delle miniere abbandonate dell'isola. Tra le diverse questioni discusse, viene fornita una sezione per spiegare che ci sono ancora risorse minerarie che potrebbero essere sfruttate, e Strongilo il mio è incluso in quella lista.

Figure 4

A questo punto è importante sottolineare il fatto che la South Mathiatis Mine è candidata monumento UNESCO dal 2002, nella Categoria Mista di Paesaggio Naturale e Culturale. Come cita il sito ufficiale dell'UNESCO: “Questo sito deve essere considerato come parte dell'ofiolite di Troodos, un frammento di 90 milioni di anni fa di crosta oceanica estremamente ben conservata. Questo è un eccellente esempio di deposito massivo di solfuro di tipo vulcanogenico di Cipro dove la parte superiore ossidata non è stata distrutta. Nelle pareti della fossa sono conservate antiche gallerie e cunicoli (romani) così come le varie “ocre” della zona di gossan.”. È l'unica miniera che detiene tale titolo ed è il secondo monumento a Cipro in questa categoria. È di grande importanza chiedersi se lo sfruttamento delle risorse minerarie sia di tale essenza da mettere ulteriormente in pericolo questo monumento del patrimonio culturale e naturale. Oltre a quanto sopra, la miniera porta ancora molte prove archeologiche che aspettano di essere ricercate e studiate. Il sito stesso è stato quasi restaurato dal punto di vista ambientale e per l'assenza di fattore umano, la flora e la fauna sono riemerse in un punto di notevole valore ambientale. Specie di pipistrelli in via di estinzione, protette dalla legge europea, abitavano i pozzi-gallerie abbandonati della miniera (Figura 5).

Figura 5: Pipistrelli Myotis Nattereri all'interno delle gallerie abbandonate della miniera Strongylos, nel 2018. Fonte: Manos Botrini

In modo considerevole, qualcuno potrebbe chiedersi, perché un monumento così importante non è stato dichiarato ufficialmente monumento UNESCO, una domanda che dovrebbe essere rivolta ai Dipartimenti governativi. Una domanda più intrigante è perché un governo europeo valuti un monumento unicamente per il suo possibile sfruttamento finanziario e non per il suo evidente carattere ambientale e culturale attuale?

Il “Gruppo Storico e Tutela Ambientale di Mathiatis” L'iniziativa ha suggerito fin dall'inizio che un sito come Strongilo il mio dovrebbe essere trasformato in un museo a cielo aperto dove si possa testimoniare la natura (geologia, flora, fauna) e la cultura (archeologia, storia) (Figura 6). L'area è già stata inclusa nel percorso Self-drive “Itinerario Cipro del Rame” del Vice Ministero del Turismo, insieme ad altre miniere della zona. Diverse università e istituzioni di tutto il mondo visitano Cipro per ricercare ed esplorare le miniere abbandonate. La candidatura dell'UNESCO dovrebbe essere considerata una grande opportunità per il governo di Cipro di seguire un piano sostenibile per Strongilo il mio.

Figure 6

In conclusione, le miniere di Cipro sono monumenti importanti quanto altri siti. Il loro ripristino ambientale e promozione culturale potrebbe essere una grande risorsa per il governo cipriota, finanziariamente e culturalmente. La lunga storia dell'isola di sfruttamento delle risorse minerarie può seguire una direzione diversa verso uno sviluppo sostenibile, piuttosto quella della distruzione ambientale e culturale.

Circa l'autore

Thea Christoforou è un'archeologa e attivista di Cipro. Attualmente è dottoranda in Archeologia presso l'Università di Cipro. Ha lavorato professionalmente e volontario in diverse ONG, lavorando sulla promozione e la protezione del patrimonio naturale e culturale di Cipro (Almyras-Cultural & Environmental Workshop, Historical & Environmental Protection Group of Mathiatis, Association of Cypriot Archaeologists).

Testimonianze

  1. http://www.amiandos.eu/el/
  2. http://hcm.com.cy/site/ 
  3. https://www.facebook.com/historicalandenvironmentalgroupmathiatis
  4. https://cyprus-mail.com/2017/04/21/new-life-ancient-mathiatis-mine
  5. https://cyprus-mail.com/2018/08/04/mathiatis-groups-slam-mining-companys-trojan-horse-plan-to-extract-gold/
  6. Κυπριακή Δημοκρατία – Υπουργείο Γεωργίας, Αγροτικής Ανάπτυξης και Περιβάλλοντος – Τμήμα Γεωλογικής Επισκόπησης. μος 2020. ατηγική Μελέτη Περιβαλλοντικών Επιπτώσεων του Σχεδίου Δράσης Εγκαταλελειμμένων Μεταλλείων της Κύπρου (Αρχική ΜελέτηIACO. Consulenti ambientali e idrici http://www.moa.gov.cy/moa/environment/environmentnew.nsf/All/714E948AC0AB8767C225864600261B4E/$file/M20200501.pdf?OpenElement
  7. https://whc.unesco.org/en/tentativelists/1674/
  8. https://www.visitcyprus.com/index.php/en/discovercyprus/rural/cultural-routes/item/655-copper-cultural-route

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.

Donare