Il Pont du Trous nella parte centrale di Tournai viene rimosso

"Patrimonio che muore": una quantità preoccupante di demolizioni in Belgio

Una quantità preoccupante di demolizioni in Belgio

Dallo scorso anno sono apparse molte notizie sulla demolizione del prezioso patrimonio belga. Spesso le iniziative di demolizione sembrano avere lo stesso background.

Autore: Karel Loeff, direttore dell'associazione olandese per il patrimonio culturale Heemschut
La traduzione: Stella van Ginkel

Per me, lo smantellamento del Pont du Trous a Tournai nel luglio del 2019 è stato un chiaro segnale per prestare maggiore attenzione a ciò che sta accadendo al patrimonio del Belgio. La porta medievale della città sul fiume Schelda è stata demolita per rendere possibile l'ampliamento del canale. La ricostruzione del ponte inizierà il prossimo anno. Il nuovo Pont du Trous avrà un passaggio più ampio in modo che le navi più grandi possano passare.

La parte centrale del Pont du Trous è stata rimossa per ampliare il canale

Uno sviluppo preoccupante

Questo esempio ha attirato l'attenzione a livello nazionale, ma se segui i post di Facebook dal Belgio, sta diventando evidente uno sviluppo preoccupante, specialmente nelle Fiandre. Nella città di Gand è in corso una battaglia per preservare il Moederschool dal 1913. L'ubicazione della scuola sarebbe stata utilizzata per un nuovo supermercato Aldi. Anche a Gand, uno speciale Grotta di Lourdes nei pressi del monastero dei Fratelli della Carità è già stato demolito.

La grotta di Lourdes a Gand

Questa estate, il Comunità Facebook Sterfgoed ("patrimonio morente") pubblicato sulla demolizione legale di un edificio a Blankenberge. Questa residenza in stile fiammingo del 1917 vicino alla piazza del mercato deve fare spazio a un complesso di appartamenti.

Nota: da quando è stato pubblicato l'articolo originale, la casa è stata salvata. Il governo provinciale ha dichiarato non valido il permesso di demolizione del comune.

La residenza di città a Blankenberge. (Foto IF)

Porto, fabbriche, ville

Nemmeno i porti sono sicuri. A Gand, l'estate scorsa è stata autorizzata la demolizione di una vecchia fabbrica di cemento piena di graffiti. E ad Anversa, grandi silos e hangar sono stati vittime di mazze. Al sicuro per un silo di mattoni, gli edifici SAMGA al Noordkasteel sono storia. Sorprendente, perché nei Paesi Bassi, appena a nord del Belgio, edifici simili vengono spesso salvati e assegnati a un nuovo scopo.

È chiaro che la frenesia dello sviluppo nelle Fiandre è nel suo periodo d'oro, a scapito del patrimonio fiammingo. Molto patrimonio è stato incluso nell'inventario del patrimonio immobiliare, ma i governi locali possono ancora decidere di consentire la demolizione. Non sempre si tiene conto di valutazioni chiare e la resistenza è solitamente locale e limitata. Ciò è spesso dovuto a interessi politici: un'unione locale di guide cittadine potrebbe non voler protestare perché ottengono i loro fondi dallo stesso governo che consente la demolizione. D'altra parte, nella città di Hove, ha postato un movimento politico un appello già pronto online per fermare la demolizione di una villa di inizio secolo (Olandese).

Villa Henriëtte a Hove

Monasteri e strade

Anche un importante patrimonio religioso è vittima di questa tendenza. A Melsbroek, un monastero delle Orsoline di 200 anni deve lasciare il posto a un nuovo centro per la SM. Ancora una volta, il governo municipale ha permesso la demolizione. Per salvare questo pezzo caratteristico del patrimonio di Melsbroek, un comitato spera di raccogliere 5000 € in modo che possano assumere un avvocato per assistere nella loro causa.

Il monastero delle Orsoline a Melsbroek. Immagine: Bart Verstockt

A Gits, nelle Fiandre occidentali, il monastero locale deve cedere a una nuova scuola. L'imponente edificio è apparentemente inadatto per un altro scopo, e la cappella rimanente "contrasterebbe bene" con un edificio moderno! L'architetto afferma che nemmeno le facciate possono essere salvate. Ancora una volta, un gruppo di abitanti e altre parti interessate stanno facendo una campagna per salvare il monastero.

Il monastero di Gits.

'Dement Oostende'(Olandese) è il nome di una comunità Facebook preoccupata per la demolizione di un patrimonio prezioso nel comune costiero. Alla fine dello scorso anno, hanno avuto delle notizie positive: il tribunale ha, per la terza volta, dichiarato non valido il permesso di demolizione per l'Hotel du Louvre in stile art déco. Nel frattempo, tuttavia, lo sviluppatore immobiliare Desimpel ha lasciato che l'edificio decadesse sotto gli occhi del governo municipale.

Il metodo belga?

In Belgio, lasciare che il patrimonio decadesse sembra essere un modo accettato per ottenere finalmente un permesso per la distruzione totale e nuovi sviluppi. Il destino del castello Goorhof a Grobbendonk è incerto da anni. Nel 1999 è stato appiccato un incendio in otto punti. Dopo vent'anni non è stato ancora fatto nulla per riparare il castello. È ora che le persone inizino a fare pressioni per una migliore protezione del patrimonio in Belgio, ed è particolarmente importante che i manifestanti si uniscano. Grazie a Facebook, è chiaro che stanno accadendo cose molto più serie di quanto avremmo potuto immaginare.

La situazione in Vallonia

A Huy, in Vallonia, dopo un lungo periodo di proteste la storica villa Maison Janssen è stata demolita per fare spazio a nuove case. A Verviers, un'intera storica via dello shopping doveva lasciare il posto alla costruzione. Questa strada, chiamata Spintaystraat, contiene 21 facciate di negozi, sei delle quali sono state demolite lo scorso ottobre. Il consiglio comunale ora vuole demolire anche gli altri edifici, anche se sono nell'inventario e sono molto caratteristici del centro cittadino. Ma lo sviluppatore vuole costruire un centro commerciale e gli edifici stanno diventando instabili ...

Lo Spintaystraat a Verviers.

Silenzio dal KVNS

Il progetto Associazione olandese del patrimonio "Heemschut" è stata fondata per proteggere il patrimonio culturale olandese. Heemschut ha espresso le sue preoccupazioni alla sua organizzazione sorella fiamminga, il KVNS. Finora Heemschut non ha avuto alcuna reazione. Pertanto, vorremmo che fosse fondata una nuova organizzazione non profit belga in modo che il patrimonio belga possa essere protetto in modo più efficace. Vorremmo supportare tutti gli iniziatori. Nel frattempo, sosteniamo le organizzazioni locali e scriviamo alle autorità locali belghe.

Logo Heemschut

Traduzione: Stella van Ginkel

Per saperne di più sul patrimonio in via di estinzione, fare clic su qui o controlla uno dei tag di seguito:

X