Mentalità da bunker: questa reliquia della paranoia comunista albanese potrebbe diventare un'attrazione turistica?

Kukës visto da nord attraverso il lago.
Kukës visto da nord attraverso il lago. Albinfo Wikimedia CC BY 4.0

Per quasi vent'anni, Feti Gijci ha lavorato a un progetto così riservato che è stato incaricato di chiudere i piani in una cassaforte ogni sera prima di lasciare il suo ufficio e non parlarne mai ad amici e familiari. Gijci era il capo progettista della città di Kukës, in Albania, durante il regime comunista sotto il dittatore stalinista Enver Hoxha la cui paranoia e paura della guerra imminente portarono alla costruzione di centinaia di migliaia di bunker per difendere la sua popolazione dalla minaccia di invasione.

Il grande piano è stato realizzato per consentire alla popolazione di 10,000 persone di vivere in modo autosufficiente nella città sotterranea per un massimo di 6 mesi durante la guerra. Tuttavia, il regime cadde e la città completamente attrezzata fu abbandonata.

Da allora, quasi dopo 30 anni di abbandono, Safet Gjici, il nuovo sindaco della città, vuole aprire al pubblico la città sotterranea come attrazione turistica. Tuttavia, la tendenza a convertire il patrimonio comunista in attrazioni turistiche a tema è messa in dubbio da alcuni.

Per saperne di più sulla città sotterranea, accedi a Custode.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in inglese. I testi in altre lingue sono tradotti dall'intelligenza artificiale. Per cambiare lingua: vai al menu principale in alto.